LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Padova. Catajo, nessun iper. La Soprintendenza blocca i lavori del gruppo Deda
Roberta Polese e Davide DAttino

Il vincolo paesaggistico è definitivo, gli ambientalisti esultano


La decisione era nellaria da almeno una settimana. E giovedì, come sperato dagli ambientalisti e dalle categorie di commercianti, la Soprintendenza ha azzerato ogni dubbio: il vincolo paesaggistico provvisorio nellarea che circonda il castello del Catajo è diventato definitivo. Il contestatissimo centro commerciale che doveva sorgere a Due Carrare, non molto lontano dal castello, dunque non si potrà più costruire. La partita però non finisce qui. Deda srl, proprietaria dellarea in cui lo shopping center doveva nascere, infatti promette battaglia: Ricorreremo al Tar, dove siamo sicuri di vincere, e chiederemo i danni, afferma Rodolfo Cetera, amministratore delegato di Deda, preoccupato che lo stop possa far perdere alla sua società circa 15 milioni di euro, la cifra già investita nelloperazione.

La gioia degli ambientalisti
In attesa che la guerra si sposti nelle aule di un tribunale, però, la notizia è stata accolta tra gli applausi degli ambientalisti e dei commercianti che hanno da sempre contestato lopera. Dopo un anno di manifestazioni, proteste e comunicati ai giornali, quella di giovedì è considerata dai contestatori una vittoria storica. Erano stati i comitati della Bassa infatti ad accendere i riflettori su una vicenda che era diventata la madre di tutte le battaglie. E la Sopraintendenza pare aver accolto la richiesta. Il vincolo paesaggistico è stato posto - si legge nel dispositivo - al fine di garantire il mantenimento degli elementi costitutivi di appartenenza e della cornice ambientale del complesso del Catajo degli accessi prospettici e della percezione da diversi punti visuali. Insomma del castello va tutelata non solo la struttura acquistata dallimprenditore Sergio Cervellin, ma anche la vista dalle sue terrazze (È una notizia bellissima, sono contento, dice Cervellin). Daltra parte lintervento della Soprintendenza era lunica carta in grado di fermare la realizzazione del liper (che avrebbe dovuto dare lavoro a circa 1200 persone), visto che liter per la realizzazione del parco commerciale era stato avviato tempo addietro, addirittura quando il comune di Due Carrare ancora non esisteva (correva il tempo dei Comuni di Carrara San Giorgio e Carrara Santo Stefano) e visto che lattuale amministrazione non aveva alcuna possibilità di intervenire senza incorrere in cause milionarie. Il vincolo conferma quanto abbiamo sempre sostenuto - spiega Davide Moro, primo cittadino di Due Carrare, da sempre contrario allopera ma da un anno al centro della bufera perché la stava portando avanti - Solo un intervento superiore al livello comunale poteva cambiare la destinazione duso dellarea. Per gli ambientalisti però non ha senso pensare alle eventuali cause future quanto va fatto tesoro della lezione odierna. Nella sostanza la Soprintendenza ha accolto le osservazioni propositive indicate congiuntamente dalle associazioni Italia Nostra e Legambiente di Padova e dai comitati Lasciateci Respirare e La Nostra Terra dice Francesco Miazzi, capo degli ambientalisti della Bassa - Certo che il vincolo potrà essere impugnato e sottoposto al giudice amministrativo, ma la sconfitta di Deda, dei suoi fondi americani, del Sindaco Moro e della sua maggioranza risulta chiara, evidente e incontestabile. Questa vittoria ci consegna un messaggio importante: la mobilitazione di un territorio può fermare le devastazioni ambientali e le speculazioni edilizie.

Le manifestazioni di piazza
Le manifestazioni di piazza infatti avevano coinvolto anche alcuni esponenti politici che si erano attivati a livello regionale e nazionale. Il vincolo della Soprintendenza va nella direzione che ho voluto indicare con il progetto di legge presentato lestate scorsa in Consiglio regionale, per tutelare dai mostri di cemento non solo il Catajo, ma tutte le bellezze del Veneto, puntualizza il consigliere regionale Piero Ruzzante (ex Pd oggi Liberi e Uguali), primo firmatario del progetto di legge salva bellezze depositato in consiglio regionale lestate scorsa. Al coro degli entusiasti si unisce (di diritto) anche Patrizio Bertin dellAscom: È una vittoria per tutti dice abbiamo altre battaglie da combattere, contro le-commerce per esempio, ma un punto importante, oggi, è stato segnato a nostro favore. Giovedì infine anche il Pd, che sul tema delliper era diviso, si è schierato con gli ambientalisti e i commercianti. Ringraziamo la Soprintendenza che, con la sua decisione, ha chiuso una disputa che minacciava un intero territorio e molti comuni dellarea dei Colli Euganei, dice il deputato dem Alessandro Zan autore insieme a Giulia Narduolo di un interrogazione al ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini. A Zan fa eco il segretario provinciale del Pd Vittorio Ivis che attesta al suo partito parte del merito di questo risultato.



news

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

20-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

Archivio news