LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

De Lucia Non basta per Roma servono regole più rigide
Cecilia Gentile
2018-03-21, LA REPUBBLICA




Il centro storico di Roma deve essere riconosciuto bene culturale nella sua interezza, con un vincolo posto direttamente dal ministero.

Lurbanista Vezio De Lucia, insieme a Italo Insolera e ad Antonio Cederna sempre in prima linea per la difesa dei beni culturali, sa che questo è lunico modo per salvare i centri storici dalla decadenza.

De Lucia, il centro storico di Roma è senza difese.

È una ferita che riguarda tutti i centri storici italiani, ad eccezione di casi isolati.

Perché?

I centri storici sono stati considerati tradizionalmente luoghi in cui cera densità di monumenti, ma il tessuto non era considerato meritevole di rispetto. La grande rivoluzione lha fatta nel 1970 Antonio Cederna con la Carta di Gubbio, che considera il centro storico nella sua interezza un bene da preservare e valorizzare. È stato uno straordinario salto di qualità.

Larticolo 43 del Piano territoriale paesistico della Regione Lazio dice che per il centro storico di Roma non serve il vincolo paesaggistico, basta che sia sito Unesco.

È uneresia. Il sito Unesco non centra niente, non dà nessuna tutela. Dico di più. Per Roma e i centri storici ci vuole un vincolo più forte di quello paesaggistico.

Ci vuole il vincolo culturale.

Che differenza cè?

Il bene culturale è di competenza esclusiva del ministero, dello Stato. Il vincolo paesaggistico può imporlo anche la Regione e rende compatibile, per esempio, salvare solo le facciate e sventrare linterno degli edifici. Poi cè la vergogna del piano casa regionale.

Ci spieghi.

Il piano casa permette lincremento dei volumi, ad esclusione del centro storico inteso come area allinterno delle Mura Aureliane e di altre determinate zone indicate dai comuni. Ebbene, lo scempio dei Villini è stato possibile per il piano casa della giunta Polverini.

Lallora sindaco Alemanno non ha indicato tra le aree in deroga quella dei Villini. E per il futuro si profilano pericoli analoghi.

Perché?

Perché lestate scorsa la Regione Lazio ha licenziato la legge sulla rigenerazione urbana che è una specie di piano casa permanente. Permette le demolizioni e le sostituzioni esclusi i centri storici quali risultano dal Piano territoriale paesistico. Ma Il Ptp della Regione Lazio esclude porzioni di città che andrebbero tutelate come storiche, la zona dei Villini, appunto. E qui la giunta Raggi è stata latitante.

Cosa doveva fare?

Intervenire quando si discuteva la famigerata legge. Ma si può ancora riaprire la discussione.

Il piano regolatore di Roma tutela il centro storico?

No. La vera tutela la garantisce il piano regolatore di Napoli, che ha considerato centro storico tutta la città che si è sviluppata fino al fascismo: 2000 ettari. E su tutti i 2.000 ettari ha posto una norma di vincolo assoluto.

Roma invece?

A Roma, se volessero, la Soprintendenza e il ministero potrebbero fare molto di più.



news

24-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news