LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecco il testo completo della lettera inviata dai docenti a Palazzo Vecchio
Corriere Fiorentino 28/4/2018

Caro sindaco, alcuni giornali hanno segnalato il rischio che Firenze faccia la fine di Venezia. È importante precisare in cosa consista questo rischio, anche considerando le notevoli differenze tra le strutture urbanistiche, storiche e sociologiche intercorrenti fra le due città più belle dItalia e forse del mondo. Va ricordato anzitutto che Venezia, nel XVII secolo, aveva qualcosa come 160.000 abitanti, ai quali si aggiungevano numerosi mercanti, soprattutto medio-orientali, ma non solo, che vi avevano stabilito anche le loro basi operative, come testimoniato da due magnifici palazzi del Canal Grande: il fondaco dei Turchi e il fondaco dei Tedeschi. Inoltre costituiva già una meta turistica, essendo tappa obbligata del grand tour degli intellettuali e dei signori. Oggi Venezia conta non più di 50.000 residenti, vale a dire meno di un terzo di tre secoli fa, anche se questo drastico calo è apparentemente compensato dalla presenza di Mestre che ufficialmente è comune di Venezia, ma la sovrasta per numero di abitanti - circa 250.000.

Anche Firenze era città mercantile, per quanto nel Seicento già in declino, anche per ragioni politiche. Ma, non essendo porto di mare, i mercanti stranieri facevano base piuttosto a Livorno, mentre gli intellettuali la visitavano più per nostalgia della grande stagione rinascimentale che non per contemplare le sue bellezze artistiche e architettoniche: il centro della città era ancora occupato dai borghi, che potevano piacere per il romantico intreccio di casette plebee e di viuzze intrecciate attorno al grande macello, ma certo non presentavano alcuno splendore.

Firenze ha oggi meno di 400.000 abitanti, ma può contare su una vasta periferia, in alcuni punti bene attrezzata anche dal punto di vista culturale, come Rifredi, che si propone quasi come un centro alternativo; inoltre è circondata da una serie di comuni autonomi, la popolazione di alcuni dei quali si aggira sui 50.000 residenti che possono raggiungere Firenze in meno di mezzora. Sia Venezia che Firenze sono sedi universitarie, ma Firenze lo è anche di sezioni di università americane, frequentate soprattutto da studenti di materie artistiche (senza contare lUniversità Europea, meta di studenti e studiosi di alto livello e quindi poco numerosi).

Il rischio che corre Firenze non è quindi tanto quello di spopolarsi, quanto di trasformarsi in una grande periferia con al centro un open air museum. Museo certamente, ma un museo in cui le opere esposte vengono contemplate solo superficialmente o piuttosto fotografate che osservate, senza che il visitatore medio sia in grado di distinguere tra lottocentesca facciata del duomo e la meraviglia del campanile di Giotto, per non parlare della Loggia dei Lanzi, che è stata perfino riprodotta a Monaco di Baviera. Venezia ha il vantaggio di essere tutta centro, il cui fascino consiste prima nella struttura urbanistica che nei monumenti, per quanto straordinari, la cui vista, in fondo, potrebbe esaurirsi nel percorrere il Canal Grande in vaporetto ovviamente, perché solo pochi potrebbero permettersi di farlo in gondola. Ma ciò ha comportato la fuga di tutti tutti i residenti, perché i pochissimi che resistono non trovano più né un fornaio né un ortolano: i turisti mangiano in ristorante.

