LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MOSTRE - Percorsi- Larte di salvare la grande bellezza
OLGA GAMBARI
15/4/2018 la repubblica



La Reggia di Venaria espone duecento capolavori provenienti da tutta Italia restaurati grazie allimpegno di Intesa Sanpaolo. Le opere ritorneranno poi ai loro musei di origine
Come far sì che la fragilità della bellezza non diventi il suo tallone dAchille, la sua condanna? Se è pur vero che la caducità ne è caratteristica consustanziale, altrettanto i suoi valori di memento, di educazione e di consolazione rendono necessaria la conservazione della bellezza. La preservazione, quindi, e la sua restituzione rappresentano una responsabilità non solo culturale ma anche civile. Una tutela rivolta verso il tempo, che della bellezza è un amante geloso. Dal 1989 Intesa Sanpaolo si è fatta carico di questo impegno con il progetto Restituzioni, che ogni due anni seleziona e si occupa di un nucleo di opere appartenenti al patrimonio artistico pubblico bisognose di restauro. LItalia è un enorme museo diffuso attraverso i secoli, con il più grande patrimonio artistico al mondo, dove la bellezza è presente ovunque, maestosa e fragile, minacciata dal passare dei secoli, dalle calamità, dallincuria.
La perdita dellintegrità dei suoi capolavori è un danno alla nostra storia e alla nostra identità nazionale spiega il presidente emerito di Intesa Giovani Bazoli, anima del progetto sin dallinizio.
Si parla di milletrecento opere in trentanni, dallantico al contemporaneo, individuate con lobbiettivo di restituire la varietà della produzione italiana, accogliendo anche le arti minori, con lidea di manufatto come testimonianza di una preziosa tradizione artigianale e culturale.
Quindi dipinti, affreschi, mosaici, sculture e poi opere di oreficeria, argenteria ed ebanisteria, lavori tessili, ceramiche e porcellane.
Le segnalazioni arrivano da tutta Italia, in collaborazione con decine di enti di tutela e di proprietà, tra soprintendenze, musei pubblici, privati ed ecclesiastici, siti archeologici e chiese. Prima che le opere tornino nelle loro sedi di origine alla fine di ogni biennio viene organizzata una grande mostra, che ne costituisce la riconsegna ufficiale ma anche il momento della valorizzazione e una festa alla bellezza intesa come bene comune. La Reggia di Venaria Reale accoglie fino al 16 settembre la diciottesima edizione di Restituzioni, unesposizione con oltre duecento capolavori restaurati dal titolo La fragilità della bellezza. Una sede ideale per le assonanze con il suo genius loci: splendida piccola Versailles voluta dai Savoia, per due secoli cadde in disgrazia abbandonata a un destino di degrado e depredazione che sembrava averla irrimediabilmente compromessa. Poi alla fine degli anni Novanta partì un grandioso progetto di recupero che, attraverso quello che fu considerato il più grande cantiere dEuropa nel campo dei beni culturali, riportò la Reggia alla sua meraviglia, complesso monumentale simbolo del barocco internazionale. Nel 2007 linaugurazione, con un processo di restauro che è continuato nel tempo restituendo architetture, giardini e parchi che facevano parte della sua struttura originaria. La Venaria Reale oggi è un polo culturale dove antico e contemporaneo si incontrano, di cui fa parte anche il Centro per la Conservazione ed il Restauro dei Beni Culturali La Venaria Reale, che è stato protagonista nel progetto. Ma sono centinaia i laboratori di restauro e i professionisti coinvolti da Intesa Sanpaolo in questa lunga campagna di tutela, sparsi nelle diciassette regioni interessate dal progetto dal nord al sud dellItalia, con interventi spesso realizzati in situ, per esempio per i mosaici pavimentali paleocristiani della Basilica di Aquileia e per gli affreschi di Altichiero e Avanzo nella Cappella di San Giacomo della Basilica del Santo a Padova.Siamo convinti dice Michele Coppola, Direttore Arte, Cultura e Beni Storici della banca che il contributo alla salvaguardia del patrimonio sia il modo di difendere il valore e lidentità stessa del nostro Paese. La mostra è un percorso lungo quaranta secoli, in cui ogni opera ha la sua biografia unica, che travalica il puro valore artistico per diventare anche testimonianza antropologica, storica e sociale, tengono a sottolineare Carlo Bertelli e Giorgio Bonsanti, i curatori. Come la testa maschile in bronzo detta di Basilea del V secolo a.C., vittima di un naufragio antico, poi recuperata nel 1969 davanti a Villa San Giovanni in Calabria, dove venne trafugata per essere ritrovata anni dopo dalla polizia italiana nellAntikenmuseum di Basilea e infine restituita.
Uneterogeneità dove la bellezza si manifesta senza gerarchie, contemplando capolavori firmati da grandi nomi come Tiziano, Pietro da Cortona, Giovanni Bellini, Vincenzo Foppa, Anton van Dyck e il Canaletto (con una veduta sul mercato di Dresda che rappresenta lunica opera proveniente da un museo estero) insieme a oggetti di quotidianità come la carrozzina del piccolo Ferdinando Umberto dei Savoia Genova o il rarissimo mantello cerimoniale tupinambà proveniente dal Brasile, ricamato di piume rosse. Le più antiche sono le pitture murali della tomba di Henib, 1976-1794 a.C., che attendevano un intervento da quando arrivarono nel Museo Egizio di Torino ai primi del Novecento, le più contemporanee sono le tele di Burri, Morandi e Cy Twombly.
In mezzo, tesori come gli sciamiti in seta decorati con leoni e grifi realizzati da manifatture bizantine che, secondo la leggenda, avvolgevano le spoglie del martire istriano San Giuliano nella chiesa dedicatagli a Rimini, le porcellane della Manifattura di Ludwigsburg, il paliotto daltare dellebanista Pietro Piffetti, sorprendente caleidoscopio intarsiato di madreperla, avorio, tartaruga, metalli, legni e pietre preziose.
Il percorso è punteggiato da video che mostrano le fasi dei restauri, digressioni scientifiche in cui a un lavoro manuale antico si abbinano nuove tecniche e strumenti, come le fotografie in falso colore, le indagini nucleari e la scansione in 3D, che aiutano a leggere le condizioni di salute delle opere e a immaginarne il tipo di intervento conservativo più adatto.



news

19-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 19 aprile 2018

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

Archivio news