LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Treviso. Larte della Terra nelle ex carceri. La collezione Benetton trova casa
Alessandro Zangrando
Corriere della Sera 5/4/2018

Treviso. Aprono al pubblico le Gallerie delle Prigioni, complesso asburgico restaurato da Tobia Scarpa per ospitare i lavori del progetto Imago Mundi

Il sogno nomade di Luciano Benetton ha trovato una casa. Una sorta di grande tenda in muratura nel centro storico di Treviso, di fronte al Duomo. Da oggi le Gallerie delle Prigioni sono la dimora di Imago Mundi, progetto nato dieci anni fa che si è tradotto in mostre in tutto il mondo, da Venezia, Vienna, Napoli a Dakar, New Orleans, New York. Protagonisti sono questi piccoli quadri che misurano 10 centimetri di base e 12 di altezza. Per realizzarli limprenditore veneto ha chiamato oltre 25 mila artisti da 150 Paesi (nazioni, Stati e comunità native): in una visione iperdemocratica, sconosciuti e emergenti sono accanto a personaggi famosi, da David Byrne, Laurie Anderson, Kiki Smith, Christo agli italiani Fabrizio Plessi, Sandro Chia, Dario Fo. E a tutti è lasciata completa libertà creativa.

Imago Mundi in questi anni ha attraversato i continenti, prodotto quasi 200 cataloghi in una coloratissima mappatura dellarte mondiale (non profit), tessere di un immenso mosaico senza gerarchie, orizzontale, non eurocentrico.

Le Gallerie delle Prigioni, che saranno a ingresso libero, non imbriglieranno questa immensa collezione ma ne ospiteranno segmenti in maniera permanente e a rotazione: la prima mostra (fino al 20 maggio, www.imagomundiart.com) è Sahara: What is Written Will Remain / Sahara: Ciò che è scritto rimarrà , a cura di Alexandra Etienne, Suzanna Petot, Nicolas Vamvouklis, dedicata allarte della calligrafia e alla sua eredità culturale, con 700 opere provenienti da Algeria, Libia, Mali, Niger e dal popolo desertico dei Tuareg. Saranno avvicinate ai lavori site specific realizzati da artisti internazionali (Oussama Tabti, Esmeralda Kosmatopoulos, Rachid Koraïchi, Zoulikha Bouabdellah, Takwa Barnosa, Hadia Gana, Nadia Kaabi-Linke, Yazid Oulab, Zineb Sedira, Samia Ziadi, Jürgen Kleft, Aboubakar Fofana e Boubacar Sadek), con mappe, manoscritti e documenti di viaggio. Imago Mundi parte proprio dalle rotte di nomadi e migranti in questi luoghi del Sahara centro-settentrionale, sconfinando nellattualità ma sfuggendo allideologia. Non voglio dare giudizi, cerco di fornire conoscenza dice Luciano Benetton . Noi europei abbiamo più informazioni sulla Via della Seta, per esempio. Le carovane che partono dal Mali impiegano 5-6 mesi per attraversare il deserto, un percorso antichissimo che conosciamo poco. Il mio messaggio è: cerchiamo di essere informati. E spero di fornire gli strumenti per raggiungere questo obiettivo, anche alle scuole.

Dopo lex Tribunale e San Teonisto, le Gallerie delle Prigioni, acquistate cinque anni fa, rappresentano un nuovo capitolo delloperazione di recupero e consegna alla città di alcuni edifici di valore da parte di Luciano Benetton. Le antiche carceri asburgiche, abbandonate da oltre mezzo secolo, sono state ristrutturate da Tobia Scarpa architetto legato da lunga amicizia allimprenditore trevigiano con un restauro allinsegna della conservazione. Le pesanti porte hanno mantenuto catenacci e serrature, sui muri sono rimasti le indicazioni (celle punizioni) e qualche graffito tracciato dai detenuti. Gli spazi sono sempre quelli, ristretti, a volte angusti, severi. Scarpa li ha radicalmente ripuliti, condotti allessenzialità, con un minimalismo che aggiunge funzionalità a eleganza. Così da esaltare il caleidoscopio di colori dei piccoli quadri che coprono le sale. Ho lasciato tutto spiega larchitetto , la memoria deve resistere.

Sahara: What is Written Will Remain è un ritratto composito dellAfrica, un volto sorprendente che ignora romanticismo e folclore e si concentra sul linguaggio. Come il drappo mistico di Koraïchi, cucito di simbologie, che si trasforma in un misterioso sillabario che parla di tradizione e di futuro. Labito Migrant di Ziadi, colorato e urban , non accusa né divide, ma veste lintegrazione, tema da sempre caro a Benetton. Fofana ricostruisce una foresta con le sfumature dellindaco, fondendo spiritualità e natura. Anche le opere di Imago Mundi sono una finestra aperta sulla libertà, semplicemente, in unumanità dove le sovrastrutture e le convenzioni sono destinate a perdere terreno. Ne è simbolo il gesto di affetto tra i due sposi di Arwa Abouon, simmetrico, reciproco, egualitario. Al primo piano chiude il percorso il documentario Tutto è scritto di Marco Pavan sulle antiche biblioteche di Timbuctù nel Mali: centinaia di migliaia di tomi messe in pericolo dal fondamentalismo, salvate dalla popolazione della città.

Cosi le Gallerie delle Prigioni allestiscono un tappeto di gangli interculturali, accendono conoscenza senza frontiere. Sarà un ambiente che pulserà, che vuole accogliere le scuole, i giovani continua Benetton . Imago Mundi non trova qui un punto di arrivo ma di partenza, è un progetto che non ha termine e ogni anno pubblicheremo un catalogo, una sorta di aggiornamento con i nuovi artisti, con quelli che non siamo riusciti a includere in precedenza nella collezione. Prossima tappa, la Cina: lanno prossimo un tour itinerante di Imago Mundi raccoglierà 5.400 artisti di 56 minoranze. Larte è esplorazione.




news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news