LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, tornelli. Ma sono un segnale: vince il pragmatismo
Alessandro Zangrando
Corriere del Veneto 1/5/2018

Partiamo dalla conclusione: i tornelli vanno promossi, comunque vadano le cose. Anche perché sembrano deboli i motivi per bocciarli. Non sono stati annunciati in pompa magna, non ci si aspettava neppure lantivirus definitivo per il malanno del turismo di massa, selvaggio, invasivo, cafone, che riduce la qualità della vita dei residenti di Venezia. Il sindaco Luigi Brugnaro li ha installati il giorno prima della loro entrata in funzione, senza fanfare, ammettiamolo. I tornelli sono una piccola risposta, verrebbe da dire un segnale.

Alla politica della macerazione delle idee, dei tavoli infiniti, dei dibattiti altissimi e inconcludenti (cadenzati dagli immancabili appelli di intellettuali), che da decenni accompagnano il destino di Venezia. Insomma, per una volta il pragma ha avuto la precedenza sul logos: restando allambito del pensiero, larrivo dei tornelli sembra essere figlio di quelle filosofie orientali che suggeriscono la non esitazione di fronte allemergenza. Linvocazione a fare qualcosa ha affollato e affolla le dichiarazioni di residenti, associazioni, comitati, politici e personaggi. Qualcuno ora critica senza appello questa primo piccolo e, soprattutto, sperimentale gesto, senza spesso offrire controproposte realistiche. Quello che manca nel caso dei tornelli è la valutazione dellesperienza, spogliata dalle ideologie e dal tifo di squadra: durante il ponte festivo, fino a ieri, Venezia ha evitato lasfissia. Grazie ai tornelli? Forse no, certo però che possono aver funzionato da dissuasori verso il turismo della giornata. A Venezia forse hanno dominato soprattutto gli ospiti organizzati che avevano prenotato per tempo. Facendo un paragone azzardato, questi varchi sono state un po come gli uomini della security fuori da un locale: non possono toccarti ma di fronte a un signore deciso comunque ci pensi due volte prima di fare il furbo. Poi tutto il resto sono esagerazioni: chi ha parlato di città militarizzata o evocato Belfast (luogo forse neppure visitato..) si è spaventato per un paio di strutture di pochi metri. Temporanee. Del resto la potenza simbolica di unimmagine conta spesso più della reale portata di una situazione, della modifica sostanziale che induce sulla realtà e sulla vita di tutti i giorni. Ma le lamentationes, tradizionalmente, fanno più rumore del silenzioso consenso. I tornelli non vanno sopravvalutati ma letti per quello che sono: una sperimentazione alla luce dellesperienza, secondo una metodologia di amministrazione semplice ma raramente applicata finora. Poi si proceda con i progetti piantati nel futuro della città, quelli che affrontano il numero dei B&B, la situazione dei plateatici, le grandi navi, i lancioni, il decoro e così via. Generare complessità è semplice, produrre soluzioni è difficile. Ma i tornelli sono brutti, si dice. Vero, aggiungiamo che per quattro giorni si possono anche sopportare e lelenco delle cose che offendono locchio a Venezia è composto anche da tante altre voci. Tutto si può migliorare, ma la parte estetica è un peccato veniale. Ammettiamolo, il nero è un colore che si abbina male con Venezia, ma basta fare un piccolo concorso fra giovani designer per realizzare strutture più gentili e integrate con i masegni. Ultimo ma non ultimo: di fronte alla violenza, allintolleranza e allarroganza rumorose di pochi che rappresentano solo se stessi, viene voglia di difendere ancora di più i tornelli della (presunta) discordia. Almeno dietro di essi cè unidea.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news