LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Limponente lavoro di recupero che salva il patrimonio italiano
Chiara Vanzetto
Corriere della Sera 22/4/2018

E in mostra entrano opere da nuove regioni. Anche dai luoghi del sisma

I numeri parlano da soli. Il progetto Restituzioni, nato nel 1989, ha salvato più di 1.300 opere darte in tutta Italia, coinvolgendo nel loro recupero oltre mille restauratori ed esperti.

Ma di che cosa si tratta esattamente? Restituzioni è un programma di tutela e conservazione del patrimonio storico-artistico nazionale, promosso e sostenuto da Intesa Sanpaolo, oggi curato da Carlo Bertelli e Giorgio Bonsanti. Un sistema che funziona: listituto bancario, di concerto con Soprintendenze alle Belle Arti ed enti museali, ogni due anni individua un nucleo di oggetti darte in pericolo, bisognosi dintervento urgente, e li fa sottoporre agli opportuni interventi riportandoli in vita.

Non esistono categorie privilegiate nella selezione: i beni, purché di pubblica fruizione, possono appartenere a chiese, siti archeologici, musei pubblici o privati, grandi città o piccoli borghi. Possono essere dipinti, sculture o tesori darte decorativa, senza limiti di epoca, tecnica e materiale: ma Intesa Sanpaolo presta attenzione al loro valore identitario rispetto al territorio di provenienza.

Ogni due anni i risultati della campagna di restauro vengono resi noti con esposizioni dei manufatti riscattati: si svelano così capolavori di bellezza struggente, spesso sconosciuti. Ledizione 2018, la 18esima, intitolata La fragilità della bellezza, è in corso fino al 16 settembre alla Reggia di Venaria, coinvolta direttamente nel lavoro con il suo Centro Conservazione e Restauro (per quanto riguarda tre interventi, ndr). Ha scritto Marguerite Yourcenar che il tempo è grande scultore commenta Carlo Bertelli . Per questo parliamo di fragilità: il tempo attacca anche i marmi, i bronzi, i materiali più resistenti e nessuna opera darte ne è immune. Questa è una lotta contro i suoi effetti.

Grazie a Restituzioni, prosegue il curatore, si può scoprire unItalia segreta, fatta di straordinari pezzi unici, a volte insoliti o curiosi, difficili da vedere se non in queste occasioni, ciascuno con una vicenda da raccontare: questa volta il progetto ha interessato ben 212 opere darte in diciassette regioni, comprese per la prima volta Friuli, Umbria, Basilicata e Sardegna. Proprio da Tuili, Cagliari, arriva un imponente retablo rinascimentale del Maestro di Castelsardo, 5 metri per 3.50: un polittico di profondo impatto scenico, dove si fondono cultura italiana e ispanico-fiamminga. Tra i diversi Crocifissi esposti due provengono da LAquila, danneggiati dal recente terremoto: fine del XV secolo, in legno policromo, luno più tormentato e vigoroso, laltro più contenuto, entrambi di toccante potenza espressiva. Dal Museo Diocesano di Tropea un riccio di pastorale dargento dorato con smalti e filigrane, gioiello doreficeria napoletana del Quattrocento. Tra i reperti più antichi invece la Testa di Basilea, scultura greca maschile in bronzo di sobrio naturalismo, da Reggio Calabria, o il rarissimo tessuto in seta di fattura bizantina con figure di leoni, tra IX e XI secolo, dal Museo Nazionale di Ravenna.

Quasi prodigioso per essersi conservato un mantello cerimoniale brasiliano di cultura Tupinambà, XVI-XVII secolo: delicato ricamo di rete e piume, appartenuto alla Wunderkammer del medico milanese Manfredo Settala e conservato alla Biblioteca Ambrosiana di Milano. Singolare e lussuosa poi la carrozzina per bambini del piccolo Ferdinando di Savoia Genova, databile al 1887, dal Castello di Aglié: non più a traino, come gli esempi settecenteschi, ma a spinta, con guscio di legno intagliato foderato di seta e dipinto in blu e argento.

Il catalogo delle eccellenze è ancora lungo e fitto di nomi celebri: da Taddeo di Bartolo a Jacopo e Giovanni Bellini, da Vincenzo Foppa ad Andrea Solario, da Tiziano Vecellio ad Anton van Dyck, fino alla contemporaneità di Alberto Burri e Cy Twombly.

Le richieste per questo biennio erano 330. Non è stato possibile soddisfarle tutte e quindi stiamo già lavorando alla prossima edizione conclude Carlo Bertelli . Passo dopo passo, Restituzioni prosegue il suo cammino in difesa della bellezza e della storia.




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news