LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Con le Zes della cultura si può creare sviluppo
Anna Paola Merone
Corriere del Mezzogiorno - Campania 18/4/2018

Napoli. Lidea di rendere Napoli una Zona economica speciale della cultura, lanciata da Marco dIsanto sul Corriere del Mezzogiorno, la convince?

Bisognerebbe capire nel dettaglio come si intende articolare questa proposta. Certo non cè dubbio che questo strepitoso momento di turismo che vive Napoli fa capo alla cultura. E quindi che la cultura possa essere considerata centrale e diventare ancora di più motivo attrattivo dal punto di vista economico mi pare una cosa molto giusta.

Luca De Fusco, regista e direttore del teatro stabile di Napoli, commenta la proposta di rendere Napoli un laboratorio in Europa dove sperimentare un grande progetto nel comparto culturale e della creatività, attraverso interventi di defiscalizzazione. Una Zes della cultura in cui concentrare le risorse facendo leva su di un patrimonio artistico e di attività creative uniche al mondo. Una idea che piace, con alcune riserve, anche al presidente di Teatri Uniti Angelo Curti.

Larte non è consumo, ha però detto Curti.

Ma può creare percorsi virtuosi. Noi per esempio facendo attività teatrale a Pompei, al Teatro Grande, possiamo incrementare le presenze alberghiere turistiche. Ci vorrà tempo, ma capiterà che quelli che visitano la città archeologica decideranno di non andar via e fermarsi per lo spettacolo. Credo che si potranno ottenere buoni risultati considerando la cultura più come struttura che come sovrastruttura.

Al Mercadante avete consuetudine con gli enti locali. Secondo lei hanno il senso vero delle potenzialità della cultura?

A livello concettuale e ideale sì, basta vedere con quale esultanza Napoli ha accolto la nostra riconferma a teatro nazionale. E questo riguarda sia de Magistris che De Luca. Ne approfitto anzi per fare i migliori auguri agli amici del teatro Bellini, diventato Tric. Un riconoscimento che rafforza la città intera.

Insomma a livello teorico ci siamo. E a livello pratico?

Il problema per i nostri soci sono i tempi. I tempi di erogazione dei finanziamenti e di programmazione non sono in linea con quelli dellItalia del Nord e dellEuropa. Ho portato lo spettacolo di Patroni Griffi a Parigi e ho avuto difficoltà con gli amici francesi: io sto programmando il 2018/19 , loro il 2019/20. Non abbiamo certezza per i finanziamenti per il prossimo biennio e questo ci rende più deboli dal punto di vista turistico. Il boom di presenze della Fenice, per fare un esempio, si deve al fatto che il teatro programma di due stagioni in due stagioni. Il mecca-nismo di organizzazione è molto anticipato. Facciamo la conferenza stampa di Pompei con anticipo, ma non basta. I grandi accordi internazionali sono più avanti.

Ma senza soldi...

Non è una questione di quantità, ma di tempo. Inostri soci ci danno soldi, ma ci servirebbe averli prima Così pagheremmo meno interessi bancari, potremmo avere una migliore programmazione e una ricaduta economica più rilevante. I soldi comunicati prima ed erogati prima danno più vantaggi e sostengono con concretezza i progetti.

De Magistris e anche De Luca, hanno sottolineato con enfasi linteressamento del cinema per Napoli.

Il cinema a Napoli non è certo una cosa nuova.

Ma è trasversale: da Gomorra a Ozpetek, passando per i Bastardi di Pizzofalcone... Come le sembrano questi prodotti culturali?

Quando è uscito Napoli velata stavo lavorando intensamente e non lho visto. Amo Ozpetek. È venuto a vedere i Sei personaggi allArgentina e mi ha riempito di complimenti. Mi sento in debito, devo recuperare e vedere il suo film nel cui cast cè peraltro la nostra Angela Pagano. I Bastardi è la versione più solare ed allegra di Gomorra.

E Gomorra?

I primi episodi mi sembravano molto curati stilisticamente, con una prevalenza cromatica livida, un approccio internazionale. Ora i personaggi sono le caricature di se stessi e cè anche chi gli fa la caricatura nella vita. Lungi da me affermare che questa fiction influenza i comportamenti, il cinema ha parlato di gangster per tutta la sua storia. Cera una volta in America o i film di Scorsese allora non dovrebbero esistere. Ma Gomorra tende ad un eccesso di caratterizzazione.

Indulge ai luoghi comuni?

Sto facendo le prove di Salomè di Wilde e andrò a vedere il film di Everett. Ma ho già letto che lepisodio più criticato è sui femminielli. A questo punto mi sembra sia difficile parlare di Napoli senza incorrere in luoghi comuni. Dovremmo imparare dai maestri della generazione precedente. Da La Capria che per me è un nume tutelare, il nostro Proust che ha saputo raccontare Napoli senza mai fare della retorica. Da Patroni Griffi, da Franco Rosi. Io, da napoletano, detesto essere trattato da pittoresco.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news