LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Carandini: ormai è città colabrodo, altro che Capitale
Paolo Conti
Corriere della Sera - Roma 11/4/2018

La questione riguarda il disastro della Salaria dopo lacquazzone, lunedì scorso. Per questo Carandini smette i panni dellarcheologo e indossa quelli del cittadino romano dell'anno 2018: Il disastro della via Salaria mostra limmagine di una città ridotta a un colabrodo. Si sa, come funzionano i colabrodo: va via tutto il liquido e poi non resta nulla Ecco, è ciò che sta accadendo alla città: noi evidentemente viviamo in una Roma colabrodo. Larcheologo ne fa un caso non solamente romano: È il simbolo di un Paese che non riesce a garantire il funzionamento della propria Capitale. Di questo si tratta, purtroppo..

Andrea Carandini, grande archeologo e appassionato cittadino di una Roma che per lui è insieme materia di studio e di vita quotidiana contemporanea, ama spesso le risposte brevi, gli slogan. Se gli si chiede perché la via Salaria sia importante per la storia romana, risponde: Limportanza sta nella ragione della sua esistenza.

La ragione è un motivo tecnico, economico e civile: La Salaria era il proseguimento dellantica via Campana che collegava Roma al litorale, dove era aperto il Campus Salinarum, un vasto stagno che si stendeva in unarea prossima allattuale Aeroporto internazionale Leonardo da Vinci. Tutto il sale raccolto veniva caricato e trasportato verso Roma. Qui veniva tassato, e poi ripartiva.

Nulla si muoveva, quindi, se il cuore della Repubblica prima, e poi dellImpero, non dava via libera. Perché cera la questione del ricavo, come spiega proprio Carandini: La Capitale viveva anche di questa tassa sul sale, un elemento indispensabile, per esempio, per lallevamento di animali come le pecore. Il sale sullAppennino certamente non si trova, dunque bisognava attendere quello che arrivava dal mare lungo la via Salaria.

Limportanza del sale, si sa, è testimoniata anche dalletimologia di salario, la paga intesa come razione di sale, dunque un bene prezioso e commerciabile.

Tutti tasselli che mostrano il mosaico di un sistema economico articolato ed efficiente.

Basti pensare che, per realizzare la Salaria tra il Tirreno e lAdriatico, fu necessario attraversare le Gole del Velino e il Valico di Torritta, con soluzioni tecniche stupefacenti, se pensiamo anche solo superficialmente ai mezzi meccanici a disposizione degli uomini di quei tempi. A maggior ragione, la Salaria è un simbolo di grande modernità per Roma antica.

Insomma il rapporto tra Roma e il sale, spiega Andrea Carandini, era essenziale e non si limitava certo alla sola questione alimentare: Cerano anche le saline ai piedi dellAventino, ma non potevano bastare e così arrivava il sale dal litorale. Per questo la Salaria può essere considerata linfrastruttura viaria principale di Roma. Anche perché la via era larteria di collegamento tra i due mari, appunto il Tirreno e lAdriatico, attraverso lo snodo di Roma.

E adesso? La questione riguarda il disastro della Salaria dopo lacquazzone, lunedì scorso. Carandini smette i panni dellarcheologo e indossa quelli del cittadino romano del 2018: Il disastro della via Salaria mostra limmagine di una città ridotta a un colabrodo. Si sa, come funzionano i colabrodi: va via tutto il liquido e poi non resta nulla Ecco, è ciò che sta accadendo alla città: noi evidentemente viviamo in una Roma colabrodo. Il simbolo di un Paese che non riesce a garantire il funzionamento della propria Capitale. Di questo si tratta, purtroppo..




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news