LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Crociere, la conta della navi escluse. Lincognita di un ricorso al Tar
A. Zo.
Corriere del Veneto 11/4/2018

Dal 2019 non passerà la Norwegian Star: troppo alta. E cè chi fugge a Ravenna

VENEZIA. Per ora nessuno parla, e non è difficile immaginare tutti con la calcolatrice in mano: questa sì, questa no, questa sì, questa no. Lalgoritmo è ufficiale e dall1 luglio sarà una formula matematica stabilita dalla Capitaneria di Porto di Venezia con lordinanza pubblicata lunedì a dire quali navi da crociera potranno entrare in laguna e sfilare davanti a piazza San Marco e quali invece dovranno andare altrove. Tanto che si dice che già una compagnia abbia deciso di spostare una nave a Ravenna, mentre alcune sulla base dei primi rumors risalenti alle scorse settimane e quindi della trasmissione del testo per un parere avrebbero già calcolato se possono mantenere le navi già previste nel calendario degli approdi alla Marittima oppure se devono cambiarle. Nel frattempo però sia Vtp, cioè il gestore del terminal, sia Clia, lassociazione delle compagnie, che Assoagenti, il sindacato delle agenzie marittime, si trincerano dietro un secco no comment, in attesa di capire anche se lordinanza sarà impugnata di fronte al Tar.

In realtà una prima simulazione la Capitaneria laveva già fatta ed era contenuta in uno studio tecnico propedeutico allordinanza. I tecnici avevano preso due navi praticamente uguali per stazza, cioè la Norwegian Star e la Costa Luminosa, che pesano 92 mila tonnellate. Entrambe, dunque, attualmente ammesse con il limite di 96 mila tonnellate autoimposto dalle compagnie. Ma per il futuro sarà diverso. Il punto di partenza dellalgoritmo è infatti il cosiddetto modulo darmamento, che combina insieme 4 valori chiave: il dislocamento (cioè la massa spostata dalla nave, che è pari al peso della parte sottacqua), la superficie laterale complessiva dello scafo, la larghezza e il cosiddetto air draft, cioè laltezza visibile sopra la linea di galleggiamento. Ed è proprio qui che la Norwegian, che spunta sopra lacqua di 59 metri e mezzo, sarà penalizzata: il suo valore di 6566 potrà avere il semaforo verde rispetto al limite previsto per lanno in corso (6600), ma non quello più severo del 2019 (6300). La Costa Luminosa, invece, che è più bassa, va sotto i 6300 punti e passerà anche lanno prossimo.

In ogni caso già a settembre il gruppo di lavoro dei tecnici che verrà costituito sul tema farà una prima valutazione degli effetti concreti. La prima impressione è che questanno saranno limitati, mentre dallanno prossimo ci sarà qualche taglio in più. Qualcuno parla addirittura del 10-15 per cento, ma in realtà le compagnie probabilmente sostituiranno le navi per non perdere la tappa di Venezia, come fecero allentrata in vigore del limite di 96 mila tonnellate. La stretta sarà poi sempre più progressiva lordinanza è stata definita dinamica e dal 2020 dovrebbe riguardare non solo la dimensione e limpatto delle navi, ma anche il loro numero, sempre sulla base di quanto deciderà il gruppo di lavoro. Nel testo si parla infatti di revisione in diminutio sia per quello che riguarda i parametri di dimensioni delle navi che dei loro passaggi.

Intanto tra gli operatori del Porto cè attesa ma anche un po di sfiducia, per un futuro che non si riesce a vedere così roseo, visto che le soluzioni paiono lontane.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news