LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Le Zes della culturafavoriscono lo sviluppo
Anna Paola Merone
Corriere del Mezzogiorno - Campania 19/4/2018

Napoli. Il teatro Bellini è di recente diventato Tric (teatro di rilevante interesse culturale). Un riconoscimento che ci inorgoglisce e rende merito al lavoro fatto con i miei fratelli Danilo e Gabriele. Roberta Russo direttore generale del Bellini, aperto dal padre Tato nel 1988 parla del teatro con emozione, ricordando però che si tratta di unazienda. Capace di fare business e di creare un indotto di qualità.

E, dunque, cosa pensa della proposta avanzata da Marco dIsanto sul Corriere del Mezzogiorno in merito alla possibilità di rendere Napoli Zona economica speciale per la cultura?

Penso che possa essere una misura molto valida, può essere un volano di sviluppo per Napoli e per tutto il Mezzogiorno che andrebbe a compensare il gap con il resto del Paese. Uno strumento al passo con i tempi: le agevolazioni fiscali, le semplificazioni degli adempimenti portano a processi virtuosi. Si snellisce tutto e si favorisce la crescita. Una misura che, gestita con cautela, può portare alla crescita di territori, imprese e alla nascita di nuove aziende.

Cosa cambia nel Bellini Tric?

Per noi niente, ma cambia qualcosa dal punto di vista della collocazione allinterno delle sezioni, delle categorie che il ministero regolamenta attraverso il Fus. Il nostro modo di lavorare è cresciuto, ma parte da un progetto che già esisteva con i miei fratelli, che è stato potenziato con sinergie. Il Tric non è un punto di arrivo. Essere riconosciuti teatro di rilevante interesse culturale ci spinge a lavorare di più e meglio.

A proposito di sinergie, quella Bellini-San Carlo come è percepita dal pubblico?

Il pubblico secondo me non lo sa neanche. Ci sono due strutture: una di grande pregio, uno dei migliori enti lirici del Paese dalla progettualità virtuosa, e noi, un teatro di prosa contemporaneo. Immagino che il pubblico non si faccia tante domande, ma recepisca il prodotto finale. Che Lultimo Decamerone sia una fusione tra due realtà è più una cosa tecnica

Spettacoli come Dignità autonome di prostituzione... hanno spinto il vostro pubblico ad un approccio diverso del teatro.

Il più grande obiettivo che ci poniamo è quello di corrispondere sempre più alle attese di un pubblico che non ha una precisa connotazione. Abbiamo in sala moltissimi giovani, professori, professionisti. E tutti vogliono vedere un prodotto di qualità, che può avere mille facce. Dignità è stato un progetto impegnativo, che ha fatto conoscere lo spazio del teatro in un altro modo. Il Bellini è stato vissuto dagli uffici ai bagni, dal bar alla sala. Questo ha creato una semplicità nellapproccio del pubblico che ha vissuto diversamente un teatro allantica, con stucchi e velluti. Lo hanno sentito proprio, senza soggezione.

Gli enti locali le istituzioni hanno il senso delle potenzialità della cultura?

Le istituzioni stanno da un lato, gli operatori da un altro. Ma credo che la Regione sia attenta. Siamo dotati di una legge da diversi anni, anche se ha certamente bisogno di essere ammodernata. E siamo tra le poche regioni ad avere una legge completamente dedicata al settore.

Ammodernata come?

Cè una mappatura della regione che va razionalizzata. Ci sono tante strutture piccole che sono nate e fanno un ottimo lavoro, tante compagnie.

La politica è in grado di recepire questi cambiamenti?

È disponibile ad un dialogo e cè un percorso da fare insieme. La politica può dare gli indirizzi, gli operatori hanno la conoscenza del settore: insieme si può fare un buon lavoro

Ha parlato della Regione. E il Comune?

In questo momento è attanagliato da problemi grossi, non è sereno. Immagino che nel momento in cui si risolveranno altri temi, la cultura avrà ben altra spinta rispetto a quella attuale.

Però una spinta entusiasta Palazzo San Giacomo lha data al cinema.

Il cinema ha un appeal notevole ed è da sempre considerato un volano, un moltiplicatore di business. Però il teatro è fatto di tante aziende che muovono numeri, risorse, manovalanza. Se andiamo a fare la somma di tutto quello che avviene e si produce in Campania ed è unanalisi che va certamente fatta vedremo cifre di rilievo. E poi il teatro è curativo, magico e non lo dico perché ci sono nata dentro. Può migliorare lesistenza di ciascuno. È qualcosa che tocchi, vedi, vivi, respiri. Lo puoi percepire e ha un potenziale fortissimo anche sui giovani.




news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news