LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. Inventiamo nuovi percorsi per conoscere i tesori dei musei. Le collezioni permanenti? Racconteremo storie inedite
Luciana Cavina
Corriere di Bologna 10/4/2018

Oggi allArcheologico Grandi inaugura gli incontri Ritratti di famiglia allargata.

È il pallino di Roberto Grandi, da quando è stato nominato presidente dellIstituzione Musei: trovare modi efficaci per valorizzare i tesori custoditi dai nostri musei. Una modalità è sicuramente quella degli incontri Ritratti di famiglia allargata, organizzati al Museo Archeologico di via dellArchiginnasio in occasione della mostra Ritratti di famiglia, che inaugurano oggi alle 18 proprio con Grandi. Che ribadisce: Intensificheremo questo tipo di approccio. Nei musei si deve sempre tornare .

Questo il format: accanto ad unarcheologa del museo, esperti di altri discipline, o personalità di differente esperienza culturale, accompagneranno il pubblico a conoscere gli oggetti esposti sotto altri punti di vista. Sedici gli incontri , fino al 1 agosto, tutti i mercoledì non festivi, sempre alle 18. Ci saranno paleontologi, architetti, responsabili di altri musei o di servizi bibliotecari. E oggi, dunque, Grandi.

Professore, il suo sguardo sarà quello del presidente dellIstituzione o dellesperto di comunicazione?

È quello di chi ha ragionato sulle opportunità di ogni oggetto in mostra. Ogni oggetto delle collezioni permanenti dei nostri musei offre queste opportunità.

Questi sono reperti antichi, che altre informazioni o suggestioni possono rivelare?

Sono oggetti di uso comune, hanno una funzione di utilizzo pratico ma anche una funzione simbolica.

Per esempio?

Lurna cineraria custodisce le ceneri del defunto ma riporta anche la storia dei 7 a Tebe che è stati concepito come un monito contro le divisioni delle civiltà diretto a i cittadini etruschi del secondo secolo a.C. Il potere utilizzava questi simboli come propaganda.

Qualcosa che può condurre al ragionamento sui messaggi veicolati oggi?

In mostra cè anche uno specchio etrusco in bronzo che era stato requisito dai francesi, Era stato portato in Francia nel luglio del 1798 ed è il simbolo del dibattito sulla fruizione pubblica dellarte.

In che modo?

Secondo la Francia della Rivoluzione i tesori degli altri Paesi venivano liberati perché portati nellunico museo al mondo aperto a tutti: il Louvre. Poi quello specchio, come altre cose, è tornato in Italia, ma questa situazione ha ispirato le leggi successive per la salvaguardia del patrimonio e sulla funzione pubblica dellarte. Già nello stato pontificio.

Ad ogni incontro ci saranno storie nuove?

Saranno tutti percorsi totalmente diversi. Per allestire la mostra è bastato spostare gli oggetti da un piano allaltro, sono stati messi insieme per mette in luce le singole famiglie di collezionisti che hanno contribuito a costruire il patrimonio del Museo, ma in realtà sono possibili tante altre letture ancora.

È così per la collezione di ogni museo?

Riportiamo la gente al museo e alle singole mostre. Stiamo studiando diverse modalità per fare questo. È il nostro obiettivo: inventare nuovi percorsi, alle Collezioni di Palazzo dAccursio, come al Davia Bargellini, o al museo della Tappezzeria....

E il Mambo?

Lì questa visione si traduce nel fare dialogare Morandi con autori contemporanei. E comunque tutti i musei incentiveranno visite, laboratori, convegni. Cè molto interesse a rafforzare questa modalità. I racconti dei musei devono uscire dai musei, e al loro interno ci sono bravissimi narratori.

Senza tralasciare le grandi mostre?

Le mostre importanti, con una valenza scientifica.

La prossima?

Quella al Mambo, dal 22 giugno, sugli artisti millennials, quelli nati dopo il 1980. Il direttore Lorenzo Balbi si è preso una grossa responsabilità a selezionare nomi che in gran parte ancora non hanno una carriera. Sono già 55. Si provocano ripercussioni sul mercato dellarte.



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news