LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mani, addio al Canal Grande dopo 230 milioni di foto sui social
Pierfrancesco Carcassi
Corriere del Veneto 1/5/2018

VENEZIA. Tempo scaduto. Il 7 maggio le mani, opera dello scultore Lorenzo Quinn, lasceranno la facciata dellHotel Ca Sagredo. Quello della scultura Support è un sogno durato un anno: dal 7 maggio 2017 le mani hanno sostenuto il palazzo emergendo dalle acque del Canal Grande, per sensibilizzare le persone sul cambiamento climatico. La sveglia, posticipata di 60 giorni grazie alla doppia proroga della Soprintendenza, è suonata inesorabile: dopo i rilievi tecnici, dal 3 maggio inizieranno le operazioni per smontare lopera, che dovrebbero finire quattro giorni dopo, quando Quinn compie 52 anni. A nulla sono valsi la fama della scultura sui social e lapprezzamento di esperti e cittadini. Abbiamo realizzato un sogno che sembrava impossibile, uninstallazione sul Canal Grande commenta lartista, ringraziando il sostegno di Comune e Soprintendenza vorrei che rimanesse a Venezia, ma la legge va rispettata. Qui è stata fatta la storia, ci sono un prima e un dopo per Ca Sagredo e per Lorenzo Quinn, afferma Lorenza Lain, general manager di Ca Sagredo. E Quinn chiosa, sornione: Anche la Tour Eiffel non doveva essere permanente. Mentre parlano, i turisti, dalle rive e dai battelli, continuano a scattare foto 230 milioni quelle condivise sui social finora che ora attendono una nuova collocazione: Vogliamo regalare la scultura alla città, quelle mani modellate su quelle del figlio di nome Anthony, come il nonno attore, ndr non mi appartengono più, sono dei veneziani e di chi le vede, ha decretato ieri Quinn. Con buona pace delle offerte di acquisto giunte da mezzo mondo, una delle quali, dice lartista, con cifra in bianco. Non abbiamo neanche guardato le offerte, è una scultura pubblica mette in chiaro lui non ci interessava far commercio. E aggiunge: Stiamo aspettando le proposte di Comune e Soprintendenza per ricollocare la scultura, non sappiamo tra quanto tempo. Lamministrazione infatti è al lavoro per trovare una soluzione permanente, diversa dal Canal Grande, senza escludere né terraferma né centro storico. Intanto il sogno di Quinn, come si è materializzato, si dissolve. A pezzi: la scultura sarà tagliata, smontata e trasferita su chiatta in un magazzino provvisorio; poi partirà per Barcellona, dove si trova latelier dello scultore. Lì dovrà essere ricomposta. Intanto prosegue il lavoro dellartista a Venezia: A giugno installiamo a Forte Marghera Stop Playing, unaltra scultura regalata alla città, ricorda Quinn. Che non si ferma: Sto preparando la Biennale per il 2019, si tratta di unopera ancora pi grande .



news

18-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 18 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news