LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. E a Trinità dei Monti sono tornati i bivacchi, scalinata indifesa
Andrea Arzilli
Corriere della Sera - Roma 21/4/2018

Con il sole e il caldo è tornata linciviltà di romani e turisti che bivaccano sulla Scalinata di Trinità dei Monti, enfatizzata dai tanti vasi di azalee che aprono anfratti dove nascondere i resti di un pasto o di una bevuta. Tra i fiori, infatti, restano le lattine e gli incarti dei gelati.

Rischio multa pari a zero per chi mangia o beve sulla scalinata

Il sole, le azalee e la tentazione irresistibile di bivaccare sui 144 gradini di Trinità dei Monti. Perché, complice il primo vero afflato di primavera, la scalinata più famosa del mondo torna dincanto a calamitare turisti in cerca di una seduta scenografica dove sbranare un panino, bere una birra o gustarsi un gelato immersi nella meraviglia, ovvero mettere in pausa la vacanza romana giusto il tempo di uno snack. Ieri, sulla gradinata, si sono continuamente dati il cambio centinaia di stranieri in abiti ormai estivi, scarpa comoda e zainetto pieno di stuzzichini sulle spalle. Attirati dal travertino bianco restituito alla città il 22 settembre 2016 - dopo il restauro finanziato da Bulgari - come le api dal polline delle azalee poste sui gradini per la tradizionale infiorata di piazza di Spagna. E, con i turisti, è tornata linciviltà, enfatizzata dai tanti vasi di azalee che aprono anfratti dove nascondere i resti di un pasto o di una bevuta.

Tra i fiori, infatti, restano le lattine e gli incarti dei gelati, uno sfregio a uno dei simboli più iconici della città eterna. Non ancora moltissimi rifiuti, è vero, anche grazie al super lavoro dei (pochissimi) vigili urbani spediti in servizio dal Comune per cercare di contenere le libagioni illecite. Una pattuglia di tre unità la mattina, quattro o cinque agenti per tutta la piazza nel pomeriggio: tutti quanti impegnati a spiegare nelle lingue più disparate che mangiare sui gradini no, non si può, e che tocca sloggiare per evitare la multa. Ma le forze sono esigue in relazione allafflusso di visitatori e, si sa, il pizzardone romano cerca sempre di svolgere la sua funzione di accoglienza prima di mettere tutto a verbale. Ieri, per dire, alcuni turisti hanno chiesto e ottenuto di farsi un selfie con il vigile che li aveva appena redarguiti, ma non multati, proprio perché mangiavano in zona off-limits. Così nellarco della giornata qualcosa sfugge, col risultato che cartacce e bottiglie sono abbastanza da prefigurare levoluzione che negli anni ha trasformato Trinità dei Monti, il salotto buono di Roma, nella terra di nessuno dove tutto è impunito.

Il problema è che non si deve per civiltà e non si può per legge. Certo, la segnaletica è scarsa e lordinanza del Campidoglio non cè. O meglio, quella promessa dalla sindaca Raggi il giorno della riapertura post restauro della scalinata e varata nove mesi più tardi - il 12 giugno 2017 - prevedeva sanzioni tra i 40 e i 240 euro. Produsse il suo primo effetto due giorni dopo lemanazione: 50 euro di multa comminata a un americano del Massachusetts pizzicato in flagranza di reato a mangiarsi uno snack nel posto sbagliato. Il dispositivo, però, è scaduto il 31 ottobre scorso, chissà se sarà riattivato più avanti. Nel frattempo vigerebbe il regolamento di polizia urbana che prevede multe ancora più salate. Fino a 500 euro, dicono i vigili, anche se nel combinato delle norme di riferimento (gli articoli 192 e 255 del dlgs 152/2006 e lart 15 del codice della strada) la sanzione potrebbe schizzare addirittura a tremila euro. Basta applicarlo: per far coincidere legge e civiltà.







news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news