LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Chianti, via i cinque gigantiche deturpano il paesaggio
Matteo Merciai
Corriere Fiorentino 17/4/2018

Giù i tralicci (mai entrati in funzione) tra Tavarnuzze e Impruneta

Tavarnuzze. Cinque tralicci enormi, grigi e installati da Terna agli albori del nuovo millennio ma mai funzionanti cesseranno presto di deturpare il paesaggio tra Tavarnuzze e Impruneta: due elettrodotti a destra della Via Cassia, adiacenti al fiume Greve ed altri tre in direzione Le Rose, inoltrati tra il verde della valorosa campagna imprunetina.

A questi si aggiungono tre basi di altrettanti tralicci mai conclusi, situati lungo Via Quintole per le Rose, anchesse in attesa di essere smantellate. Avrebbero dovuto alimentare un percorso a 132.000 KW, presto abbandonato in favore del progetto di interramento della nuova linea a 380.000 KW.

La notizia, attesa da anni, è stata ufficializzata dal Comune di Impruneta: ieri Terna ha avviato i lavori di demolizione dei sostegni elettrici nei pressi della Stazione Elettrica di Tavarnuzze, intervento che durerà due settimane e non comporterà costi aggiuntivi per lamministrazione locale. Meglio tardi che mai, verrebbe da dire. I cinque tralicci della discordia, infatti, dominano la skyline dellarea dal lontano 2000. Una generazione fa. Diciotto anni nei quali non hanno sofferto di solitudine di strutture analoghe ce ne sono altre ma, certamente, hanno peccato di operosità: mai entrati in funzione, riconoscibili poiché senza alcun cavo elettrico, condannati al triste (ed unico) destino di deturpare il paesaggio.

Perciò, la questione è divenuta presto diatriba tra Impruneta ed Enel oltre a materia di longeve battaglie politiche: le ultime portano la firma di Francesco Bianchi, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, autore di una mozione datata 2015 votata allunanimità e di un sollecito risalente al 2016. Bianchi, definendo quei refusi metallici privi di fili, privi di senso, impegnava il sindaco Alessio Calamandrei ad esortare lintervento di Terna e bonificare la cosiddetta Porta del Chianti. Tre anni più tardi può dirsi accontentato. Soddisfatto delloperazione anche il primo cittadino di Impruneta Calamandrei: Una volta che lo smantellamento dei manufatti, ormai inutilizzati, sarà concluso, avremo una sicurezza più garantita, un ambiente più tutelato e un paesaggio più bello. Ringrazio Terna e il consigliere del Movimento 5 Stelle Francesco Bianchi per aver sollevato a suo tempo la questione in consiglio comunale.




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news