LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, decine di pali della tramvia in piazza Stazione, "Oggi non avrebbero l'ok"
ILARIA ULIVELLI
https://www.lanazione.it/firenze/cronaca/tramvia-pali-1.3832073

Parla il soprintendente Andrea Pessina



Oggi, vedendo il risultato del bosco di pali neri alla Stazione e in piazza dellUnità, il progetto della tramvia non otterrebbe lok della Soprintendenza allArcheologia, alle Belle arti e al Paesaggio. Almeno per quel tratto. E facile parlare col senno di poi, ma come ammette il soprintendente Andrea Pessina limpatto finale è molto forte.

Si trattiene. E misurato. Non vuole usare parole di troppo, né entrare nel dedalo degli equivoci: Quel progetto ha ricevuto il via libera molto tempo fa e molto tempo prima del mio arrivo a Firenze, dopo non sarebbe stato più possibile intervenire.

E comunque il progetto non fa lo stesso effetto. La piazza vista così, oggi, martoriata dai pali, dalle ragnatele di fili aerei per lelettrificazione, dai semafori, non fa un belleffetto. Mi sono preoccupato subito, una decina di giorni fa, quando ho visto che cominciavano a piantare i pali: leffetto che fa adesso mi angustia non poco.

Il fatto è che ora qualsiasi intervento è impossibile. Non si può disfare un lavoro appena concluso dice Pessina Anche se spero che avvieremo presto un tavolo di confronto con lamministrazione su questo tema per riuscire ad apportare almeno qualche modifica.

Ovvero? Che cosa si può cambiare? Intanto il colore dei pali. Il nero è particolarmente impattante, i lampioni grigio chiaro fanno già un altro effetto: si potrebbe pensare intanto a questo.

Poi per il futuro Pessina spera che appena sarà possibile rimettere mano alla piazza, qualcosa sarà fatto per attenuare limpatto: e far circolare la tramvia alimentandola a batteria, almeno nel tratto di piazza Stazione e di piazza dellUnità.

In via Valfonda, dove il Comune ha chiesto un alleggerimento del progetto, ancorando buona parte della rete elettrica alle facciate degli edifici, in modo da diradare la sequenza di pali, è già tutta unaltra cosa, spiega. Il problema è che in piazza non si può fare. I palazzi sono lontani e le uniche alternative sarebbero lelettrificazione da terra o lalimentazione a batteria.

Per le linee che arriveranno la Soprintendenza vorrà avere voce in capitolo. Non ci sarà unaltra piazza Stazione, o peggio piazza dellUnità Italiana dice Pessina Oggi esistono tram più snelli e leggeri che meglio si adattano a questa città.

Già. Ma magari ci si poteva pensare prima. Visto che solamente nel 1958 fu dismessa la vecchia tramvia fiorentina e i binari al Duomo sono rimasti fino a poche manciate di anni fa.

La scelta della tramvia è stata premiata anche dallUnesco: in assoluto è una buona scelta di mobilità sostenibile conclude il soprintendente Certo che è necessario tutelare la bellezza della città.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news