LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania. Il Sentiero degli dei a tappe. Dove il mito vale 60 mila passi
Flavio Pagano
Corriere del Mezzogiorno - Campania 1/5/2018

Napoli. La Campania delle meraviglie non è nascosta nelle pieghe del futuro, ma è già qui, sotto i nostri occhi, anche se ancora stentiamo a rendercene conto. È la Campania del boom turistico, ad esempio, che incide sul Pil e ha conquistato un ruolo di primo piano sulla scena internazionale.

Uno dei motori principali di una crescita così imperiosa è certamente Napoli, entrata ufficialmente nella cerchia eletta delle grandi città darte. Ma la cosa davvero straordinaria è che al centro della riscossa della regione mediaticamente più massacrata dItalia, che molti vorrebbero identificare solo con i gotici chiaroscuri della Terra dei fuochi o con gli empi roghi estivi vesuviani, ci sono proprio le sue risorse naturali, i suoi paesaggi mozzafiato, il contrappunto di mare e montagna che rende le sue coste uniche al mondo: in una parola, il suo territorio.

Perché a questo punto non creare anche in Campania un cammino a tappe, sul modello ad esempio di quello di Santiago de Compostela, ma con linestimabile valore aggiunto di offrire panorami ineguagliabili, contornati da uno straordinario patrimonio artistico, in una terra che trabocca di eccellenze enogastronomiche? Unidea potrebbe essere quella di realizzarlo lungo lintera Penisola sorrentina, da Punta Campanella fino a Cava de Tirreni, utilizzando la rete già esistente di sentieri che ha la sua direttrice nella cosiddetta Alta Via dei Monti Lattari. Ne potrebbe nascere un percorso organico, accessibile a tutti, dalle enormi potenzialità turistiche e così bello che, camminando, il visitatore avrebbe la sensazione di volare come un drone fra il cielo e il mare.

Fulcro dellintero itinerario, fisicamente ma anche idealmente, non potrebbe che essere lormai leggendario Sentiero degli dei, che ha le proprie sorgenti ad Agerola solitaria fautrice di uno strepitoso successo turistico con indici di crescita a tre cifre e che, con i suoi 300.000 visitatori lanno, è ormai un caposaldo del turismo outdoor non solo dellintera Costa dAmalfi, ma del mondo.

La distanza orizzontale complessiva è di circa 40 chilometri, ma sarebbe naturalmente destinata a crescere attraverso uno sviluppo più o meno articolato di tappe, onde permettere ai viaggiatori una totale immersione nella realtà dei luoghi, valorizzando prima di tutto lo spettacolare contrappunto mare-montagna di cui dicevamo, grazie allalternanza di tratti in quota e di discese verso le località costiere.

Per provare ad abbozzare un vero e proprio itinerario, abbiamo sentito il parere di Gennaro Pesacane, farmacista, naturalista, e profondo conoscitore di questa terra sia sul piano geografico che antropologico. Ne è nato un tragitto tutto sul filo del mito (questi sono i mari delle Sirene, di Ulisse, di Palinuro), dei sapori (pensiamo soltanto allartigianato caseario agerolese o ai vini di Furore e di Tramonti), dellarte e della storia, dove sapientemente il tempo ha mescolato Oriente e Occidente, sacro e profano.

Il primo tratto potrebbe essere quello da Termini a Positano, risalendo la dorsale dei Colli di Sorrento, per poi scendere al livello del mare. Nel secondo si potrebbe invece percorrere il Sentiero degli dei fino ad Agerola, dove per scegliere la terza tappa si avrebbero due opzioni: o portarsi di nuovo al livello del mare, con la visita di Furore, Conca e Amalfi, oppure scavalcare il monte Murillo e dirigere verso Pontone, Scala e infine Ravello, attraverso la spettacolare Valle delle Ferriere. Chi avesse deciso di scendere ad Amalfi avrebbe di nuovo due opportunità: o far partire la quarta tappa da Atrani, e puntare su Ravello; oppure risalire ad Agerola attraverso una variante, ad esempio le antiche mulattiere utilizzate un tempo dai mercanti che, con sulle spalle carichi di oltre mezzo quintale, le percorrevano anche due volte al giorno,.

Una volta a Ravello si potrebbe procedere verso Sambuco, per poi raggiungere il suggestivo monastero di San Nicola, che domina Minori, Maiori e le tredici frazioni dellincantevole Tramonti. A quel punto, dopo essere nuovamente scesi sul livello del mare per visitare le località costiere, si potrebbe risalire verso il Santuario dellAvvocata, sul monte Falerio, dove, da unaltitudine di circa 800 metri, si gode un panorama di ubriacante bellezza sullintera Penisola sorrentina, fino ai faraglioni e Capri. Volendo evitare limpegnativa ascensione del Falerio, precisa Pesacane, si potrebbe anche continuare il cammino portandosi sul lato Est della valle di Tramonti, e da lì risalire attraverso un percorso più lungo, ma agevole, fino alla frazione di Gete, che immette sul crinale che conduce a Cava de Tirreni.

Per chi volesse aggiungere a tutto questo lesperienza iniziatica del pellegrinaggio religioso, litinerario si potrebbe chiudere con larrivo alla maestosa badìa fondata da SantAlferio, passando per il Santuario dellAvvocata, e percorrendo il comodo sentiero che in circa unora giunge a Cava.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news