LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. LOrto Medico degli Incurabili. Quando la memoria appassisce
Marco Molino
Corriere del Mezzogiorno - Campania 12/4/2018

Il caso. Buche e foglie avvizzite al posto delle piante che erano state fatte tornare allantica vita

Proprio al centro del giardino, dove prima spuntavano i delicati steli del thymus vulgaris, ora cè un buco nero nel terreno. Poco lontano, i cartellini gialli che indicavano la presenza dellaralia, della lavanda e del mirtus communis giacciono tra le erbe infestanti, mangiati dallumidità. La flora selvatica ha riconquistato i suoi spazi nellOrto Medico del complesso di Santa Maria del Popolo agli Incurabili, in cui oltre due secoli fa i dottori della storica Farmacia coltivavano le piante utilizzate per ricavare essenze curative. Dopo decenni di degrado, il sito era stato recentemente recuperato dallassociazione culturale Il Faro dIppocrate con il reinnesto degli originari arbusti. Ma i delicati vegetali richiedono una cura costante e un impiego di fondi che i volontari da soli non riescono ad assicurare.

Nel complesso dellantico ospedale di Caponapoli stiamo portando avanti un difficile lavoro di tutela e valorizzazione che non finisce mai e richiede una continua applicazione - spiega Gennaro Rispoli, chirurgo e fondatore del Museo delle Arti Sanitarie - e la nostra associazione si occupa sia della chiesa che della straordinaria Farmacia, oltre al museo che arricchiamo sempre di nuovi oggetti storici. Le piante dellOrto, che pure abbiamo recuperato, sono sostanzialmente sane, ma il giardino ha bisogno di un radicale rinnovamento ogni sei mesi. Sono tutte attività che portiamo avanti gratuitamente, tra medici e appassionati storici dellarte, come possiamo.

Il giardino dei Semplici (da medicina simplex) fu realizzato ai primi dellOttocento per consentire agli allievi del Collegio medico Cerusico di svolgere i loro studi sulle piante benefiche ed elaborare le essenze conservate nella spezieria ad uso dei malati. Al centro dellorto si erge un secolare Canforo alto 35 metri, ma tuttintorno sono praticamente scomparse le diverse erbe mediche che erano state piantate negli ultimi anni e corredate di targhette esplicative. I petali viola della salvia officinalis, usata un tempo come antinfiammatorio, le ruvide foglioline della melissa, buona contro linsonnia, e le altre novanta specie con poteri curativi sono state ricoperte dalle erbacce o dissodate dalle piogge.

Appassisce dunque questa memoria viva della scienza omeopatica in città, che affonda le sue radici nelle vicende settecentesche dellantico ricovero. In fondo al giardino devastato cè una porticina nascosta tra i rampicanti. Attraverso quel modesto ingresso, accedevano allorto le suore della Carità di Giovanna Anthida di Touret, la santa francese che giunse alla fine del XVIII secolo a Napoli per assumere la direzione dellospedale. Le sue fedeli consorelle conoscevano già tutti i segreti delle piante medicinali e le utilizzavano spesso per curare i malati per lo più poveri. Lavoravano pazientemente con pestello e mortaio per amalgamare le sostanze curative. Conservavano con attenzione le foglie e i fiori coltivati seguendo procedimenti secolari. Erano depositarie di una conoscenza empirica: si basavano sui risultati. Le foglie di canfora per i problemi respiratori, il tarassaco per aiutare il fegato, il tondo corbezzolo per benefici infusi e tisane.

Però una vera e propria razionalizzazione dellarea verde a fini sanitari avvenne, come detto, nel 1811, durante il regno di Murat, quando il giardino fu allestito per insegnare agli allievi medici, chirurgi e farmacisti tutto ciò che concerne lorganizzazione e la fisica delluomo, oltre che i segni delle malattie.

Unautorevole scuola medica che i Borbone, tornati nel frattempo al potere, pensarono bene di rilanciare con nuovi fondi e strutture.

Lo storico Carlo Celano racconta che gli gli alunni vi imparano la struttura del corpo umano, i segni e i caratteri delle piante e delle droghe usuali e la chimica medicinale. Praticano inoltre le operazioni anatomiche, chirurgiche e chimiche, ed assistono alle cliniche del cennato ospedale. Ma nel 1871, pare senza nessun motivo valido, il governo italiano soppresse listituto, che ben presto fu dimenticato.

Uno strato di polvere si posò sulle cattedre abbandonate e le piante del giardino seccarono ai primi geli dellinverno. Lorto non serviva più e inevitabilmente passò in secondo piano di fronte alla ricchezza artistica del complesso degli Incurabili. E qui lattenzione tuttora è concentrata sulla settecentesca Farmacia ideata dal Vaccaro (per la quale è previsto un intervento di riqualificazione con fondi europei), sulla chiesa rinascimentale e sulla cappella affrescata dei Bianchi della Giustizia, recentemente riaperta al pubblico. I soldi del grande progetto Unesco non sono destinati alle piante e la curia non investe nella gestione dellorto. Così i cespugli possono riprendere il sopravvento sulla storia partenopea della medicina naturale.



news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news