LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pontecagnano. Restauro della Tomba a camera dipinta del III secolo a.C.: il progetto
http://www.salernotoday.it/cronaca/restauro-della-tomba-a-camera-dipinta-del-iii-secolo-a-c-di-pont

Presentato nella sede della Soprintendenza di Salerno, a Palazzo Ruggi, il progetto di restauro della Tomba a camera dipinta del III secolo a.C. di Pontecagnano. All'iniziativa sono intervenuti: Francesca Casule, Soprintendente ABAP di Salerno e Avellino; Mariagiovanna Riitano, Direttore del dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell'Università di Salerno; Luigina Tomay, Direttore del Museo Archeologico di Pontecagnano; Luca Cerchiai, Professore di Etruscologia e Archeologia dell'Università di Salerno; Rosa Maria Vitola, Funzionario e responsabile del progetto ART BONUS della Soprintendenza di Salerno e Avellino; Michele Faiella, Funzionario per la Promozione e Comunicazione responsabile dell'Ufficio Stampa della Soprintendenza di Salerno e Avellino. Il progetto è stato inserito nella piattaforma del Mibact di ART BONUS per il finanziamento dell'intera spesa (7.930,00 euro), chi effettua erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura, come previsto dalla legge, potrà godere di importanti benefici fiscali sotto forma di credito di imposta. L'Università di Salerno, cosi come ha dichiarato la prof.ssa Riitano, parteciperà al progetto con un contributo pari a 4 mila euro.


PROGETTO RESTAURO TOMBA A CAMERA DIPINTA del III secolo a.C.

Il sito di Pontecagnano, posto a ca. 12 km a Sud di Salerno, è noto per la presenza di un esteso insediamento, impiantato agli inizi del IX secolo a.C. da genti di cultura villanoviana e frequentato senza soluzione di continuità fino alla tarda età romana. Di eccezionale rilevanza sono le testimonianze esposte nel Museo Archeologico Nazionale, dove spiccano in particolare i ricchi corredi funerari delle aristocrazie etrusche risalenti al VII secolo a.C. La città attuale insiste sulla necropoli dellantico insediamento etrusco-campano, che finora ha restituito quasi diecimila tombe. Nel 2017, durante uno scavo archeologico eseguito per motivi di tutela nella parte settentrionale della città, è stata portata alla luce una monumentale tomba a camera costruita in blocchi di travertino, databile alla seconda metà del III secolo a.C. La sepoltura, preceduta da un dromos di accesso costituito da una rampa, presentava unampia camera a pianta quadrangolare con tre letti funebri disposti lungo le pareti. Particolarmente ricco era il corredo dellinumato collocato sul letto della parete Ovest, di sesso femminile: oltre a numerosi vasi soprattutto unguentari acromi e decorati a fasce -, sono stati recuperati molti listelli ed elementi in osso pertinenti ad una cassetta lignea, al cui interno erano racchiusi uno specchio in bronzo, una piccola pisside con coperchio a vernice nera contenente polvere da trucco di colore rosa, un pettine e un fuso in osso. Le pareti laterali sono decorate da bende e velari in rosso e in nero, sopra ai quali corre un motivo ad onde in rosso, mentre la parete posta di fronte allingresso presenta una scena figurata: al centro due personaggi affrontati, uno maschile a sinistra e laltro femminile a destra, entrambi con volto di prospetto e braccio destro proteso. Dietro la donna unaltra figura femminile di dimensioni minori, probabilmente unancella, incede verso sinistra reggendo un ombrellino parasole. Dietro la figura maschile, invece, è rappresentato un altro uomo di dimensioni minori. Il piano su cui poggiano le figure è reso con una fascia ondulata nera, il che lascia ipotizzare lambientazione nellAde della scena, che rappresenterebbe dunque laccoglimento della defunta nellaldilà da parte di un membro della famiglia. Le pareti della tomba sono sormontate da una cornice aggettante decorata da ovuli alternati in bianco e in nero, conservata solo parzialmente in situ. Grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza ABAP di Salerno e il Polo Museale della Campania, la sepoltura, dopo lo scavo e il consolidamento preliminare delle pitture eseguito in cantiere, è stata trasportata presso il Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano, dove è stata rimontata in un apposito spazio in attesa del restauro definitivo.

