LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Che disastro Venezia, è diventata come Disneyland. E i residenti scappano
Intervista a Salvatore Settis, di Paola Pintus
2 maggio 2018


Sui tornelli e linvasione dei turisti in una delle città simbolo del Paese interviene lintellettuale e urbanista Salvatore Settis. Oggi il diluvio dei bed & breakfast e delle seconde case ha ridotto Venezia a una specie di guscio vuoto. Venezia perde 2 abitanti al giorno, mille abitanti allanno. Coi tornelli non si risolvono queste problematiche
[Lintervista] Che disastro Venezia, è diventata come Disneyland. E i residenti scappano


Non sono state necessarie deviazioni del traffico, né l'attivazione dei varchi anti ressa posizionati nei punti nevralgici di accesso al centro storico: a Venezia il primo maggio doveva essere il banco di prova per i contestatissimi tornelli installati dal Sindaco Luigi Brugnaro, che però pare non abbiano avuto necessità di entrare in funzione grazie alleffetto deterrente sortito sui turisti che pur di evitare il rischio delle file hanno scelto gli accessi alternativi al centro storico, lungo i dedali delle calli veneziane. Soddisfatti gli amministratori della città lagunare, ma le polemiche non si placano. E in gioco lidea stessa di città, dicono i contrari, fra cui intellettuali, urbanisti e storici dellarte.
Fra di loro anche Salvatore Settis, che sostiene come non si possa prescindere anzitutto dal riconoscimento del diritto a vivere la città da parte di chi la abita. Io sono contrarissimo a qualsiasi tornello, perché una città così concepita non è più una città, diventa Disneyland, sostiene il professore. Credo che si debba ragionare sul futuro di Venezia non limitando il numero dei turisti ma attraendo stabilmente più persone nel centro lagunare, che negli ultimi quarantanni ha subito unemorragia di 120 mila abitanti, cioè i due terzi della popolazione. Il vero problema di Venezia è lo spopolamento, non i turisti

In che modo è possibile ripensare la funzione della città?
Bisogna capire che Venezia non è fatta solo di monumenti da visitare ma di cittadini che ci abitano e che ci trovano lavoro. Oggi il diluvio dei bed & breakfast e delle seconde case ha ridotto Venezia a una specie di guscio vuoto. Venezia perde 2 abitanti al giorno, mille abitanti allanno. I giovani scappano in terraferma per i costi proibitivi delle abitazioni, così pure i meno abbienti. Coi tornelli non si risolvono queste problematiche, che sono le vere priorità per Venezia. Certo, lafflusso dei turisti va gestito ma è un tema minore rispetto alla priorità assoluta di non disperdere il tessuto sociale della città.

Gli afflussi massicci di turisti in certi periodi dellanno non possono essere essi stessi controproducenti per la stessa tutela dei centri storici?
Ripeto: si tratta di stabilire delle priorità. Oggi la priorità di Venezia è arrestare lemorragia costante di cittadini, che vanno incoraggiati invece a restare. Penso soprattutto agli anziani e agli studenti, per i quali andrebbero pensate delle soluzioni abitative a costi accessibili

http://notizie.tiscali.it/interviste/articoli/tornelli-venezia-settis/


news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news