LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sos per la Torre Medicea di Pietrasanta- Mille anni di storia in un rudere che rischia di crollare ed è in stato di abbandono
Michele Morabito
Il Tirreno edizione Versilia 3/5/2018

Sos per la Torre Medicea del Salto della Cervia, un pezzo di storia della Versilia, che è sopravvissuta al passaggio di eserciti, a nuove destinazioni duso diverse da quella militare, persino alle cannonate americane durante lultimo conflitto mondiale, ma rischia di cedere di fronte allincuria. Il sito acquistato nel 2004 dal Comune di Pietrasanta versa nel più totale stato di abbandono, lasciato a se stesso e senza la valorizzazione che meriterebbe il suo valore storico: larea lungo la via Aurelia, ci raccontano, è frequentata da cattive compagnie, alcune delle telecamere sono state rotte dai vandali e laccesso al sito è di fatto è libero.

Dallanno Mille in poi. Un tempo era un luogo importante di transito che fece crescere nei secoli il prestigio dellarea fino alla edificazione della Torre su un precedente sistema di fortificazioni che interagiva con il sistema litoraneo di difesa e controllo dellarea. Oggi rischia seriamente di cadere prima o poi per lincuria in cui versa. La Torre del Salto della Cervia ha conosciuto alterne vicende e fortune nella sua millenaria storia: di un fortilizio in quella zona si parla già fin dallanno Mille, quando il luogo era altamente strategico e quando ancora la strada litoranea passava al monte rispetto al tracciato della attuale Aurelia, proprio a ridosso del monte: la sua importanza derivava dal fatto che si trovava sul tracciato della Francigena e nei pressi si estendeva il lago Beltrame (oggi lago di Porta) che allepoca aveva unampiezza superiore rispetto ad oggi, un luogo conteso perché particolarmente pescoso. Nel sito si ergeva la Porta Beltrame, passaggio strategico per chiunque transitasse nella zona.
Dai pirati ai Medici. Sul territorio premevano i genovesi da una parte e i fiorentini e i lucchesi dallaltra, mentre dal mare provenivano gli attacchi pirateschi. Nel Duecento larea passò insieme con il lago di Porta ai nobili di Corvaja, che caddero poi in disgrazia: alla fine del Quattrocento, dopo la guerra con Sarzana, e nel 500 dopo il Lodo che portò la Versilia Storica sotto il dominio di Firenze la porta Beltrame fu munita da Cosimo I di una più solida torre, e circonvallata di fossi con ponte levatoio. È proprio nellottica della difesa delle coste che il granduca Cosimo dei Medici iniziò la costruzione della Torre del Salto della Cervia nel 1568. La costruzione del fortilizio venne portata avanti dal figlio del granduca, Francesco I, e completata da Ferdinando I nel 1588.

Il Salto della Cerva. Il nome di Torre Medicea deriva da una leggenda riportata da padre Lorenzo Berti (seravezzino vissuto tra il XVII e il XVIII secolo) secondo la quale una cerva inseguita da un cacciatore, trovò rifugio nei pressi di un tabernacolo vicino a una rupe. Luomo la scoprì e, vedendola impossibilitata a scappare, pensò di averla ormai presa. Grazie a un miracolo della Madonna, la cerva trovò la via di fuga spiccando un salto sulla rupe retrostante e le sue impronte sarebbero rimaste impresse sulla roccia, divenendo oggetto di un vero e proprio culto, in quanto testimonianze di un miracolo. Su quel luogo nacque la chiesa della Madonna di Porta.
Qui passava Michelangelo. La Torre era parte di un vero e proprio sistema fortificato con tanto di ponte levatoio e con una rampa che conduceva direttamente al primo piano, dove si trovava lingresso principale, oggi ridotto a finestra, che era destinato agli alloggi dei militari che presidiavano larea: i cavalli venivano ricoverati in un manufatto andato perduto che collegava la torre al preesistente sistema di mura che portava alla Porta Beltrame. Al primo piano vi era lo spazio più bello della torre destinato al capo della guarnigione con tanto di camino e di sistema di accesso alla sottostante cisterna da cui con un sistema di raccolta delle acque venivano custodite le riserve per gli abitanti del fortino. È ancora visibile il soppalco che ospitava gli alloggi del resto della guarnigione da cui si accedeva al tetto dove si trovava un ulteriore ambiente con copertura in legno a spiovente da cui si sorvegliava il territorio circostante per chilometri e chilometri. Al piano terra si trovavano gli ambienti di servizio della Torre e forse uno spazio per i carcerati che venivano fermati al passaggio sulla via con lobbligo di transito allinterno della porta. Una porta da cui è probabile siano passati Michelangelo quando si recava a Carrara ed eserciti che si sono susseguiti nelle dominazioni del luoghi. È attribuita alle truppe napoleoniche la distruzione della limitrofa chiesetta del Salto della Cervia e anche lampliamento della strada secondo lodierno tracciato che fece venir meno limportanza del luogo.

Distrutta dalla guerra. Durante la seconda guerra mondiale i tedeschi la utilizzarono per presidio e un soldato fu trovato morto al primo piano della Torre: le cannonate degli americani la centrarono in almeno quattro punti ben visibili, ma una foto di prima della guerra ci restituisce la Torre ancora nel suo splendore anche se nell800 fosse passata in mano dei privati che la utilizzarono nei modi più disparati.

Acquistata dal Comune. Nel dopoguerra il definitivo declino: lo spazio attorno alla Torre, inglobandola, divenne un laboratorio di marmo con una officina che ha lasciato le sue tracce ben evidenti sul lato a monte della Via Aurelia, poi unofficina metalmeccanica. Nel 2004 è arrivato lacquisto da parte del Comune di Pietrasanta per una cifra superiore ai 400mila euro. Dei volontari hanno provveduto alla bonifica dellarea intorno alla Torre con la rimozione degli scarti di lavorazione e la ricostruzione del monte e dellambiente umido dato che la zona è interessata da quattro sorgenti. Ma la Torre è rimasta in uno stato di abbandono con la necessità di un consolidamento strutturale e di messa in sicurezza.

Luogo del cuore abbandonato. La Torre fa parte dei Luoghi del Cuore del Fai, ma il tempo sta per scadere prima che vada perduto un pezzo di storia del territorio. Molte università hanno studiato il sito e anche alcuni associazioni ambientaliste: serve un intervento per evitare di rimpiangere qualcosa che oggi chiede di essere messo in sicurezza.

http://iltirreno.gelocal.it/versilia/cronaca/2018/05/01/news/sos-per-la-torre-medicea-di-pietrasanta-1.16778555


news

25-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news