LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Colf assunta in famiglie nobili sostituiva opere darte con copie
Carlo Mion
http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2018/04/13/news/colf-assunta-in-famiglie-nobili-sosti

Smascherata una banda che infiltrava una finta governante con lincarico di fotografare i quadri per farne una copie e sostituire loriginale. Due dipinti del valore di 200 mila euro trovati in Germania


Recuperati i quadri rubati dalla governante distinta. La irreprensibile governante con le referenze false era riuscita a farsi assumere nel palazzo di una famiglia veneziana. Fotografava i quadri di valore che poi una banda falsificava e lei sostituiva. I carabinieri sono riusciti a far rientrare a Venezia le opere ritrovate in Germania.

I carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Venezia (Tpc) e della locale compagnia, coordinati dalla Procura di Venezia, a seguito di unindagine non certo facile, hanno individuato e sequestrato, in Germania, due dipinti, olio su tela, raffiguranti Adorazione dei pastori e Anania guarisce la cecità, del valore di oltre 200.000 euro, rispettivamente attribuito a Lazzaro Baldi (Pistoia 1623-1703), allievo di Pietro da Cortona e a Niccolò Berrettoni (Macerata 1637 Roma 1682), allievo di Carlo Maratti, denunciando, inoltre, una persona per ricettazione.

Il ritrovamento ha origine da un controllo, nel 2016, sul catalogo di una nota casa daste di Monaco di Baviera, dove erano messi in vendita i due beni. La successiva comparazione delle immagini, con quelle contenute allinterno della Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita dal comando carabinieri tutela patrimonio culturale, ha permesso di stabilire la corrispondenza dei dipinti, con quelli rubati ai danni di una famiglia nobile veneziana.

Il furto era stato commesso da unorganizzazione criminale, dedita al trafugamento di opere darte, già smascherata nel 2011, a seguito di indagini condotte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Mestre con lausilio del nucleo Tpc di Venezia. La banda iper specializzata riusciva a infiltrare una donna italiana, dallaspetto e le referenze (false) irreprensibili, come colf o governante nelle case della nobiltà veneziana. La distinta signora, in realtà, fotografava i quadri da vicino. La banda a questo punto faceva realizzare delle copie perfette dei dipinti che poi venivano messi al posto di quelli originali.
In particolare, le indagini dellepoca avevano permesso di scoprire che cinque persone (2 stranieri e 3 italiani), in tempi e circostanze antecedenti alla data della denuncia, formalizzata nel novembre 2011, approfittando dellassenza dei proprietari, avevano preso vari dipinti, sostituendo gli originali con le copie abilmente contraffatte, mediante la riproduzione fotografica su tela. Le false opere, montate su telai e ricollocate nelle proprie cornici originali, venivano anche ritoccate e anticate con colori, in modo da far percepire al tatto, la sensazione della materia pittorica antica.

A seguito della recente scoperta sul mercato antiquario internazionale delle due opere pittoriche rubate ed esportate illecitamente dal territorio nazionale la Procura di Venezia ha inoltrato
una richiesta di assistenza giudiziaria internazionale allautorità giudiziaria tedesca che, dopo aver acquisito le fonti di prova raccolte dai carabinieri del Tpc, disponeva la restituzione dei quadri al legittimo proprietario.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news