LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Addio bellezza? Parliamone (ma sulla Stazione tutti zitti)
Ginevra Cerrina Feroni
Corriere Fiorentino 8/4/2018

Non c'è più spazio per la speranza. La ferita inferta alla piazza della Stazione appare davvero irrimediabile.
Il danno estetico, prodotto dalla convergenza delle nuove linee della tramvia, proprio a ridosso della facciata posteriore della quattrocentesca Basilica di Santa Maria Novella, è sotto gli occhi di tutti. Come già argomentato in un precedente articolo su questo giornale (23 febbraio) la bella piazza, nella quale lelegante struttura architettonica di Michelucci conviveva in una consolidata armonia con limponente abside della basilica, si presenta come un ricordo lontano. Non è più una piazza, ma un invadente intreccio di binari e di cordoli, tale da rendere poco invitante anche il solo suo attraversamento. E su di essa, al posto di un auspicabile presenza di alberi, è spuntata una cupa presenza di pali, di elevata altezza, che nei giorni scorsi sono stati corredati, ovviamente, ai loro vertici da una rete di cavi elettrici. Limpatto complessivo per chi esce dalla Stazione e si avvia verso il centro, costeggiando il primo tratto di via degli Avelli e di piazza dellUnità, è sconvolgente. Fa davvero riflettere questa disattenzione al bello, questa disaffezione nella tutela del patrimonio artistico che ha reso Firenze così amata nel mondo.

Il danno prodotto alla piazza della Stazione non è, purtroppo, lunico. Nessuna tutela ci fu, peraltro, nei riguardi della Fortezza da Basso, fortilizio mediceo, opera di Antonio da Sangallo, sottoposto circa 15 anni fa ad interventi spregiudicati che avendo consentito un rialzo di oltre tre metri da terra per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo adiacente le mura del bastione, hanno danneggiato in maniera irrimediabile, e per sempre, limponenza originaria della struttura. Ci fu allora un rimpallo di responsabilità tra istituzioni (Comune e Soprintendenza). Intervenne anche la magistratura. Ma a tuttoggi per noi, semplici cittadini, rimangono senza nome e impuniti, coloro che, a vario titolo, autorizzarono quella grave offesa al bene. E, ora, con il passaggio della tramvia, gli impattanti pali di elettrificazione, di color nero, strettamente combinati con quelli più alti della luce, di color grigio chiaro, installati lungo tutto il Viale Strozzi, hanno dato il colpo finale alla visuale del prestigioso fortilizio e del suo bel paesaggio circostante, storicamente consolidato.

Nel precedente articolo ci ponevamo il quesito a chi avremmo dovuto dire grazie per queste opere così offensive rispetto alla tutela del bello. Ci i interrogavamo, altresì, se nella progettazione complessiva di una tramvia allinterno di un centro storico, patrimonio dellumanità, avrebbero dovuto essere utilizzate tecnologie più avanzate e meno impattanti, almeno di fronte a siti di tale importanza storico-artistica.

Ci aspettavamo una qualche risposta. Fondamentalmente auspicavamo che potesse nascere un confronto pubblico tra amministrazione, sovrintendenza e cittadini consapevoli, non gufi, su un tema prioritario come quello della tutela della bellezza nella città universale dellarte. Magari per provare a capire se vi fosse ancora un qualche spazio per limitare i danni di tale scempio estetico-paesaggistico, emerso in tutta la sua gravità ora che i lavori stanno volgendo al termine. Sia pure in extremis.

Per adesso cè stato solo un silenzio da parte delle istituzioni coinvolte. Come era forse prevedibile, visto il pregresso.



news

18-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news