LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. La Zes della cultura è utile se punta su iniziative solide
Marco Molino
Corriere del Mezzogiorno - Campania 24/4/2018

Napoli. Qui non è il caso di sostenere iniziative in difficoltà, viviamo piuttosto una stagione particolarmente propositiva e la politica dovrebbe intercettare questo slancio accompagnandolo con uno pensiero lungo. Quando gli si parla di una possibile Zes della cultura, come lha ipotizzata Marco DIsanto sulle pagine del Corriere del Mezzogiorno , il produttore cinematografico Luciano Stella ribalta i termini della questione: la cosa funziona se sono gli strumenti economici a mettersi al passo delle progettualità, e non viceversa.

Cè forse un rischio nellistituzione di una zona per proteggere le buone idee: quello di diventare un ghetto.

Dipende come la intendiamo. La proposta di unaarea di sostegno alla cultura mi trova daccordo, ma solo se si traduce nella messa in rete delle tante potenzialità che stanno emergendo, attualmente in modo quasi autonomo. Altrimenti rischiamo di realizzare lennesima cattedrale nel deserto. Siamo passati negli ultimi anni dallo spreco incontrollato di fondi destinati alle iniziative culturali al taglio indiscriminato.

Con quale risultato?

Questa improvvisa contrazione delle risorse ha favorito, in particolare da noi, una fase di grande fermento creativo che produce risultati concreti e innegabili. Per incanalare le risorse in modo utile bisogna comprendere i processi in atto, la capacità del settore audio-visivo di evolvere in sinergia con il fermento che vediamo negli altri segmenti culturali della regione, dalla valorizzazione del patrimonio storico al turismo.

Dunque non dobbiamo immaginarlo come un sostegno giusto a priori?

Non è una questione di difesa astratta della cultura: qui abbiamo una realtà che produce ricchezza e lavoro. I vantaggi economici di tipo fiscale di unipotetica Zes sono buoni e produttivi se alimentano iniziative che camminano sulle proprie gambe. Realtà coraggiose che già operano sul territorio.

Spesso però il territorio non offre nemmeno gli spazi fisici per tradurre progetti validi in concrete attività imprenditoriali.

Lindustria del cinema e della tv ha bisogno di luoghi dove poter produrre innovazione: ma intendiamoci, non sto immaginando una piatta riproposizione di modelli del passato, tipo i grandi studios di Hollywood o una Cinecittà napoletana. Siamo nellera digitale e cè bisogno di aree che consentano ai professionisti locali di iniziare e finire qui un lavoro. Per fare un esempio, almeno il 90% dei film che si girano a Napoli devono necessariamente sviluppare la fase di post produzione a Roma. Di questo cè bisogno: azioni concrete e mirate soprattutto a favorire lo slancio dinamico che molti giovani stanno dimostrando.

Giovani più ispirati dalla tradizione, o maggiormente legati alla contemporaneità?

Luno e laltro, una peculiarità tutta partenopea. Prendiamo il successo della Gatta Cenerentola , fiaba dalle origini antiche che ha saputo imporsi come forte messaggio contemporaneo. Il mondo dellindustria audio-visiva è radicalmente cambiato: le serie tv, le piattaforme televisive come Sky o quelle web come Netfix . In questo contesto, sarebbe inutile riproporre modelli vecchi di sostegno. Anzi: la nostra vera opportunità, nel Mezzogiorno, e non averli neanche avuti quei sostegni.

Il ritardo che diventa un vantaggio: possibile?

Siamo già abituati a lavorare con low budget e questo ci ha sollecitati a cercare vie progettuali originali partendo dalla forte identità partenopea che è stata però sempre aperta al mondo, inglobando e rendendo proprie le culture altre, come avvenuto nella musica, nel teatro e soprattutto nel cinema.

E il ruolo dei politici in questo panorama?

Intanto dovrebbero imparare a guardare al di là del proprio naso, ascoltando i consigli degli esperti e ragionando su investimenti che, talvolta, richiedono tempi lunghi. Il futuro nel mondo dellaudio-visivo è appannaggio di strutture leggere in grado di lavorare a costi competitivi e che devono essere necessariamente ricche di contenuti: The content is the king, affermava Bill Gates. In mancanza di questo, i i nostri virtuosi del digitale continueranno ad emigrare in contesti più invitanti dove poter evolvere al massimo delle proprie capacità, come Londra.

Insomma, una Zona economica speciale della cultura per scongiurare la fuga dei creativi?

La Zes vera è la nostra città unica al mondo, da sempre aperta agli stimoli, una comunità che fagocita. Cinema, arte, musica, beni culturali, accoglienza dei visitatori: lo slancio creativo e propositivo cè già da un pezzo, deve essere solo accompagnato.



news

15-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news