LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, legge speciale. Da dove partire? Ordine pubblico e licenze commerciali
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 1/5/2018

Lex presidente dellOrdine degli avvocati Russo, lurbanista Amendola: consigli per una legge speciale

Una legge speciale? Sì, dicono lavvocato Roberto Russo, ex presidente dellOrdine degli avvocati di Firenze e firmatario dellappello perché Firenze non sia Venezia, e anche il sociologo delle città Giandomenico Amendola. Ma con una prospettiva di lungo periodo. Come formazione, da avvocato, le leggi speciali non mi piacciono: sa, sono del 34, qualcosa ho percepito scherza Russo ma al di là della battuta, alcune cose potrebbero essere fatte, su due aspetti: la invivibilità di certe zone del centro derivanti dallaccesso di concentrazione di vacanzieri e nottambuli, e la loro maledeucazione. E leccesso di turismo, che Venezia affronta con i tornelli, un rimedio non utilizzabile a Firenze, per la differenza strutturale delle città. Russo pensa che sia fondamentale ridare in mano ai Comuni la programmazione delle funzioni, facendo ritornare le licenze in capo alle amministrazioni locali. Ma anche cambiare la normativa sul disturbo della quiete pubblica, con una modifica che consenta di intervenire più facilmente alle forze dellordine.

Intanto comincerei con una norma che consenta, al di là delle ordinanze contingibili e urgenti, di porre limiti orari su alcune attività, come per esempio la vendita e il consumo di alcol in strada, come alcuni Paesi anglosassoni spiega invece Amendola. Il sociologo, però, è convinto che se di una legge speciale ci sia bisogno, per città che subiscono questi processi globali e critici, non debbano limitarsi ad aspetti spot ma a poteri che consentano di intervenire nel tempo. Spostare i luoghi della movida, per esempio, è possibile ma non basta un divieto: occorrono, se per esempio usiamo le politiche delleffimero, cento eventi ripetuti in altri luoghi della città per anni, per spostare flussi che si sono consolidati in un ventennio. Però, sulla sicurezza, resta il problema: tranne in Inghilterra, il potere di polizia, e quindi lordine pubblico, è monopolio dello Stato. Ma il senso di sicurezza, cioè quanto percepito dai cittadini, è di fatto responsabilità del sindaco.

Difficile attribuire compiti e funzioni di questo tipo alla polizia locale, ma alcuni interventi sono possibili: Intanto, promuovere sicurezza di vicinato, con strumenti come i gruppi di Whatsapp o social per condividere informazioni ed allerte con le forze dellordine. Poi, iniziative come i telefoni di allarme, colonnine con telefoni direttamente collegati con lamministrazione per segnalazioni o anche semplici informazioni. E quindi, se legge speciale deve essere, deve dare risorse e spazi di azioni in questi campi. Ma per intervenire, occorre prima capire quali sono le zone dove il senso di insicurezza è più alto. Facemmo le mappe della sicurezza della città, già negli anni 90, a Firenze. Non so se qualcuno le abbia mai usate.



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news