DESCRIZIONE INTERVENTO

Sarà condotto un restauro conservativo volto al recupero della tomba nel rispetto dei materiali costitutivi e al miglioramento della leggibilità del manufatto, in tutte le sue parti, strutturali e pittoriche.

Il progetto prevede i seguenti interventi progressivi:

Saggi diagnostici di laboratorio (stratigrafia sottile e diffrattometria) al fine di verificare la tecnica pittorica impiegata;

Consolidamento dei frammenti distaccati della decorazione e riancoraggio ai blocchi di travertino attraverso luso di resina acrilica in soluzione (Primal AC33) e successiva stabilizzazione con stuccature di grassello di calce e sabbia di fiume. Nel caso in cui la malta si rivelasse decoesa e molto pulverulenta saranno eseguite infiltrazioni locali di silicato di etile OH al fine di ridare consistenza alla malta e consentire la successiva stuccatura;

Pulitura con impacchi di carta giapponese ed acetone e, previa verifica attraverso saggi localizzati, pulitura ad umido delle decorazioni pittoriche;

Reintegrazione pittorica delle abrasioni senza luso di colore, consistente nellabbassare le parti chiare dellintonaco con acquerello scuro per ridurre linterferenza visiva della superficie. Tale procedimento consente di lasciare inalterate le pitture originali intervenendo sul supporto e non sulla decorazione vera e propria.

In accordo con il Polo Museale della Campania, a cui attualmente afferisce il Museo di Pontecagnano, la tomba 9890 è stata già trasportata e rimontata allinterno del Museo, in uno spazio posto al piano interrato delledificio, precedentemente adibito a deposito.

Una volta eseguito il restauro della decorazione pittorica, si procederà alla musealizzazione definitiva dellimportante monumento con la ricollocazione dei letti funerari e dei rispettivi corredi. Saranno inoltre installati apparati didattici e audiovisivi che consentiranno di avere tutte le informazioni riguardanti la sepoltura: dallo scavo al recupero degli oggetti di corredo, allo smontaggio e al trasporto in Museo, fino al restauro e allallestimento definitivo. Particolare rilievo sarà dato allapporto che il monumento fornisce alla conoscenza delle prime fasi romane dellinsediamento di Pontecagnano, finora poco documentate.

COSTO PREVISTO EURO 7.930,00

INFORMAZIONI SU COME EFFETTUARE L'EROGAZIONE LIBERALE

BENEFICIARIO Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino

IBAN IT77G0100003245348029258416

CAUSALE Art Bonus - Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino - Tomba a camera dipinta 9890 - restauro- Codice fiscale o P. Iva del mecenate


Informazioni sullo stato della conservazione - La tomba 9890 è del tipo a camera, con quattro pareti alte circa mt. 1,30 e lunghe tra i mt. 2,70 e 2,75. Le pareti sono costituite da blocchi di travertino sovrapposti (mt. 0,60 x 0,40), su cui è stesa una malta di calce decorata con pigmenti naturali. Il sistema decorativo si sviluppa su tre pareti ed è realizzato con tre colori - giallo rosso e nero -, stesi su un sottile strato di intonaco senza preparazione, direttamente sulle lastre di travertino levigate.La tomba è stata smontata nel sito di rinvenimento e rimontata nel Museo di Pontecagnano. I blocchi sono stati assemblati a secco, poggiati regolarmente luno sullaltro con qualche rinzeppatura di livellamento. La decorazione pittorica risulta estremamente fragile e poco resistente perfino allacqua. Ciò potrebbe derivare dalla scarsa carbonatazione della malta prodotta dallassenza di anidride carbonica, oppure dalloriginario uso di una tecnica assimilabile alla tempera di calce. In alcune zone lintonaco di rivestimento appare distaccato e in stato di conservazione precario, già fermato in qualche punto da stuccature di malta.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura - La tomba allo stato attuale si trova presso il Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano, aperto al pubblico dal martedì alla domenica dalle ore 9,00 alle ore 19,00 (orario estivo fino alle ore 19,30).



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news