LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una giornata da incubo in gita a Castel del Monte
Francesco D'Andria *
La Gazzetta del Mezzogiorno 30/4/2018

*Francesco D'Andria archeologo dellUniversità del Salento

Non è stata una grande idea quella di visitare, qualche giorno fa, Castel del Monte. Con larrivo della primavera, avevo avvertito forte il desiderio di tornare ad ammirare uno dei più straordinari capolavori dellarchitettura, di fare un piccolo viaggio che avevo rimandato troppo volte. Finalmente davanti ai miei occhi si stagliava la sagoma inconfondibile delle otto torri ottagonali, disposte intorno al corpo centrale e poi il maestoso portale di ingresso con le sue reminiscenze classiche; ed il pensiero correva al Nome della rosa di Umberto Eco che ne scrive citando lammirevole concordia di tanti numeri santi. Avevo parcheggiato nel piazzale ai piedi della collina e mi ero compiaciuto per la presenza di tanta gente, scolaresche, turisti, molti stranieri: il turismo può aiutare il nostro Sud a migliorare le sue condizioni, pensavo. Nel Castello mi rendevo conto che, a parte i pannelli illustrativi, mancava qualsiasi strumento moderno di comunicazione: in tutti i Musei e le mostre ormai cè una saletta fornita di scranni, in cui si proiettano video che, attraverso le immagini e le ricostruzioni virtuali, aiutano il visitatore ad immergersi nei contesti in cui le opere furono realizzate: e su Federico cera solo limbarazzo della scelta. Tuttavia lemozione di trovami nel luogo del grande Imperatore era troppo forte per badare a questi dettagli!

Ma una volta uscito dal Castello avevo notato, nella piazzola in alto, lassenza di un pannello che indicasse il punto di attesa della navetta, di una pensilina, di una qualsiasi indicazione sugli orari delle corse, e poi linfopoint che non funzionava! Ed un altro Medioevo si presentava ai miei occhi, questa volta attraverso limmagine di una bolgia dantesca: i gruppi dei turisti stranieri, le scolaresche, le comitive di gitanti si spostavano, in uno spazio completamente privo di indicazioni, per raggiungere le navette che manovravano pericolosamente tra una folla pronta allarrembaggio, scavalcando qualsiasi tentativo di formare una fila, a spintoni, senza curarsi delle persone più anziane che, in attesa del mezzo, erano costrette a sedersi: tutti protestando, imprecando, dimenticando qualsiasi regola di buona creanza e di ospitalità. Un gruppo di turisti americani, molti della terza età, guardavano esterrefatti la scena; una giovane guida mi diceva che, per il suo lavoro, era costretta spesso ad assistere a queste scene e che ciò le provocava una sensazione di impotenza e di umiliazione di fronte a comportamenti che rivelano agli stranieri laspetto peggiore del nostro Paese.

Prima o poi qualcuno finisce sotto le ruote!, pensavo in tutta quella confusione dove qualsiasi elementare criterio di sicurezza sembrava appartenere ad un altro mondo, diverso da quanto si andava svolgendo davanti ai miei occhi. E il peggio doveva ancora arrivare: il viaggio sulla navetta, questo sì contro ogni normativa di protezione dei viaggiatori. Lautista, con i suoi modi bruschi e maleducati, avrebbe fatto impallidire lo stesso Caronte, che di modi gentili se ne intendeva. Aveva caricato il bus-navetta sino allinverosimile, certamente oltre il limite di 60 persone. Dal suo posto di guida ci urlava di avanzare e di stringersi maggiormente, che cera posto; quelli che erano avanti protestavano per la mancanza di spazio e di aria e poi tutti felicemente sballottati, sudati, spintonati come pacchi al destinatario; dopo aver rischiato di essere schiacciato dalle porte automatiche che si aprono verso linterno del mezzo, giungevo infine a riveder le stelle. Prima di partire avevo guardato il sito dei luoghi italiani dellUnesco, a cura del nostro Ministero dei Beni Culturali e mi avevano colpito i versi tratti dalle Rime del grande Imperatore, posti a capo della pagina su Castel del Monte: ma della ordinata costumanza,/ discenda gentileza fra la gente e mi sembrava davvero amaramente ironica quella citazione di fronte a quanto avevo vissuto, alla totale mancanza di ordinata costumanza che aveva annullato fra la gente qualsiasi forma di gentilezza. Ma nel Medioevo, a differenza di quanto qualcuno possa pensare, la cultura permetteva di raggiungere livelli di altissima civiltà nei rapporti tra gli umani!

Al ritorno ho letto le pessime recensioni su Tripadvisor e, sul sito AndriaLive.it, la lettera, a dire il vero molto misurata e civile, inviata da Fabio, una guida che vive quotidianamente sulla sua pelle questa triste realtà, alle Autorità responsabili.

Dopo una tale infernale esperienza avevo pensato alla perfetta organizzazione delle navette a Hierapolis in Turchia, dove sino allo scorso anno ho diretto la Missione Archeologica Italiana, anche questo un sito Unesco; con la differenza che lì i visitatori superano i due milioni lanno mentre a Castel del Monte siamo sui 250.000 turisti in un anno. E che dire di Mont Saint Michel in Normandia, dove la distanza tra i parcheggi e il monte è maggiore, ma tutto avviene nella massima tranquillità, accoglienza e rispetto per i turisti: addirittura la navetta ha una doppia postazione di guida, anteriore e posteriore, ad evitare pericolose manovre.

Anche la triste esperienza narrata costituisce lennesima prova dei danni che la Riforma del Ministro Franceschini ha provocato al nostro Patrimonio Culturale. Non contento di aver praticamente abolito larcheologia dal sistema della tutela, ha sbandierato ai quattro venti i mirabolanti risultati della sua azione, vantandosi dellaumento, a suo dire enorme, del numero di visitatori nei nostri Musei e siti archeologici e artistici; da tante parti autorevoli sono giunte riserve sulla effettiva realtà del fenomeno, effetto anche del crollo del turismo in Paesi ritenuti pericolosi a causa del terrorismo. Ma più della quantità non sarebbe utile interrogarsi sul modo con cui i turisti vengono trattati in Italia e sulla gestione reale di questa realtà? E non sarebbe male chiedersi perché il nostro Paese continua ad essere superato da altre Nazioni nelle classifiche sul turismo internazionale, anche se la varietà delle nostre ricchezze culturali non ha eguali in tutto il pianeta.

Il Castello costruito nel 1240 da Federico II di Svevia, fu iscritto giustamente nella Lista del Patrimonio Mondiale dellUnesco, già il 7 dicembre 1996. È questo tuttavia un privilegio che può essere revocato, in presenza di forme di degrado nella gestione dei siti come quello che ho descritto; così Hierapolis era stata minacciata a ragione di revoca, quando avevano costruito, a monte dellarea archeologica, un piccolo edificio che disturbava il paesaggio, poi prontamente demolito. Sarebbe ora che a Castel del Monte ci fosse una verifica delle condizioni che permisero di inserirla nel 1996, nella Lista dei siti Unesco.

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/analisi/1009157/una-giornata-da-incubo-in-gita-a-castel-del-monte.html


news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news