LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi. Cosa si vede e cosa si perdescegliendo la scorciatoia
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 4/4/2018

Ci saranno i big del Rinascimento, ma non Caravaggio

Non sarà certo una scelta facile quella che si porrà ai visitatori degli Uffizi quando, da metà aprile, avranno la possibilità di uscire dalla Porta di Ponente, quella dal lato della Loggia dei Lanzi, oltre che da quella convenzionale, su piazza dei Castellani: si tratterà di decidere se scendere dopo aver visitato solo il secondo piano della galleria o imboccare la strada che porta giù al primo piano, attraversando 600 metri in più, che valgono dei capi dopera.

È pur vero, però, che unabbuffata di opere darte non sempre rende le nostre visite migliori qualitativamente. Il troppo a volte stroppia e il rischio è quello di uscire con un gran confusione. Comunque sia per sapere cosa si perde scegliendo il giro breve o cosa si guadagna optando per quello lungo ecco di seguito una sorta di mappa del museo.
Percorso breve

Al secondo piano, è da qui che inizia la visita, si possono vedere la galleria delle statue e le sale dei primitivi con Giotto e Cimabue il Trecento senese con Simone Martini e quello fiorentino. E ancora il primo Rinascimento con Masaccio e Masolino e Piero della Francesca, Filippo Lippi, Gentile da Fabriano e il Beato Angelico e poi Paolo Uccello il Pollaiolo e la superstar Botticelli. A seguire la Tribuna, poi le salette affrescate, Mantegna, Antonello da Messina il Ghirlandaio, Filippino Lippi, Luca Signorelli, i marmi romani e laltra superstar, Michelangelo a cui seguono la sala della Niobe, Cranach e Dürer. Entro lautunno arriveranno i tre Leonardo e i capi dopera di Raffaello.
Percorso lungo

Chi sceglierà il giro per intero e dunque, finito il secondo piano, tenterà limpresa del primo, vedrà molti altri capolavori. Giù cè esposta tutta la Collezione Contini Bonacossi recentemente inaugurata, il Manierismo italiano, Tiziano, Leonardo e Raffaello ma questi ultimi due sino a settembre, visto che è in fieri il loro trasferimento al secondo piano. E ancora tutta la sezione dedicata a Caravaggio e ai caravaggeschi anche questa recentemente inaugurata nel nuovo allestimento. Un percorso questo secondo, che però può essere anche visto in un altro momento per evitare un surplus di informazioni. La scelta toccherà a ogni singolo visitatore ma sicuramente chi si muoverà per coprire solamente il primo percorso concorrerà a rendere meno lungo il suo tempo di permanenza al museo e più corte le file. Se funzionerà lo vedremo alla prova dei fatti. Entro un paio di settimane, quando il piano diventerà realtà.



news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news