LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, I giocatori di carte di Manfredi. Un pezzetto dopo laltro, sulla tela. Così è riuscito il puzzle di Daniela
Jacopo Storni
Corriere Fiorentino 14/4/2018

Silenzio assoluto. Nello studio non vola una mosca. Le parole sono quelle necessarie, nascono strozzate in gola. Si lavora con gli sguardi, si lavora con le mani che tremano a ogni movimento. È il momento più delicato, quello decisivo. La buona riuscita del restauro passa da questa fase. Se qualcosa va storto, potrebbe compromettere il lavoro degli ultimi mesi.

Il restauro de I giocatori di carte di Bartolomeo Manfredi tocca il suo culmine. Dopo otto mesi di lavoro, i frammenti recuperati dopo lesplosione dei Georgofili tornano sulla tela. Finora erano sparsi sul tavolo della restauratrice, che li aveva meticolosamente riordinati come pezzetti di un grande puzzle. Erano mobili, bastava una folata di vento per farli volare via. Adesso sono sulla tela, perfettamente appiccicati, hanno ritrovato la loro posizione originale. E finalmente la restauratrice può tirare un sospiro di sollievo. Il quadro ha ritrovato la sua dignità. È inevitabilmente sfregiato, mancano pezzi importanti, ma è tornato sulla tela.

È la rivincita della cultura contro il terrore, è il risultato della campagna di raccolta fondi promossa da Corriere Fiorentino , Gallerie degli Uffizi e Ubi Banca. Con la cifra raggiunta, 26.527.50 euro (il traguardo era 22.212 euro) grazie alla generosità di tanti che hanno voluto dare il loro contributo con una donazione, il quadro è rinato. Tante donazioni, grandi e piccole, arrivate da tutta la città, parte delle quali raccolte grazie a una cena di gala che si è tenuta a Palazzo Pitti lo scorso settembre, un evento organizzato da Once Events.

È stato un percorso lungo e complicato. La restauratrice Daniela Lippi spiega le ultime fasi di lavorazione, quelle più difficili: Per poter effettuare le operazioni di ricucitura, era necessario lavorare sia sul fronte che sul retro della pittura. Abbiamo dunque pensato di utilizzare un sacco sottovuoto per poter rigirare lopera. Attraverso il sottovuoto si è potuto immobilizzare i tanti frammenti. Con plastica grossa e due piani sottili di legno, abbiamo chiuso il dipinto fra i due piani dentro il sacco sigillato dopodiché, con lausilio di una pompa, abbiamo aspirato laria creando la compressione ed è stato possibile girare lopera utilizzando come piano di supporto uno dei due piani di legno. Nel frattempo è stata tensionata la nuova tela e labbiamo preparata con ladesivo prescelto. Proprio qui, dopo aver rigirato nuovamente il dipinto predisponendo un nuovo sacco, sono stati incollati i frammenti.

È stato un processo molto complicato, dove la fisica e lesperienza dei restauratori hanno giocato un ruolo fondamentale. Cellulosa, resina secca, incollaggio, essiccamento.

Processi chirurgici, materiali del mestiere. Insieme a Daniela Lippi, cerano Luciano Sostegni, esperto restauratore di supporti tessili con esperienza quarantennale allOpificio delle Pietre Dure, e Lorenzo Conti, restauratore strutturale specializzato nei dipinti su tela. Lincollaggio dellintero dipinto precisa Lippi si è svolto in due fasi: prima si è fatta aderire alla tela la materia originale che faceva corpo unico, nei giorni successivi si è proceduto alla posa dei frammenti che risultavano a se stanti. Nei giorni scorsi il direttore degli Uffizi Eike Schmidt ha fatto visita al laboratorio della restauratrice: È stata spiega unemozione vedere i frammenti del quadro sulla tela. Sicuramente una gioia, ma anche una profonda tristezza perché il quadro originale non sarà mai recuperabile e perché fa tornare alla mente le vite distrutte di quella tragica giornata.

Adesso che i frammenti del dipinto sono incollati sulla tela, il lavoro ha superato abbondantemente il giro di boa. Tutto è partito dalla foto ingrandita del quadro comera prima, grazie allimmagine concessa dagli archivi Scala.

E adesso manca poco manca ormai poco al 27 maggio, anniversario della bomba dei Georgofili. In quella data, il dipinto di Manfredi farà ritorno agli Uffizi, dove resterà esposto come simbolo di rinascita contro la mafia, di cultura oltre il terrore. E sempre in quella data sarà pubblicato un volume (edito da Mandragora) che racconterà tutto le operazioni di restauro.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news