LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Manduria. Il Comune regala il Parco archeologico delle mura messapiche ai privati
Manlio Lilli
https://emergenzacultura.org/2018/04/26/manlio-lilli-manduria-il-comune-regala-il-parco-archeologico

Lamministrazione comunale di Manduria ha deciso di affidare ai privati la gestione del Parco archeologico delle Mura Messapiche. Pubblicato sul portale del Comune l Avviso pubblico per lideazione e realizzazione di progetto per la collaborazione con lamministrazione comunale per le attività di gestione.

Manduria è un comune del salento settentrionale, in provincia di Taranto. Un comune certo famoso per il primitivo, un vino prodotto dalle vigne che si distendono al difuori dellabitato. Ma anche un comune noto come città dei Messapi, quindi con origine antiche, ricordate con orgoglio nello stemma. Qui infatti è rappresentato il Fonte Pliniano, monumento quasi certamente di età messapica, così denominato in quanto descritto da Plinio il Vecchio nella sua Historia Naturalis. Una sorgente dacqua, nascosta allinterno di una grotta, cui si può accedere tramite una scalinata. Sulla sommità della voltà è un grande lucernaio in corrispondenza del quale, esternamente, vi è un pozzo con al centro un albero di mandorlo. Luogo suggestivo ed unico, ma non isolato. Infatti si trova insieme alla Chiesa di San Pietro Mandurino allinterno del Parco archeologico delle Mura Messapiche. Interessante la chiesetta che si compone di un vano superiore databile presumibilmente al XIII sec., cui corrisponde una cripta ipogea del VIII sec. che, sembra riutilizzare una tomba a camera di epoca ellenistico-romana. Meravigliosi i resti della triplice cerchia di mura databili tra il V e il III secolo a. C., che circondavano Manduria antica, e della grande necropoli con tombe a fossa coperte da lastroni in pietra locale. Necropoli che gli scavi condotti dal 1955 al 1960 hanno documentato comprendere oltre 1200 tombe.

Immaginare che questo patrimonio sia valorizzato e tutelato come peraltro meriterebbe, sarebbe un errore. Visitare il sito è tuttaltro che facile. Il Parco archeologico è aperto dalle 9,30 alle 12,30, mentre la domenica è chiuso. A meno che non si prenoti.
Fruibilità difficile, che i visitatori rilevano.
Orari di apertura non rispettati, assenza di personale (cè solo il custode), pochi pannelli informativi, scrive chi è stato sul posto a settembre 2017. In visita con la famiglia siamo rimasti a bocca asciutta perchperché chi doveva aprire era inspiegabilmente assente, pur essendo orario di apertura, per fortuna chiusa fuori come noi cera anche una guida che molto gentilmente ci ha fatto un riassunto di quello che avremo trovato allinterno, scrive un altro visitatore. Ma la lista delle lagnanze è lunga e tuttaltro che recente.

I problemi sono gli stessi di tantissimi altri siti archeologici. Ci sarebbe lerba da tagliare almeno un paio di volte allanno, la manutenzione da assicurare alle strutture esistenti. Naturalmente, aperture meno episodiche e con orari meno contratti. Anche i motivi, quelli consueti. Mancano le risorse finanziarie. A questo punto che fare si sono chiesti al Comune di Manduria? Soluzione trovata! Affidare per cinque mesi i servizi di gestione ad associazioni culturali e/o operatori economici attivi nel settore della cultura. Affidamento completo. Già perché chi si aggiudicherà lAvviso potrà contare sui tickets dingresso. Per intero. In compenso dovrà occuparsi di assicurare apertura, custodia, accoglienza, manutenzione e funzionalità ordinaria, servizi accessori, guida e fruizione della struttura, unitamente alla realizzazione di attività e iniziative di valorizzazione e promozione turistico/culturale. Il tutto con una clausola. La misura deve essere a costo zero per la proprietà del bene.

Lavviso scadrà il 12 maggio. Solo allora si saprà il nome dellassociazione o operatore economico che si sarà aggiudicato la gestione del Parco. Ma fin dora sembra chiaro che per lo Stato quel sito archeologico ha tutta laria di un problema. Più che una risorsa immateriale da valorizzare un fastidio del quale privarsi. In queste condizioni il privato non è unopzione, ma lunica soluzione. Non una risorsa aggiuntiva, ma lunica alternativa al nulla.

Per ora una specie di regalo. Ma di questo passo andrà a finire che il Comune dovrà pagare al nuovo gestore i diritti per luso del logo nello stemma. Il paradosso che si tramuta in realtà.



http://il_barone_rampante.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/04/26/manduria-il-comune-regala-il-parco-archeologico-delle-mura-messapiche-ai-privati/



news

20-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news