LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia e i blocchi. I tornelli? mancanza di visione
Giovanni Montanaro
Corriere del Veneto 1/5/2018

Che tristezza mi fanno i tornelli. Ma davvero ci siamo ridotti così? Sì, purtroppo. A Venezia, certi giorni, cè talmente tanta gente che non si cammina. È un problema da risolvere a ogni costo. I tornelli saranno efficaci, obbrobrio culturale ancor prima che estetico? Spero di sì. Deviando i flussi, cè però il rischio di intasare tutta la città, non solo la Strada Nuova, ma anche altre parti, fitte di calli ben più strette. Si vedrà. Il vero problema è un altro: si finisce per trattare il turismo come un tema di ordine pubblico, senza pianificare.

Che senso hanno i tornelli se da dietro la stazione di Mestre ruggiscono gli scheletri enormi di nuovi, sinistri e giganteschi alberghi? Se gli unici investimenti in città sono, ancora, altri alberghi? Se i veneziani per primi, non sempre per necessità o mancanza di alternative, trasformano i loro appartamenti in residenze turistiche? I tornelli non servono a niente se non si ripensa il futuro della città, cosa che non si fa da trentanni abbondanti. Non è facile, perché il turismo ha portato una ricchezza inimmaginabile, da non perdere. Ma in questo momento a tutti deve essere chiaro che questa ricchezza anche impoverisce, distrugge, toglie futuro. Vissuti come una carica di gnu, gli stessi turisti non sono lenorme opportunità che potrebbero essere, per le attività artigianali, culturali, locali. Da una parte, quindi, si provino misure difensive: varchi e limiti di accesso, sistemi di prenotazione, blocco delle licenze. Questo, però, non basta. Venezia non va solo protetta, ancor più svuotata. Venezia va reinventata, rovesciata, risuscitata. Riempita. Bisogna creare lavoro, a Venezia. Diminuire i turisti per aumentare i residenti. Capisco le esigenze di cassa del Comune, ma invece che vendere i palazzi per fare alberghi dovrebbe regalarli a chi promette investimenti in altri settori. Il vero segno dei tempi, non sono i tornelli ma la perdita del progetto Tokamak, il polo per la fusione termonucleare che poteva andare a Marghera, portando posti di lavoro qualificato. Non se ne è fatto niente. Perché invece che con i palazzinari di tutto il mondo non si parla con la Apple? Venezia potrà cambiare solo se tornerà appetibile per qualcosaltro che non sia il turismo. Se torneranno persone, attività. Qual è la chiave di volta? Forse, smetterla di considerare il caso Venezia a sé stante. In questo, infatti, Venezia ha lo stesso problema di tantissimi centri storici italiani, da Firenze a Roma, messi pure peggio. Le nostre città perdono sempre di più le attività dirigenziali, gli uffici pubblici, gli sportelli bancari, i negozi. Per rilanciare i centri storici, sono necessari interventi strutturali a livello normativo (possibile che in un condominio si possa fare un bed & breakfast e non uno studio legale? possibile che la competenza sia regionale, e Venezia abbia le stesse regole di San Donà o Nogara), di fiscalità (possibile che la tassazione per le affittanze turistiche sia inferiore a quella per laffitto a giovani coppie?), incentivi per lacquisto di case a scopo residenziale, con vincolo di utilizzo, nuove strategie per i trasporti (penso ai costi dei taxi o dei parcheggi a Venezia), politiche efficaci per nuovi insediamenti lavorativi. Non importa a nessuno? Le città antiche servono per mangiarci il gelato la domenica? Al di là del dispiacere personale, credo sia un errore madornale. Qual è lunica città italiana in vera crescita urbana e sociale? Milano. Lunica, di tutte quelle elencate, che ha mantenuto sedi, uffici e attività in pieno centro.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news