LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cinque Terre, Toti punta sui battelli per l'invasione dei turisti
di MICHELA BOMPANI
30 aprile 2018 LA REPUBBLICA




Vertice convocato dal presidente della Regione


Cinque Terre, Toti punta sui battelli per l'invasione dei turisti
Per le Cinque Terre occorre un modello di gestione dei flussi e il modello Euroflora può rivelarsi molto utile , il presidente della Regione, Giovanni Toti, ha convocato oggi in Regione gli Stati generali delle Cinque Terre: lobiettivo è un patto darea per la gestione dei flussi turistici.
Il governatore Toti rilancia lorganizzazione a Euroflora sta funzionando, con una rete complessiva di azioni: e Liguria Digitale può fornire gli strumenti informatici per la tracciabilità delle persone sui sentieri alle Cinque Terre.
Toti non esclude neppure linstallazione di tornelli, come a Venezia: Non ho alcun preconcetto, tanto meno sui tornelli, se servono a gestire i turisti puntualizza dico fermamente no, invece, alla politica del numero chiuso.
Anche ieri è stata una giornata intensa per il sito Patrimonio Unesco delle Cinque Terre dove sono scattate le misure di limitazione degli accessi ai sentieri, come conferma il vice- presidente del Parco, Vincenzo Resasco: Nel secondo sentiero basso, il sentiero azzurro 2, tra Vernazza e Monterosso, è scattata la regolamentazione degli accessi per il flusso troppo alto di turisti, nel corso della giornata la situazione si è normalizzata .
La prima novità, dagli Stati generali delle Cinque Terre, arriverà proprio dal mare: Ho già incontrato i battellieri, sono pronti a potenziare il servizio di trasporto dal mare assicura Toti manca però un coordinamento con i Comuni per gli accosti sui moli: mettere le parti intorno allo stesso tavolo garantirà risultati veloci e immediatamente applicati, a beneficio del territorio da salvaguardare e di una risorsa turistica che non possiamo perdere. Sulla terra, invece, dovrà avere una livrea tutta nuova, il Cinque Terre Express, unesperienza che sta funzionando, un treno che risponde alle esigenze dei turisti ma che adesso dobbiamo trasformare in un simbolo ben riconoscibile, occorre brandizzarlo, propone Toti. Che, tra le azioni incisive per garantire unefficace e strategica gestione dei flussi, mette anche un nome: Beppe Costa, presidente di Costa Edutainment. Lo avevamo proposto, come Regione, per la carica, ancora vacante, di presidente del Parco delle Cinque Terre, proprio per la sua esperienza e specializzazione nella gestione dei flussi, dallAcquario ai Musei Vaticani agli Uffizi, ma siamo in attesa del nuovo ministro dellAmbiente, cui spetta la nomina, su proposta della Regione.
Agli Stati generali, oggi, parteciperanno i Comuni delle Cinque Terre, il sindaco della Spezia Giovanni Peracchini, il vicepresidente del Parco, Vincenzo Resasco e il direttore, Patrizio Scarpellini, ma anche il direttore della Divisione passeggeri di Trenitalia, Marco Della Monica. E saranno schierati, con il presidente Toti, quasi tutti i membri della giunta: gli assessori Gianni Berrino, Turismo e Trasporti, Giacomo Giampedrone, Infrastrutture, Ilaria Cavo, Cultura, e Stefano Mai, Ambiente.
Da Riomaggiore, la sindaca Fabrizia Pecunia, che ha imposto, qualche giorno fa, un contingentamento allaccesso dei pullman turistici, proprio per regolamentare i flussi e tutelare il territorio, lancia il suo strale contro un tavolo che, secondo lei, nasce zoppo: A questi Stati generali delle Cinque Terre manca linvitato più importante, il padrone di casa, visto che parliamo di un Parco nazionale: il Ministero dellAmbiente. E anche il Ministero dei Beni culturali, visto che le Cinque Terre sono Patrimonio Unesco dice Fabrizia Pecunia mi chiedo che attendibilità abbia un patto siglato senza i protagonisti principali . Pecunia però non chiude la porta in faccia alla Regione: Al primo punto di qualsiasi coordinamento occorre mettere la gestione dei flussi spiega servono strumenti normativi che esistono e vanno fatti funzionare: siamo un sito protetto, lUnesco dà strumenti per regolamentare gli accessi, come hanno già fatto Venezia o Firenze, invece non li usiamo. E Pecunia è in prima linea, difende le proprie azioni di limitazione dei bus, ma ammette: Finora ho ottenuto due cose: le azioni sui bus funzionano, ma finora ho ottenuto: un buon risultato per il territorio e per la qualità degli accessi turistici, in cambio però ho già ricevuto un bel ricorso degli operatori di autobus turistici.
Parleremo di contratti di lavoro per il turismo e ovviamente di flussi e di trasporti dice Gianni
Berrino, assessore regionale al Turismo e ai Trasporti ma teniamo presente che le Cinque Terre sono un brand mondiale formidabile: nei momenti di successo, come questo, è più facile trovare soluzioni . Stamattina in Regione si aprirà la prima riunione degli Stati generali: Nascerà un coordinamento per arrivare a un patto darea sulle Cinque Terre sigilla il presidente Toti su cui siamo pronti a destinare risorse.



news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news