LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisa. Presentato il restauro del Trionfo della Morte, ultima storia del ciclo
Sharon Braithwaite
Corriere Fiorentino 8/4/2018

Il 17 giugno il ritorno del capolavoro nel Camposanto. Paolucci: Orgogliosi Tra i dettagli prima invisibili spiccano i pappagalli nei vestiti delle dame

PISA. È lultima scena del ciclo di affreschi di Buonamico Buffalmacco realizzati per il Camposanto di Pisa, la più celebre di unopera-capolavoro, ora finalmente restaurata. Il Trionfo della Morte è tornato a mostrare tutti i suoi particolari, rivelando straordinari dettagli finora invisibili: sono riemerse nella loro bellezza cromatica le decorazioni dei manti e poi diversi animali come i pappagalli nei vestiti delle dame, uno scoiattolo che mangia una noce vicino alla laguna, gli scorpioni sul corpo di uno dei cadaveri.

Una scoperta continua per i fautori del recupero della Cappella Sistina pisana, comè stato definito il Camposanto monumentale di Pisa. Questa grande impresa è iniziata nel 2009, grazie alla direzione dei lavori presieduta da Antonio Paolucci e la supervisione dei capi restauratori Carlo Giantomassi e Gianluigi Colalucci, che hanno coordinato e diretto un gruppo di dodici restauratori dellOpera della Primaziale Pisana. Fondamentale il loro contributo per il recupero delle altre scene del ciclo: le Storie degli Anacoreti , il Giudizio Universale e lInferno e ora il Trionfo della Morte . Il 17 giugno quando laffresco tornerà dovera potremo dire che lultima ferita inferta dalla guerra al patrimonio artistico italiano e non ancora risarcita, è stata finalmente risolta. È un buon risultato di cui andare orgogliosi, commenta Paolucci. Lopera di Buffalmacco sarà restituita nel giorno di San Ranieri, patrono della città, 74 anni dopo levento che ha rischiato di compromettere per sempre un patrimonio inestimabile. Era il 27 luglio del 1944 quando uno spezzone incendiario statunitense cadde sul Camposanto, incendiandone il tetto. Le cronache di quei giorni sono drammatiche e lintervento di salvataggio e protezione subì i ritardi a causa del perdurare della guerra. Si dovettero attendere mesi prima di procedere allo stacco dalla parete delle superfici dipinte con delle colle di origine animale. Due le problematiche affrontate dal team di restauratori, ingegneri e scienziati: la rimozione frammenti di queste colle dalla superficie degli affreschi e la formazione di condense. Il biologo Giancarlo Ranalli dellUniversità del Molise ha brevettato un sistema innovativo di batteri mangiatori, che applicati sulla superficie del dipinto per circa tre ore, eliminano il materiale organico senza danneggiare il colore originale. Laltro problema è stato risolto con linstallazione degli affreschi su pannelli auto-riscaldanti. Lopera ha perso due caratteristiche dal 300 ad oggi: lazzurrite e le parti metalliche di oro e stagno, incollate per rappresentare le spade, le armature, i morsi dei cavalli.



news

19-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 19 aprile 2018

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

Archivio news