LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Distretti: flop di Lambrate, successo 5Vie. Boeri lancia museo sotterraneo del design
Giacomo Valtolina
Corriere della Sera - Milano 21/4/2018

La faccia scura della Design week è quella di Lambrate, abbandonata dai pionieri di Ventura projects per la Centrale, quella felice è nelle 5Vie. Intanto Stefano Boeri lancia il nuovo corso della Triennale.

Il tramonto di zona Lambrate. Ma il centro rinasce con il design
Spazi sfitti e food truck, il distretto fa flop dopo il trasloco di Ventura in Centrale
Feste di strada e cortili darte, trionfo 5Vie
Tutelare i protagonisti seri dei quartieri per fermare leccesso di offerta senza idee

Nel cortile dimezzato, lo spazio aperto alle installazioni è solo uno, un nastro biancorosso chiude gli altri accessi alle stanze dellex officina, antico cuore di Ventura-Lambrate. Sulla porta cè una x attaccata con lo scotch, un foglio con scritto chiusa e, se mai non bastasse, pure una spruzzata dinglese a confermare landazzo: Close.

Limmagine dello tsunami che ha travolto il nuovo Lambrate district del Fuorisalone dopo la dipartita dei fondatori (gli olandesi di Ventura projects trasferitisi ai magazzini sotto alla Centrale) è qui al civico 23 di via Massimiano, una volta cornice del design più giovane e sperimentale, oggi spazio espositivo diviso e fatiscente. Di fronte, un cortile invaso di food truck e biciclette Ofo presidia il grande hangar con gli stand, tra i pochi rimasti vivi nel quartiere. Rispetto allanno scorso, infatti, non hanno trovato espositori le seguenti location: il palazzo Ventura 6, Ventura 17, lautorimessa al civico 2 e i quattro ambienti della via privata Oslavia. Richieste di affitto sempre in crescita spiega Fulvia Ramogida (Ventura projects) alla fine è andata come avevamo previsto: gli operatori hanno preferito andare altrove. E i proprietari sono rimasti con il proverbiale cerino in mano.

Limmagine buia della Settimana che già si annuncia dei record è nel quartiere di Lambrate: flussi (almeno) dimezzati nonostante spazi dal grande potenziale e le non poche esposizioni interessanti, specie dal punto di vista tecnologico. Per respirare laria frizzante del design, meglio fare rotta altrove, dalle solite Brera e Tortona fino alle 5Vie, zona giunta al quarto anno di vita, e in uninarrestabile ascesa. Quanto succede a Lambrate spiega Alessia Del Corona dellassociazione fa capire limportanza di tutelare i protagonisti del Fuorisalone: serve una regia qualificata per evitare limprovvisazione. Il riferimento è agli stand di marchi che con il design poco hanno a che vedere che hanno invaso la città nei luoghi più battuti: Ho visto in giro anche marchi di detersivi dice Ramogida.

Alle 5Vie hanno scelto una via ancora diversa: puntare su temi sociali (il design circolare) o sullintegrazione arte-design, certificata da curatele ad hoc: Quasi tutti i nostri spazi (120, ndr) sono aperti già dalla settimana del Miart riprende Del Corona, stravolta dai turbini di una sette giorni doppia. Strade chiuse la sera, fiumana di gente alle feste, ma senza il degrado del giorno dopo.

Largine per accedere al tavolo interzone del Comune di Milano è stato fissato: almeno due anni di presenza al Fuorisalone. Oltre a storiche presenze come Porta Venezia (che vanta sia residenze nobili come Villa Necchi-Campigli sia negozietti a sorpresa come il restauratore-artista Romanò di via Rosolino Pilo) e SantAmbrogio (dedicato ai più giovani), tra le novità ci sono lIsola design district e il Porta Romana district (e qui va detto che la dicitura corretta vale solo per Brera, lunica a rispettare i confini del Duc del commercio comunale).

Nel Quadrilatero della Moda, cresce il Monte Napoleone district (che però si rivolge a una clientela particolare, che si muove meno per la città), affiancato, nella strada del design dal Durini district, nato lanno scorso dal tentativo di armonizzare le strategie dei grandi marchi che, qui, hanno tutti i loro negozi (Cassina, Natuzzi, B&b, Porro, Dada, Molteni e altri) e organizzano eventi in grado di riempire lintera via (giovedì sera). Attorno a Brera crescono gli eventi fai-da-te che poco o nulla hanno a vedere con il design, soprattutto lungo corso Como e verso la nuova piazza Gae Aulenti. Tanto che il Comune avrebbe rifiutato il patrocinio a molti degli eventi e location che ne avevano fatto regolare richiesta: Non basta mettere il cappello sullevento per essere parte del Fuorisalone spiega lassessore al Commercio, Cristina Tajani , è necessario porre dei confini, nellinteresse dei distretti e di tutto levento.




news

21-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 21 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news