LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Bene la Zes della cultura. Ma larte non è consumo
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 17/4/2018

Curti, presidente di Teatri Uniti: i primati qui sono pericolosi Lobiettivo è puntare a visitatori consapevoli e non solo utenti

Musei, cinema, teatri, beni culturali: dati alla mano, la Campania è di nuovo felix . Con il suo più 15,4% è la seconda regione italiana per incremento nei consumi culturali. Nel commentare questo exploit, Marco dIsanto, da queste pagine, sabato scorso ha lanciato una proposta: Rendere Napoli un laboratorio in Europa dove sperimentare un grande progetto nel comparto culturale e della creatività attraverso interventi di defiscalizzazione. Insomma una Zes(c) ovvero ...una Zona economica speciale della Cultura, in cui concentrare le risorse facendo leva su di un patrimonio artistico e di attività creative uniche al mondo.

Cosa ne pensa Angelo Curti, presidente di Teatri Uniti?

Intanto analizzerei la qualità dei dati e opererei un distinguo fondamentale tra cultura e consumo culturale. La cultura, contrariamente a quanto vien fuori dalle statistiche, è proprio quello che non possiamo vendere o comprare e sfugge alla mercificazione. Sulla Zes della cultura, poi, sono in linea di massima daccordo: tutto quello che semplifica e snellisce laccesso alle risorse va bene. Anche perché paradossalmente spesso non sono i fondi a mancare: è la loro erogazione ad essere burocraticamente troppo complessa.

Zes sia, dunque. Quanto allanalisi: come legge questo rialzo in borsa dei titoli creatività made in Naples? Cosa sta succedendo?

Cosa è già successo, sarebbe meglio dire. I fatti precedono gli atti e ora ci troviamo di fronte a un fenomeno da storicizzare. Prendiamo ad esempio il caso della Cappella Sansevero, fino a poco tempo fa un museo minore e oggi in cima alla lista delle mete dei turisti che vengono in città. Più di Capodimonte e non cè paragone per rilevanza che rimane ancora scollegato. Ricordo che Silvio Berlusconi, in visita a Napoli, disse: erano 24 anni che volevo vedere il Cristo Velato! Ora, considerando che Sammartino, sia pure di notevole interesse, non è certo il più grande scultore di cui in città siano visibili opere, è chiaro che qualcuno avesse detto allex premier che quella era una tappa imperdibile. Per fare un caso più recente, basta citare Matteo Renzi che, approdato agli Scavi, disse di non essere mai stato a Pompei. Il punto è questo: a quale pubblico vogliamo rivolgerci, quale fruizione vogliamo creare? Puntare solo ai numeri è certamente più semplice, ma stiamo veramente progettando, immaginando il futuro? Ah, una precisazione a dIsanto vorrei farla però.

Dica.

Nel concludere il suo articolo scrive basterebbe semplicemente un po di fantasia al potere. Ebbene non è così. Quella auspicata al potere era limmaginazione che ha in sé la capacità visionaria di progettare e dunque di costruire ipotesi praticabili di futuro.

Quando diciamo primati vine subito in mente il Mann.

Non ho seguito il Festival delle Muse, ma mi hanno riferito anche di palchi veri e propri montati nelle sale. E mi chiedo: un museo non dovrebbe avere già il suo appel nelle opere che espone? Con quale visione si attraggono più turisti? Lobiettivo deve essere avere visitatori consapevoli non utenti, perché dietro il consumo si nasconde il rischio della consunzione. Mettere a regime questa effervescenza è certo una misura auspicabile ma non so se da noi può funzionare. È come se si chiedesse il passaggio a una fase successiva avendo mancato la precedente.

Tipo?

Tipo la post-modernità che a Napoli non ha avuto una modernità.

Come vede gli enti, la politica, di fronte a questi nuovi primati culturali? Preparati, capaci, interessati?

Lultimo aggettivo. I primi due proprio no. La politica deve avere la capacità di affidarsi ai competenti che non sono i tecnocrati.

Da fruitore di cultura, nellultimo anno, a Napoli, ha visto qualcosa di memorabile?

Essere napoletani significa non stupirsi. Esempio: anni fa, riprese in piazza Cavour. Un signore ci chiese che cinema stavamo girando. Io risposi Lamore molesto . Lui: laggio già visto! Ecco i napoletani anche tutto questo lhanno già visto. Come i primati: la Cumana? Le funicolari? Furono le prime nel Paese. E sono rimaste quelle.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news