LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Architettura come ideale, non stile. La lezione e lappello di Gregotti
Pierluigi Panza
Corriere della Sera 16/4/2018

Il confronto tra i formalismi architettonici contemporanei (esperienze pop, decostruttiviste e tutte quelle falsamente autonome al soldo degli sviluppatori) e larchitettura intesa come pratica artistica nella tradizione del moderno è largomento del nuovo libro di Vittorio Gregotti, intitolato Quando il moderno non era uno stile (Archinto). Gregotti sistematizza tre interventi scritti nel 2005, 2007 e 2015 facendoli precedere da una inedita introduzione per allarmare sulla fine dellarchitettura come pratica artistica di carattere critico finalizzata al miglioramento sociale e il suo scadere nello stilismo.

Se pochi sono i dubbi sulla nobiltà intellettuale di una pratica così intesa e così tanto, oggi, disattesa alla quale possiamo solo richiamare , due sono gli aspetti di confronto con Gregotti che intrigano una discussione. Il primo è quello sulla liceità che i formalismi contemporanei, espressioni del nichilista Capitalismo finanziario-estetico, abbiano trovato dimora anche da noi: essendo la pratica artistica anche riflesso della società che la genera, credo che ciò sia consono e pluralista. Se sono un virus è compito di una società sana contrastarle e inoculare un vaccino, non osteggiarne lepifania. Il secondo è se il Movimento Moderno ha ottemperato allideale illuministico di miglioramento sociale collettivo attraverso la pratica dellarchitettura oppure se sia stato proprio un suo deficit il grimaldello che ha aperto alla seduzione dellimmagine come forma di conforto momentaneo. Poiché un effetto è sempre preceduto da una causa.

La pratica artistica che si pone nella tradizione del moderno in architettura è stata il Movimento Moderno, altrimenti Razionalismo in senso vasto, ovvero quellideale e non stile, come sottolinea Gregotti che, gettate le radici nel Settecento si è sviluppato nelletà dellindustrializzazione e ha avuto in Gropius e Le Corbusier i maestri dopo i pionieri. Muovendo dalle contraddizioni della società, il Movimento Moderno creava relazioni tra teoria (nel solo 1966 vennero pubblicati i tre importanti contributi di Gregotti, Rossi e Venturi) e pratica architettonica e dei linguaggi, persino per i quartieri popolari (dal Gallaratese, al Corviale allo Zen). Il Razionalismo ha ottenuto, però, risultati non soddisfacenti nelle periferie delle città e anche nel disegno urbano della cintura con distruzione del paesaggio antropogeografico e dei piccoli centri, disgregati nellidentità.

È vero che il Movimento Moderno ha sempre svolto anche unazione di autocritica, ma lattuale disgiunzione postmoderna e decostruzionista, con riduzione dellarchitettura a oggetto stilistico di design privo di contesto, credo abbia trovato humus nellinsoddisfacente risultato ottenuto dal Moderno on the ground . Che queste siano espressioni di hybris è evidente; ma anche lInternational Style e lhi-tech avanzavano pretese globaliste e totalitarie, almeno nellespressione. Certo, erano esperienze ispirate a ideali migliorativi, persino verso lex Terzo mondo, ma hanno ottenuto i loro migliori risultati dove lélite finanziaria o uno Stato munifico a fini autocelebrativi ha sostenuto gli interventi.

In definitiva, il tramonto della società industriale sostituita dal neocolonialismo della finanza e delle tecnoscienze (non come strumenti, ma come fini), non poteva che portare a unarchitettura della manipolazione, della falsa creatività, della telearchitettura. È, questa, lespressione cogente dellincessante società del sempre nuovo, delloltranzismo tecnologico e della manipolazione genetica.

Il problema, come sottolinea Gregotti, è che riaprire un dibattito sui fondamenti della disciplina sembra non interessare nessuno, né gli architetti né linsegnamento universitario. Sulla politica non si può fare affidamento finché un nuovo Piano case non acquisisca sostanza elettorale, anche perché siamo un Paese indebitato, sotto ricatto dei Fondi di investimento. Così, oggi, il giudizio sulla pratica artistica resta affidato al neocolonialismo del mercato, domina la semplificazione estetica (populismo estetico), gli studi di successo sono organismi di produzione ovunque dominano burocrazia e indebolimento dellinteresse pubblico per la pianificazione, che cede il passo a una città generica come sommatoria di flessibilità.

Linvito è a ripartire dai fondamenti: storia, teorie, modi del fare; un passo indietro della creatività e uno in avanti della critica (e dellautocritica) per frenare lincessante ricerca scenica del nuovo.




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news