LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Transenne, crepe e poche risorse San Gimignano si consuma
Giulio Gori
Corriere Fiorentino 5/4/2018

Transenne ovunque. E poi nastri rossi, frane e crepe nelle mura da cui da tempo sono nate indisturbate piante rampicanti che non fanno altro che acuire il problema. A San Gimignano il crollo di quella parte di cinta muraria era atteso. Quasi con fatalismo.

Pochi fondi, tante priorità. E lassalto dei turisti che costa più di quanto rende

San Gimignano (Siena). Si sapeva tutti che prima o poi, lì o da unaltra parte, sarebbe successo. I rilievi georeferenziati degli esperti della Regione, solo due mesi fa, raccontavano che le mura non si muovevano di un millimetro. Ma i sangimignanesi hanno occhi per vedere le proprie pietre. E per capire che da molto tempo qualcosa non va. Tanto che, anche in quella zona, erano comparse già transenne. Mentre in altre il paesaggio è fatto di reti protettive, nastri bianchi e rossi, cartelli di divieto allinizio dei camminamenti. Il sindaco Giacomo Bassi da molti ormai viene chiamato il transenna.

Lungo un torrione poco distante da porta San Giovanni cè una lunga crepa dalla cima fino alla base delle mura, dentro la fessura spunta un rilevatore per osservare gli spostamenti del muro di mattoni. In via delle Fonti un muretto di pietre crollato, mentre, poco distante, in via Bagnaia, un edificio lungo le mura presenta un grosso buco sulla parete con due evidenti crepe. Le mura sembrano spanciare lievemente in fuori lungo via Bonda, a duecento metri dalla grande frana. E di continuo, spuntano ailanti e altre grandi piante che hanno prima aperto un piccolo pertugio nelle mura, per poi allargarsi sempre di più e diventare tronchi che minano la stabilità della cinta. Segno di una manutenzione che manca da troppo tempo. E uno studio commissionato due anni fa dal Comune racconta che anche i terrapieni alla base delle mura, quelli che le sostengono, danno segni di cedimento, col tufo che si impregna dacqua e si distacca. Rupe tufacea è lespressione con cui San Gimignano racconta laspetto più minaccioso della sua natura. Se le torri del centro storico sono in perfette condizioni, le mura esterne rappresentano il punto debole della città. Sarà che per molti tratti sono nascoste agli occhi dei visitatori, sarà che le comitive non imboccano mai i camminamenti. Alcuni interventi sono stati fatti, brevi tratti di pietre stuccate o altri con reti di contenimento. Ma i tre chilometri di cinta, ne è convinto il sindaco Bassi, sono troppo lunghi per essere messi a posto da un Comune.

San Gimignano ha laria di un luogo ricchissimo: il pienone di turisti, i ristoranti con prezzi da cucina gourmet, i vinai che vendono a sette euro un panino con la porchetta e un bicchiere di vino, i parcheggi ingolfati dai pullman. Non è larcadia della campagna toscana, è un piccolo centro di gravità, un nome di richiamo internazionale. Alla gelateria Dondoli di via del Castello, due file di gelatai stranieri ascoltano la lezione dellesperto locale, tradotta in inglese in simultanea. Ma tra i tanti che fanno affari, ci sono anche molte occasioni perse: 3 milioni e 200 mila presenze lanno ma solo 600 mila pernottamenti, quelli che pagano la tassa di soggiorno. E la maggior parte delle comitive resta giusto per un pomeriggio, con quel pranzo a sacco consumato sugli scalini del Duomo, prima di lasciare valanghe di bottiglie di plastica sul sagrato. Il pullman parte da Firenze la mattina, una breve visita a Siena, poi San Gimignano, quindi una cantina del Chianti e rientro a Firenze in serata. Così il Comune, che dal turismo (tassa di soggiorno, parcheggi, occupazione del suolo pubblico e biglietti dei musei) ricava tra i 3 e i 3 milioni e mezzo di euro, un terzo del bilancio, deve anche spendere molto per rimediare allusura dei turisti. Due pulizie delle strade al giorno, quattro svuotamenti quotidiani dei cestini della spazzatura. Non solo: Le strisce pedonali le rifacciamo quattro volte allanno anziché una volta ogni quattro anni dice il sindaco Giacomo Bassi E ogni 6,7 anni dobbiamo ri-scalpellinare le pietre della pavimentazione del centro perché la gente non ci scivoli sopra. Patto di stabilità o no, nel nostro bilancio comunale dice ancora Bassi cè spazio per 2 milioni e mezzo allanno per gli investimenti allanno. In parte gli investimenti sulle mure sono bloccate dal patto di stabilità, daltro canto le nostre risorse in assoluto sono poche e quindi dobbiamo provvedere anche ad altre priorità: scuole, strade, parchi giochi, servizi sanitari, cimiteri. Devo pensare ai problemi di tutti i giorni dei cittadini. È brutto dirlo ma se queste mura ci sono da otto secoli, a volte si guarda alle priorità e si finisce per dire che ci si penserà dopo otto secoli e un anno. Vorremmo avere le risorse per poterle mettere a posto. Così, basta un inverno di piogge straordinarie per far crollare 800 anni di storia.

A San Gimignano, cè un colosso abbandonato da 36 mila metri cubi, il 10 per cento di tutto il centro storico: è lex carcere e, secondo gli esperti, trentanni di abbandono sono la principale causa del crollo di martedì, provocata dalla mancata regimazione delle acque nellorto, a monte delle mura. Lantico carcere di proprietà del Comune e della Regione è uno dei paradossi di una delle città più ricche della Toscana, nessuno ha trovato uno scopo e i soldi per farlo rivivere. Così si tenta col project financing che nei prossimi anni proverà a trovar un gestore privato che se lo prenda per settantanni, in modo da ristrutturarlo e metterlo in sicurezza. Oggi cade a pezzi, nessuno lo controlla, laccesso allantico muro di cinta delle guardie è aperto. E nel piccolo cortile dellora daria dove si era provato a dare nuova vita con spettacoli e concerti per 1.700 spettatori, ci sono vecchie seggiole arrugginite che fanno da corollario ai muri scrostati. E a cento metri di distanza, ecco invece le comitive da cinquanta turisti, i negozi di souvenir scintillanti, le osterie col tonno del Chianti e gli antipasti da 15 euro.




news

18-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 18 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news