LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I colori del silenzio
Costanza Lunardi
Corriere della Sera - Brescia 21/4/2018

Candela e il lato poetico di Craco Un viaggio esistenziale e artistico dedicato agli amici e ai dispersi

Ma questi piccoli boschi ci sembrano sempre abitati, non fosse che da unassenza. Come risuona il verso del poeta Philippe Jaccottet nelle immagini di Ninì Candela protagoniste di una bella mostra fotografica a Padova, dal titolo Craco. I colori del silenzio. Immagini da un borgo abbandonato.

Che appartiene alla terra lucana, aggrappato come un nido daquila sopra un colle intorno a una torre nella zona dei calanchi, non lontano da Ferrandina luogo di origine di Ninì, meta di costanti ritorni da Brescia, dove vive e ha esercitato la professione di medico del lavoro. Craco è stato un pellegrinaggio fotografico di anni, dal 1980 quando Ninì scopre la città che poco per volta è stata abbandonata in seguito a una frana del 1963, fissando nelle immagini il lento erodere del mutamento e limpronta di un abitare sparito, ma che ancora respira nellanta che sbatte, nella tendina sollevata dallaria, nella parietaria che si nutre di crepe sgretolate e verdeggia sopra le foglie secche spinte dal vento negli angoli dei muri. Respira la sinopia della vita che in quelle stanze ha abitato, nei colori degli intonaci, da Ninì accostati con la fotografia a un dipinto astratto, con una ricerca cromatica nostalgica di Mondrian. Nei frammenti decorativi che evocano un incanto di gioiosa bellezza con la terra tra frutti e fiori, uno scorcio marino popolato di barche, un garrulo nido tra i rami. I passaggi aperti che infilano le stanze vuote una dopo laltra da sembrare prive di porte, sono una calamita emotiva per raccontare un tempo sospeso sullattesa più che sullassenza, come se dal vuoto si creasse una presenza. Il residuo ha una forza evocativa che supera lintero, il frammento è un varco creativo verso lassente, occasione di unarcheologia esistenziale. Come se Ninì Candela avesse sentito per contrappasso il bisogno di vuoto, di assenza o lontananza dal soggetto, come accade nellarte astratta, dopo le mostre già presentate in terra bresciana, Io leggo tu leggi alla biblioteca di Concesio e CiboOltreConfine ancora in corso alla biblioteca Queriniana. Dense di coralità umana immersa nella sensuale vivacità di colori sapori profumi oggetti, frutto della ricerca e curiosità di inquieto avventuroso viaggiatore tra le civiltà di Medio e Estremo Oriente. O forse per sostare in solitudine meditativa nel contesto di un paesaggio di arcaica solennità, assoluto e protagonista, a comporre negli anni un poema dellassenza, proiettato sui muri di pietra o sulle pareti dai colori vivaci e cangianti, come scrive Luciano Morbiato, curatore del catalogo. Una laica liturgia orante dedicata ad amici e dispersi di Craco, alla terra lucana e al tempo, nelle cui braccia è deposto non solo il destino umano ma anche la metafisica impronta della sua sparizione.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news