LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il caso della Stazione (e non solo)
Gianni Biagi*, Giuseppe Matulli**
Corriere Fiorentino 12/4/2018

* Gianni Biagi, ex assessore allurbanistica di Firenze
* Giuseppe Matulli, ex vicesindaco e assessore ai trasporti di Firenze

SÌ NOI SIAMO COLPEVOLI,MA DI UNALTRA TRAMVIA

Caro direttore,

è vero siamo colpevoli. Abbiamo convintamente voluto che la nostra città avesse un sistema di trasporto efficiente e capace di dare soluzione alla mobilità di Firenze e dellarea. La tranvia urbana di Firenze, fortemente integrata con la ferrovia metropolitana, è sicuramente il sistema di trasporto migliore per una media città come è Firenze. Ormai, nella consueta mancanza di memoria che questa città usa come alibi per assolversi sempre da tutto, nessuno ricorda che il progetto della linea tranviaria fiorentina non è mai stato un sistema pensato come un sistema a se stante ma esso era fortemente integrato con il potenziamento della ferrovia metropolitana. Un sistema che garantisse il collegamento con i maggiori centri della città metropolitana di Firenze (ad esclusione di Scandicci e per questo la prima linea del tram è stata realizzata come collegamento di quella città). La linea tranviaria fiorentina è stata progettata per avere interconnessioni con la linea ferroviaria metropolitana a Statuto (linea 3 per Careggi), a Belfiore AV e con la prevista fermata metropolitana di Circondaria inopinatamente cancellata nel 2010 da una decisione sbagliata del Comune di Firenze e della regione Toscana (linea 2 per Aeroporto), a Campo di Marte (prolungamento della linea tranviaria per Rovezzano) e appunto a Rovezzano. Ma del sistema di ferrovie metropolitane faceva anche parte il prolungamento per Campi Bisenzio della ferrovia che oggi collega il centro Intermodale di Osmannoro (dove, allintersezione con il tracciato autostradale, avrebbe dovuto sorgere un secondo parcheggio di scambio Autostrada /Ferrovia sul tipo di quello già in funzione a Villa Costanza con la tranvia). Questo schema funzionale, completamente approvato e in gran parte finanziato anche dalle Ferrovie dello Stato, è stato oggetto, in questi ultimi 10 anni, di un progressivo smantellamento, centrando le attenzioni solo sulla parte urbana della città di Firenze, tanto che si fatica a costruirne un ricordo. In questo quadro abbiamo anche convintamente escluso, per la città consolidata e per la parte storica di Firenze, di utilizzare un sistema ideato dallUniversità di Firenze e sponsorizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio come il micro metro. Un sistema che non è stato utilizzato in nessuna parte dItalia, dEuropa e del mondo e che era sicuramente più invasivo della linea tranviaria. La metropolitana non è mai stata, e non lo è in nessuna città, alternativa alla tranvia, perché si tratta di sistemi che rispondono a domande diverse di mobilità (non si prende la metropolitana per percorsi inferiori ai 5 Km dice lingegneria trasportistica). La micro metropolitana fiorentina è stata più una idea che un progetto tantè vero che nessuna impresa ha mai neppure tentato di fare un prototipo del veicolo e sarebbe stato originale che un Comune avesse chiesto allo Stato di approvare una progetto di cui non esiste il prototipo (a parte le osservazioni tecniche sullidea progettuale che infatti portarono uno dei due progettisti a sostenere con assoluta convinzione la realizzazione della tranvia) Vorremmo inoltre sommessamente ricordare che le opere sotterranee hanno molte e complicate ripercussioni in superficie fosse solo per le fermate e per gli impianti di aereazione e di sicurezza. Senza contare il rischio maggiore per ledificato storico sovrastante al tracciato della linea, il disagio di dover scendere sottoterra e, nel caso specifico, anche dover percorrere lunghi tragitti anche per piccoli spostamenti considerando che la linea era stata pensata come monodirezionale e cioè da una fermata si sarebbe andati solo in una direzione. Il tram invece è molto più amichevole, collaudato e sperimentato e si presta anche allintroduzione di miglioramenti in corso dopera abbastanza semplici (cosa che è impossibile fare quando si è scavato un tunnel sotto la città). Miglioramenti che erano stati pensati con il percorso senza pali (alimentando il convoglio a batteria) nel tratto di passaggio in piazza San Giovanni. Un progetto quindi reversibile nel tempo. Un progetto che vorremmo ricordare ha subìto modifiche sostanziali fra lapprovazione e la sua esecuzione. Non è stato fatto così proprio per il tratto di passaggio in piazza San Giovanni cambiando radicalmente il progetto già esecutivo e costringendo alla riprogettazione completa di un tratta consistente della linea 2 con costi aggiuntivi dei quali nessuno parla mai? E non si sarebbe potuto fare così anche per il tratto di piazza della Stazione introducendo, qualora se ne fosse ravvisata la opportunità, modifiche che avrebbero ben potuto migliorarne linserimento paesaggistico? E ora che la polemica è scoppiata non fa bene alla città nascondersi dietro le approvazioni di oltre 13 anni fa, quando fra laltro le ditte costruttrici non detenevano il brevetto per lalimentazione da terra mentre ora anche le imprese che realizzano il tram hanno le tecnologie per farlo. Forse il dibattito odierno è soltanto il tributo alla nuova filosofia politica per cui ogni problema è irrisolvibile perché è frutto di un errore del passato, non a caso occorre cambiare tutti e tutto, e poi cambiare anche quelli che hanno cambiato tutti e tutto, e così via. Purtroppo noi pensiamo che il principio della continuità amministrativa si fosse affermato nellinteresse generale, magari a Firenze con qualche difficoltà in più visto che già Dante accusava la città perché ...a mezzo novembre non giugne ciò che tu dottobre fili (VI Purgatorio).




news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news