LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alpinisti tridentini. La sfida futura sarà culturale. Si recuperi la consapevolezza che la montagna va tutelata
Marika Giovannini
Corriere del Trentino 10/4/2018

Sat, il bilancio di Bassetti: La politica torni a occuparsi del clima

TRENTO. Il suo saluto, prima ancora che allassemblea che segnerà la fine della sua presidenza (in programma il 21 aprile a Rovereto), Claudio Bassetti lha affidato allultimo numero del bollettino della Sat. Un modo per raggiungere tutti (o quasi) i 27.000 soci della Società degli alpinisti tridentini. E per offrire una chiave di lettura sulle sfide future, partendo dalla sua esperienza alla guida del sodalizio. Non si diventa presidenti per caso ammette nel suo scritto Bassetti. Che poi affronta i temi cardine dellagenda non solo di montagna: dai cambiamenti climatici alle trasformazioni sociali, passando per il confronto, necessario, con altri mondi. Non è più tempo avverte il presidente uscente di orgoglioso isolamento, di autoreferenzialità. In una realtà complessa bisogna fare rete, mettere a disposizione competenze, cercare competenze, costruire conoscenza. Consapevoli, mette in chiaro Bassetti, che il futuro si gioca soprattutto investendo sulla cultura e sulla formazione. Dei giovani, ma anche degli adulti.

Presidente Bassetti, tra dieci giorni finirà il suo ultimo mandato alla guida della Sat. Nel saluto pubblicato sullultimo numero del bollettino ricorda un aneddoto curioso sulla sua elezione a presidente.

Sì. A margine di uno dei consigli degli anni Novanta, Cesare Salvaterra, dal quale mi dividevano alcune visioni, mi disse: un giorno diverrai presidente della Sat. La presi come una battuta. Oggi la ricordo con un pensiero a Cesare, che purtroppo non cè più, ma anche a tutti i soci che ho incontrato e accompagnato nellultimo tragitto. La ricordo perché valse per me come un attestato di altissimo valore, attribuitomi da una persona speciale.

Al termine di questa avventura, qual è il bilancio di questi anni?

La valutazione la devono dare gli altri, ovviamente. Ma personalmente giudico questesperienza estremamente positiva: sono arrivato, da singolo socio, in un posto prestigioso e mi sono messo al lavoro. Credo di aver dato un contributo positivo.

Nel suo intervento insiste molto sulla necessità di costruire reti e collaborazioni. Anche questo è un impegno che in questi anni ha portato avanti.

Con il consiglio eravamo consapevoli di un aspetto cruciale: da soli, oggi, non si va da nessuna parte. Per questo era necessario cambiare passo, costruire una rete di collaborazioni con mondi diversi. E diventare allo stesso tempo sempre più protagonisti della società trentina, della quale siamo interpreti importanti. Non dimentichiamo che il 5% della popolazione trentina è socio della Sat. In nessunaltra parte dItalia si raggiungono queste percentuali. Nemmeno in Val dAosta o in Friuli. Questo protagonismo ha voluto dire, negli anni, fornire contributi che ci venivano chiesti su vari temi. E le reti costruite hanno dato vita a corsi, convegni. Allo Spazio alpino nella sede centrale.

Un impegno che dovrà continuare anche in futuro?

Certo. Questo è un percorso che deve essere portato avanti. Ed esteso. Del resto, non ci si può occupare solo dellandare in montagna, ma è necessario avere una conoscenza delle dinamiche in atto, che cambiano tra laltro anche lo stesso modo di stare in quota.

Proprio su questo la Sat, negli anni scorsi, si è fatta sentire. Gli interventi sul rapporto tra montagna e bici o sullo sci hanno richiamato con forza la politica. E hanno fatto discutere.

Ricordo che la tutela ambientale è uno degli elementi dello statuto della Sat e su questo binario ci siamo sempre mossi. È vero, abbiamo pubblicato dei documenti molto forti, con allinterno analisi serie, per cercare di dare al decisore degli elementi concreti. Sulla questione delle bici, avvertivamo la necessità di modificare le normative esistenti. Mentre per quanto riguarda la questione del rapporto tra montagna e sci, abbiamo deciso di mettere attorno al tavolo tutti i portatori di interesse, per confrontarci con tutti senza timori o pregiudizi. Questo è stato il nostro modo per marcare la differenza. È evidente, poi, che sullinnevamento artificiale e sui caroselli sciistici siamo stati attenti a pronunciare alcuni no e a dare indicazioni. Anche se non sempre siamo stati ascoltati.

Del resto, non sono argomenti facili.

Va anche rimarcata una caduta preoccupante di consapevolezza. Mi spiego meglio: qualche anno fa la consapevolezza che il territorio montano dovesse essere attentamente tutelato aveva ripreso vigore. Ma ultimamente ha registrato un punto di cedimento. Si è tornati a una sorta di sviluppismo degli anni precedenti, allidea che si può fare tutto ovunque. Anche in ambiti delicati e tutelati come la montagna.

Lultimo caso è quello del contestato concerto di Bob Sinclar sullo Spinale. Cosa ne pensa?

Il concerto è stato indubbiamente un successo di pubblico, ma il contesto era sbagliato. Senza dubbio. Cè un carico di inquinamento acustico che una zona delicata come quella non può sopportare. Ecco, questo episodio dimostra come ormai si viva tutto come una sfida: con la tecnologia vogliamo dimostrare di poter andare ovunque, di poter fare qualsiasi cosa. E le montagne, in questa sfida, diventano scenario, sfondo. Una perdita culturale evidente.

È questa la sfida del futuro quindi?

Sì. La scommessa futura è culturale. E riguarda tutti: Sat, ma non solo. Oggi non ci sono più filtri: la comunicazione invita tutti dappertutto. In questo anche i rifugi sono coinvolti: i rifugi trasformati in qualcosa di diverso invitano le persone ad alzare il livello delle pretese. E in questo lAlto Adige registra qualche deriva: penso a rifugi con lo chef, il centro benessere, le camerette singole. Non a caso stiamo ragionando con Cai e Dolomiti Unesco per cercare di trovare una coerenza complessiva dei rifugi, per far capire che il vero benessere non è laggiunta, ma lesperienza che si vive nella sua semplicità. Unofferta che, tra laltro, ancora funziona: nel 2017 abbiamo raggiunto i 52.000 pernottamenti. Segno che la voglia di montagna cè. Ma va guidata.

I rifugi, nel 2017, hanno dovuto fare i conti anche con la carenza dacqua. Un problema che si riproporrà.

Certo. E anche in questo caso il punto riguarda leducazione. Ma non solo: va detto che il tema del cambiamento climatico è scomparso dalle agende politiche. Si parla di lupi, orsi, profughi: ma di un argomento decisivo per lumanità si tace.

Torniamo, per finire, al suo bilancio. Su quale aspetto avrebbe voluto fare di più?

Sul mondo giovanile, sul quale abbiamo investito ma che va sviluppato ancora. La Sat e la montagna hanno molto da dire sulla formazione: molti ragazzi hanno perso il rapporto con la montagna ed è importante che possano scoprirlo. Per questo mi piacerebbe, in futuro, potermi occupare del settore della formazione. Dei ragazzi, ma anche degli adulti. In ogni caso, deciderà il consiglio.

E i progetti di cui va più fiero?

Lapertura della Casa della Sat, che dal palazzo è diventata la casa della montagna, aperta a tutti. Così, anche lo Spazio alpino. Ma anche lincontro con le sezioni, il lavoro sui rifugi. Se penso a questo, posso dire che il bilancio è stato davvero positivo.



news

14-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 14 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news