LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Visso e il tempo immobile delle montagne
Elisabetta Giffi



Visso continua a crollare. Competenze spezzettate, opacità dei processi decisionali, logiche consociative, pochezze individuali, sono tanti i mali che nelle Marche del dopo-sisma hanno segnato la sorte del patrimonio culturale dei territori più colpiti, quelli montani e di Visso, la perla dei Sibillini. I primi stanziamenti per la salvaguardia del patrimonio culturale, del febbraio e del maggio 2017, sono stati dirottati nelle aree ai margini del grande cratere marchigiano, al centro del quale sta invece Visso, borgo bellissimo, integro nella sua fisionomia architettonica quattro-cinquecentesca impreziosita da emergenze gotiche, che a distanza di un anno e mezzo dagli eventi sismici dellottobre 2016 continua a perdere pezzi dei suoi monumenti. Lultima forte scossa del 10 aprile scorso, che ha avuto il suo epicentro nella vicina Muccia, ha inferto colpi durissimi alle chiese di SantAgostino, dove aveva sede il Museo Diocesano, e San Francesco che attendono ancora la messa in sicurezza.

La bella facciata cuspidata di SantAgostino, quinta trecentesca che chiude la piazza di Visso sul lato nord-occidentale, è stata ulteriormente danneggiata e si è aggravata anche la situazione della copertura per cui piove allinterno dove sono ancora due capolavori di Paolo da Visso, la Madonna del Voto (1466) e il Crocifisso tra i santi Andrea e Michele arcangelo (1474). Del chiostro di quello che era lattiguo convento è crollata parte del tetto.

Quanto alla trecentesca chiesa di San Francesco, anchessa già gravemente lesionata come documenta la foto che accompagna questo post e che risale a poco più di un anno fa, ha perso un altro pezzo di facciata e il campanile, su cui pure i vigili del fuoco erano intervenuti con opere provvisionali.

Rimangono ancora da mettere in sicurezza tanti dei suoi preziosi edifici rinascimentali tra gli altri i palazzi Boncompagni e Oderisi Odescalchi e le torri e le mura castellane, pure danneggiati. Da poco sono iniziati i lavori nel palazzo dei Governatori, rovinatissimo, e un attimo prima che fosse troppo tardi è stata avviata anche la messa in sicurezza della Collegiata di Santa Maria con un intervento che è stato finanziato solo con la terza ordinanza commissariale per i beni culturali, quella dell8 settembre 2017, avendo evidentemente calcolato i decisori il serio rischio di perderla per sempre, stante che la stabilità delledificio è risultata da subito gravemente compromessa.

Questo, per sommi capi, è lo stato delle cose. La rovina di Visso e degli altri disgraziati centri dei Sibillini avanza oltre il fiume di parole che corre tra mostre, convegni e dichiarazioni ufficiali svelando impietosamente il profilo delle scelte fin qui fatte per la salvaguardia del patrimonio monumentale delle montagne.

https://emergenzacultura.org/2018/04/20/elisabetta-giffi-visso-e-il-tempo-immobile-delle-montagne/


news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news