La storia di Firenze è alquanto diversa: il suo centro-openair-museum è un museo attrezzato, attrezzato per dormire non cè casa o palazzo che non contenga almeno un bed-and-breakfast e soprattutto per mangiare: i tavolini dei ristoranti hanno invaso strade e piazze, ma più spesso i turisti, e non solo, si accontentano di un panino, che consumano seduti sui bassi marciapiedi e sui gradini delle porte, spesso, per conquistare i più celebrati (milioni di like in Facebook), affrontando file di unora file che certo non farebbero per entrare agli Uffizi (ma forse sì per lAccademia, perché lì cè maichelangélo, famoso quasi quanto i panini veramente Michelangelo ci sarebbe anche alle cappelle medicee, ma ci manca il David, il cui uccello è riprodotto anche nei grembiuli da massaia, forse per riparare la freudiana invidia del pene). Ma cè un altro punto da segnalare, altrettanto pericoloso per il destino di Firenze, anche in questo diverso, ma non meno fatale di quello di Venezia: il centro-museo-mangiatoia è diventato anche il centro del divertimento, ossia della movida (soprattutto gli studenti vogliono divertirsi la sera), ciò che induce gli ultimi residenti a scappare dal chiasso notturno trasferendosi in periferia.

Ad Amsterdam cè il quartiere delle prostitute che pittorescamente si offrono sedendo davanti alle grandi finestre delle loro case: una maniera in certo modo dignitosa di esercitare un mestiere che forse non è il più antico, ma certo fra i più pericolosi del mondo. Allestire dei quartieri adatti a certe attività che possono rendere difficile, quando non insostenibile la vita quotidiana sarebbe forse uno dei tanti modi possibili per salvare Firenze dal destino di Venezia, dove, come ben noto, in quel lontano Seicento, ai turisti si offriva un libretto con lelenco delle cortigiane, corredato di prezzi, residenze e ruffiane (spesso so mare la madre della lavoratrice del sesso). Così si eliminava la prostituzione per strada che, si può ancora ricordare, era una delle piaghe della Londra vittoriana. Certo non è il caso di immaginare per Firenze una sorta di quartiere del sesso, però è possibile pensare a uno spazio dedicato in particolare al divertimento notturno, ricco di bar e ristoranti, oltre che di sale da ballo o di musica rock.

Il turismo porta ricchezza ed è un sacrosanto diritto. Ma i turisti tendono a considerare le città darte alla stessa stregua delle città di mare, dove sembra lecito passeggiare anche per le vie del centro in costume da bagno (o anche senza?): è un aspetto di quella deformalizzazione che oggi permette a certi deputati di presentarsi a Montecitorio (se non al Quirinale) senza la cravatta, o magari in maglietta. Forse si tratta di una forma di democratizzazione, ma il suo aspetto degradante non può sfuggire. Si tratta, ancora una volta, di educazione, ma leducazione richiede tempi lunghi. Un minimo di saggia regolamentazione non è solo necessario ma anche urgente. Ma quale? Di che tipo? Glielo chiediamo, caro sindaco, certi che Lei è ben cosciente del problema, ma che, forse, potrà avere bisogno dellappoggio dei suoi concittadini. E crediamo che molti siano disposti a offrirglielo.

Cesare Molinari

(professore emerito dellUniversità di Firenze)

Siro Ferrone

(docente dell Università di Firenze)

Marzia Pieri

(docente dellUniversità di Siena)

Roberto Russo

(già Presidente Ordine Avvocati Firenze)

Paolo Blasi

(ex-rettore dellUniversità di Firenze)

Margaret Heines

(storica dellarte)

Mario Lombardi

(attore)

Mario Caciagli

(professore emerito di Scienza politica)

Manuel Plana

(docente di Storia americana)

Fiamma Nicolodi

(critico musicale)

Stefano Mazzoni

(docente dell Università di Firenze)

Gianna Deidda

(attrice)

Daria Frezza

(storica)

Roberta Turchi

(docente di Letteratura italiana, Università di Firenze)

Maria Fancelli

(germanista allUniversità di Firenze)

Sandra Pietrini

(docente Università Trento)

Sergio Staino

(disegnatore)

Emanuele Barletti

(storico dellarte e operatore culturale)

Augusto Sainati

(docente di Cinema dellUniversità di Pisa)

Giovanni M. Rossi

(critico e saggista cinematografico)

Luisa de Aliprandini

(ispanista)

Giorgio Baldereschi

(cardiologo)

Mimma Bresciani

(California State University in Florence)

Salvatore Califano

(docente Chimica dellUniversità di Firenze)

Gianfranco Pedullà

(regista)




news

20-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news