LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Palazzo Strozzi. Sei secondi per scendere da uno scivolo di 20 metri e misurare le emozioni nostre e delle piante
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 18/4/2018

Ecco The Florence Experiment di Carsten Höller e Stefano Mancuso, performance che unisce larte alla scienza
A tutta velocità, col fagiolo

La discesa dura cinque o sei secondi, ma è densa, almeno lo è stato per noi, di contraccolpi e spunti di riflessione. The Florence Experiment la nuova perfomance-mostra-esperimento site specific di Palazzo Strozzi a cura di Arturo Galansino a cui si potrà partecipare da domani al 26 agosto è frutto della collaborazione tra Carsten Höller, artista di origine belghe ma cittadino del mondo diviso tra il nord Europa e il Ghana, e Stefano Mancuso, un geniaccio di origini siciliane trapiantato a Firenze, scienziato, inventore della neurobiologia vegetale e sostenitore, prove alla mano, dellintelligenza delle piante. Insieme hanno progettato questo intervento a Palazzo Strozzi che coinvolge uomini e piante in un gioco di reciproci condizionamenti emotivi e che consta di due momenti. Il primo: una discesa di 20 metri attraverso due tubi di acciaio e plexiglass che coinvolge i visitatori i quali dovranno stendersi su un tappetino in posizione supina (con le gambe il meno possibile flesse) e a lasciarsi scivolare la velocità che si raggiunge è notevole con addosso una cintura a cui viene legata una piccola pianta di fagiolo. Il secondo, terminata la discesa, che è una sorta di continuazione della prima parte. Chi partecipa allesperimento sarà, a questo punto, invitato a entrare in Strozzina (al piano interrato del palazzo rinascimentale) e a scegliere se sedersi in una sala a vedere degli spezzoni di film comici oppure optare per quellaltra dove passano trailer di pellicole dellorrore. Finito il doppio esperimento occorrerà riconsegnare la piantina in un laboratorio di analisi vegetale allestito in loco dove delle apposite strumentazioni misureranno le reazioni, generate dalle emozioni provate da noi, sulle piante. Che, e qui va fatta unaggiunta, non sono solo i fagioli di cui si è detto ma anche dei virgulti di glicine aggrappati alla facciata di Palazzo Strozzi ai quali tramite un sistema di tubature arrivano dei composti chimici volatili dai noi prodotti durante la visione dei film in Strozzina, differenti asseconda che proviamo paura o divertimento.

Se questo è il meccanismo su cui si fonda The Florence Experiment la prima cosa da evidenziare è la riflessione che ingenera in chi partecipa allesperimento. Soggettiva, certo, ma anche se paragonata a quella di altri pedagogica. Per dire: confrontando la nostra esperienza con quella di altri io che ho avuto paura ho capito che se la passa meglio chi rispetta alla lettera le indicazioni fornite dai tutor. Se vi dicono di non piegare le gambe ma di stare il più possibile distesi una ragione cè. Questa posizione consente di non interferire sulla velocità di discesa e di bilanciare la distribuzione del peso. Ergo mollare ogni tanto il controllo che abbiamo sulle cose è cosa buona e giusta. Inoltre chi partecipa potrà misurare anche la sua attitudine allaccudimento. Ha detto Stefano Mancuso prima che si partisse con le discese: A ciascuno di voi è affidata una piantina. Mi raccomando abbiatene cura, per quei pochi secondi dipende al 100 per cento da voi. Onestamente io ero talmente impaurita che, durante la prova, non ho pensato neanche un secondo al mio fagiolino. A esperimento finito, quando mi era chiaro che avevo salvato la pelle, ho provato tenerezza per quelle due foglioline che, a quel punto, andavano un po ripiegate per far entrare la pianta dentro a una sorte di contenitore di plastica. Prima ho cercato di scampare il pericolo. Questo lo raccontiamo per spingervi a partecipare (potranno farlo solo 500 persone alla settimana a cui sarà chiesto di firmare una liberatoria) perché siamo certi che facendolo scoprirete delle cose su di voi interessanti. Spiega a questo proposito Carsten Höller: Ho voluto portare qui un esperimento che rendesse visibili i limiti della mente umana questa volta in rapporto alle piante mentre in passato ho lavorato molto con gli animali. Questo esperimento rende visibile ciò che altrimenti ci è inaccessibile, sia per quanto riguarda noi stessi che nel caso delle piante. Ho voluto fare qualcosa che si muovesse sul binomio emozionale paura e divertimento, sono queste le reazioni che può ingenerare la prova, perché attraverso questo dualismo possiamo scardinare alcune certezze e rifondare la nostra concezione del mondo. Daltro canto Carsten Höller è uno che sullesigenza di coltivare il dubbio e scardinare certezze ha costruito intere mostre da Londra a Milano.




news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news