LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

San Gimignano. Visite di due ore e un gelato (più usura che guadagni)
Aldo Tani
Corriere Fiorentino 6/4/2018

Sotto le torri lassalto di 3 milioni di turisti lanno. Che lasciano poco

SAN GIMIGNANO (SIENA). Come ogni giorno gli oltre centocinquanta posti del parcheggio numero due sono esauriti già di prima mattina. Cinque metri più avanti sette auto e pulmini a noleggio Ncc hanno occupato tutti gli stalli a loro riservati e altri aspettano in una lunga coda per poterne prendere il posto. Uno scenario quotidiano per chi si affaccia in piazza Martiri di Montemaggio: lo snodo principale del traffico turistico che per molti mesi allanno prende dassalto San Gimignano. A trecento metri di distanza, allontanandosi dal centro storico, il copione si ripete. Qui cè il capolinea degli autobus che riportano gruppi organizzati e turisti indipendenti verso Siena o nellaltra direzione, verso Firenze: cè almeno un centinaio di persone in attesa di riprendere il proprio viaggio.

La loro permanenza a San Gimignano è durata una o due ore al massimo, perché la visita del borgo medievale è sì una tappa forzata di ogni tour turistico il profilo delle torri è diventata unicona internazionale, da celebrare anche nei videogame ma anche uno degli emblemi del mordi e fuggi.

In molti, dopo essere entrati da Porta San Giovanni e aver percorso la strada che porta alla piazza principale, piazza della Cisterna, decidono che può bastare così. Uno sguardo alla cattedrale, la Collegiata di Santa Maria Assunta, distante poche decine di metri, e poi di corsa in gelateria. Ecco, anche lì la fila non manca mai, perché nel programma mordi e fuggi un cono è un elemento essenziale. Sempre che non si sia preferito (o magari dopo aver mangiato) un panino sulle scale della chiesa o in piazza: il bivacco è unaltra immagine quotidiana dei tour di massa che assaltano San Gimignano.

Non stupisce quindi che superando la basilica, via San Matteo, la strada che porta al versante opposto della città, sia quasi vuota. I turisti si fermano quasi sempre nei parcheggi a sud spiega Matteo, che dal 2011 gestisce un negozio di alimentari a metà della via Quello più in basso è posizionato proprio davanti alla Coop e molti ne approfittano per acquistare generi alimentari. Quando arrivano qui in tanti non spendono un euro. Così, a noi, tutti questi turisti non portano nulla, anzi finiamo per rimetterci. Anche se il problema più serio è un altro. Le persone con i soldi, gli svizzeri, gli inglesi, qui non ci vengono più.

È il prezzo che San Gimignano deve pagare alla sua popolarità globale. Il centro storico, dichiarato dallUnesco nel 1990 uno dei siti patrimonio dellumanità, è visitato ogni anno da 3 milioni di persone e lindotto derivato dal turismo produce circa un terzo del bilancio comunale, tra i 3 e i 3,5 milioni di euro. Laltro lato della medaglia è che i segni di questo passaggio continuo incidono sulla qualità delle presenze. Senza sottovalutare che la tassa di soggiorno, nonostante i 6 mila posti letto in strutture di vario tipo, frutta appena 600 mila euro lanno. Di contro, dai parcheggi arrivano circa due milioni di euro.

Il turismo porta con sé anche unusura quotidiana, che si ripercuote sulla città, afferma il sindaco Giacomo Bassi, che dà anche alcuni dettagli: Un qualsiasi Comune di 7 mila abitanti ridipinge le strisce comunali una volta ogni 4 anni, noi 4 volte in un anno. Oppure ogni 6-7 anni devono essere scalpellinate le pietre del centro storico per evitare che le persone ci scivolino. Per non parlare della pulizia, ogni giorno noi abbiamo tre svuotamenti dei cestini e due passaggi con i mezzi per le strade.

Un altro aspetto negativo dei numeri imponenti è quello legato al turismo non ufficiale. Guide improvvisate, conducenti senza lautorizzazione che trasportano comitive e una crescente concorrenza sleale. Per noi è un problema serio, perché ci portano via il lavoro racconta Marco, un autista fiorentino che quasi ogni giorno capita in città Soprattutto cinesi e russi, che si affidano a gente che parla la loro lingua e non passano dai canali ufficiali. A guidare i mezzi abbiamo sorpreso anche badanti o chi lavora negli agriturismi della zona. Meno male che ci sono ancora gli americani.

Gli fa eco una guida arrivata da Siena: Laltro giorno mi sono imbattuta in una sedicente guida che sbagliava addirittura i nomi delle chiese e non sono riuscita a trattenermi. Sono dovuta intervenire per evitare che lo scempio andasse avanti. Sa quante volte mi verrebbe voglia di dare le indicazioni sbagliate e mandarli dalla parte opposta? Nessuno a San Gimignano pretende che si utilizzino le guide, perché le visite durano poco, ma quando si decide di usufruirne che almeno sappiano quel che dicono. Parole al vento, perché in quel momento una comitiva, capitanata da una presunta guida con ombrellino alla mano, supera Porta San Giovanni. Non credo sia dei nostri sbuffa la signora Ogni giorno è peggio, ma dobbiamo tirare avanti.

Tirare avanti è una lezione che San Gimignano ha imparato a memoria, anche se il rischio di venire travolta da queste ondate incontrollate di turisti è dietro langolo. Anzi, in attesa al parcheggio.




news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news