LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA ITALIA - Quegli applausi per la Storia in piazza
di VITTORIO COLETTI
15 aprile 2018 LA REPUBBLICA


Quando, all apertura della Storia in Piazza, Pietro Da Passano ha ricordato che questa è lultima edizione dellevento ideata da Luca Borzani, è scattato un applauso interminabile, con qualche imbarazzo dei nuovi, ufficiali e soprattutto ufficiosi, vertici del Ducale.
Giusto riconoscimento a Borzani per il lavoro svolto e unoccasione per noi di riflettere sul ruolo delle persone, specialmente nelle istituzioni pubbliche, politiche o culturali o economiche che siano.
Fino a qualche decennio fa, i partiti, gli schieramenti consentivano di prescindere, almeno in parte, dalla persona, perché erano loro a fornire gli orientamenti e a guidare di fatto le istituzioni, non stiamo qui a discutere con che profitto per la collettività.
Oggi questa dimensione è sempre più ridotta, meno, paradossalmente, per il M5S, che ne ha fatto addirittura una bandiera, declassando le persone a portavoce, esecutori di unistanza superiore non ben precisata.
Eccezione 5S a parte, oggi, saltati i tradizionali sostegni e riferimenti, il ruolo delle persone incaricate di pubbliche responsabilità è diventato ancora più importante di prima e la differenza tra di esse risalta più netta.
Lasciamo pur stare il caso al limite della patologia di Trump, il Presidente degli USA che cinguetta stupide e pericolose dichiarazioni di guerra mentre si fa la barba, anche se non dovremmo trascurarlo per non perdere di vista il versante negativo della crescita del ruolo della persona in politica.
Qui vogliamo però occuparci soprattutto del versante buono e cominciamo col dire che delle persone importano innanzitutto gli scopi per cui si impegnano.
Prodi e Berlusconi sono stati entrambi, ognuno a suo modo, in gamba, ma con scopi opposti: Berlusconi faceva politica per proteggere e favorire sé stesso e, per lui, il bene pubblico discendeva da quello privato, costituito dalle sue imprese, denari, protezioni dalla giustizia.
Prodi la faceva per il bene comune e da questo discendeva per lui quello privato, fatto di legittima gratificazione e ambizione personale. Anche la differenza tra Burlando e il suo successore Toti è più negli scopi che nella pur diversa abilità: lo si apprezzasse o meno, Burlando legava il suo successo a quello della Liguria del lavoro e qui finivano le sue ambizioni; per Toti da qui cominciano per arrivare a Roma e alla direzione del suo partito.
La Liguria è la base e il mezzo per le sue strategie e aspirazioni nazionali.
Insomma, lo scopo per cui una persona si impegna nella cosa pubblica a lui affidata non è meno importante delle sue capacità.
Se lo fa, come è stato il caso di Borzani, per il successo dellistituzione, è un conto, se lo fa per il proprio successo o addirittura per il proprio tornaconto personale, è un altro.
Anche lo stile della persona è importante. Io sono sicuro che Beppe Grillo si è dato alla politica per ragioni pulite e generose, ma se ha esortato la gente alla rivolta della volgarità beffarda e non a quella della responsabilità civica lo si deve probabilmente al suo stile personale e a quello del suo mestiere di comico, più incline alla beffa che alla riflessione.
Se ha favorito nei suoi militanti più la presunzione del giudizio sparato sul web che lumiltà del dubbio e dellinformazione accurata è forse perché da una vita è abituato a condensare problemi, ragionamenti, casi complessi nella rapidità fulminea ma superficiale di una battuta. Lo stile può stravolgere anche gli scopi più lodevoli, come è successo a Renzi, incapace di resistere al successo di un applauso e di unarguzia, anche a costo di perdere i confronti in cui aveva tutte le ragioni dalla sua.
Per restare nella nostra piccola dimensione locale, Bucci, che lavora con indubbio impegno per il Comune, gode, per ora, quasi solo del vantaggio che gli viene dalla diversità del suo stile personale da quello di Doria; la sua grinta e le sue grida da decisionista fanno apparire decisioni operative anche quelle che continuano, come sempre a Genova, a rimanere solo intenzioni e progetti, a far passare per soluzioni quelle che sono soltanto gli ennesimi rinvii, facilmente imputati fino a un anno fa al titubante e riservato
Marco Doria.
Insomma, le persone sono importanti, più che mai oggi, quando si hanno partiti personali e personalizzazione spinta della politica, altro omaggio allItalia del nefasto Berlusca, vera e purtroppo non esaurita fonte di tanti nostri guai.
Il lungo applauso a Borzani da parte del folto pubblico che assisteva allinaugurazione della Storia in Piazza dimostra che la gente lo sa e, alla fine, sa ancora riconoscere e distinguere le persone e il loro valore.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news