LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bolgheri. Quei pezzi di legno e saggina, ultimo argine al cemento
Antonio Valentini
Corriere Fiorentino 4/4/2018

Dal 1923 hanno protetto lOasi, rimasta intatta in una costa minacciata

Si prospettano tempi duri per il Fratino, luccello migratore che da febbraio ad agosto di ogni anno nidifica sulla spiaggia dellOasi di Bolgheri, nel tratto compreso tra la Fossa Camilla a nord e la foce del Seggio a sud. Di questi tempi batte senza tregua il bagnasciuga alla ricerca di invertebrati, dopo aver deposto le uova nelle depressioni in cui si accumulano palline di posidonia e pezzi di legno, per nasconderle agli uccelli predatori. Oltre che dalla temibile cornacchia grigia, dovrà difendersi dal frastuono causato dallabbattimento delle capanne che stanno lì da decenni, alcune dal 1923.

Sarà fatta tabula rasa: hanno vinto gli egualitari dantan, mobilitati contro i signori che godevano di un odioso privilegio, beneficiati nel ripararsi sotto quelle strutture tirate su con pali di ginepro fenicio e coperti di saggina, senza bagno né acqua corrente, mentre gli altri ripiegavano sugli stabilimenti balneari ricchi di comfort per poi sciamare nelle seconde case costruite dove si poteva deturpare di più. Furono una scazzottata e leco che ne scaturì a indurre il sindaco del Comune di Castagneto, nel 2002, a emettere unordinanza di abbattimento per quei manufatti realizzati senza alcun permesso su terreno demaniale. Inevitabile la battaglia legale, che andò avanti per dieci anni, fino al pronunciamento del Consiglio di Stato che confermò la sentenza del Tar: capanne e tettoie dovevano essere demolite. Tutto però restò comera per un provvidenziale intervento della Soprintendenza, la quale stabilì che le capanne ormai facevano parte integrante del paesaggio e quindi dovevano essere conservate.

Possibile che a sei anni di distanza il loro valore paesaggistico sia scaduto al punto da autorizzarne la cancellazione? Certo che è possibile: sono cambiati gli attori e, con essi, i punti di vista. È stata lattuale sindaca del Comune di Castagneto Carducci, Sandra Scarpellini, a interpellare la Soprintendenza per sapere se intendesse mantenere o meno il vincolo sui casotti, spinta da una campagna mediatica che prima o poi avrebbe attirato lattenzione della procura della Repubblica. A fronte di una risposta negativa, è scattata lordinanza e il conto alla rovescia. Atto dovuto. Solo gli Incisa della Rocchetta dovranno abbattere venti dei 34 casotti abusivi entro 90 giorni a partire da ieri.

A pensarci bene, sa di beffa. Il marchese Mario Incisa della Rocchetta fondò il Wwf Italia e destinò 440 ettari della sua proprietà alloasi naturalistica. Assieme a unaltra grande famiglia nobiliare, gli Antinori, rinunciò a vendere pezzo per pezzo i suoi possedimenti, impedendo la parcellizzazione del territorio, linvasione del cemento e ponendo le basi perché il nome di un borgo come Bolgheri fosse conosciuto al mondo anche per le sue bellezze paesaggistiche e naturalistiche. Dove invece si è venduto per lotti, il cemento è arrivato a fiumi, finendo per inondare la costa a sud di Livorno. Beninteso, la sentenza del Consiglio di Stato va solo rispettata. Ma in confronto a certe devastazioni avvenute negli ultimi cinquantanni, le capanne dellOasi sono niente. In mezzo secolo sono nati paesi popolati solo da giugno a settembre, come la Mazzanta di Vada e Marina di Bibbona; le villette a schiera sono spuntate come i funghi; i grattacieli di Follonica hanno devastato una tra le baie più belle della Toscana. E poi a San Vincenzo il numero degli alloggi è arrivato a sopravanzare quello degli abitanti, alle Spianate di Castiglioncello e a sud di Quercianella sono state edificate colline intere, persino sono stati eretti stallaggi per cavalli con vista mozzafiato verso il Romito. Senza dimenticare i porti e le loro dighe foranee, che deviano le correnti litoranee causando unerosione inarrestabile.

Ogni cosa è stata fatta a norma di legge. Tuttavia il danno ambientale e paesaggistico è evidente. Ma niente di ciò ha riscosso unattenzione paragonabile a quella che si è accentrata sulle capanne del Bolgherese, presentate come un privilegio per ricchi e per questo viste come il fumo negli occhi dagli agguerriti sostenitori del principio di eguaglianza in riva al mare. Qualcuno dirà: stiamo al tema. Ma il tema è sempre lo stesso ed è circoscritto nella tutela del paesaggio in quanto bene collettivo. A chi ha protestato contro i presunti vantaggi di pochi a discapito di molti, parrà forse che il cemento delle villette vicine alla spiaggia sia più democratico del ginepro fenicio e della saggina. In realtà è ormai diffusa lassuefazione al brutto concepito nel rispetto delle regole, e nessuno prova a ricordare come fosse la collina di Bellavista a San Vincenzo prima di essere sommersa dalle ville oppure larea attorno alla foce del Seggio, confinante con la spiaggia delle capanne dei vip, quandancora non cerano le case per i villeggianti.

Lordinanza della sindaca Sandra Scarpellini comporterà anche labbattimento delle cosiddette tettoie dei poveri, quelle a sud dellabitato di Marina di Castagneto, verso San Vincenzo, assai simili a quelle nate decenni prima più a nord ma rimaste in ombra e prive di pronunciamenti dei tribunali amministrativi. Per chi si è sgolato contro i privilegi dei ricchi dichiarando lostracismo di classe, si tratta di uneterogenesi dei fini. Ma pazienza, la legge non risparmia nessuno. Il Fratino, naturalmente, fa eccezione: batta un colpo chi ha pensato a tutelare il suo diritto a nidificare immerso nella quiete di una delle spiagge più belle dItalia.



news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news