LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capodimonte, riapre l'Armeria Farnese
20 aprile 2018 la Repubblica

Spade e armature risalgono al periodo tra fine Quattrocento e Seicento, ereditate da Carlo III di Borbone dalla madre Elisabetta Farnese e come la ricca collezione di sculture (oggi vanto del Mann) e di dipinti (esposti a Capodimonte) trasferite a Napoli dopo il 1734. A questo nucleo straordinario, lo stesso Carlo aggiunse le propria raccolta di armi da fuoco, una serie di doni diplomatici ricevuti da regnanti e nobili di tutta Europa, nonché esemplari prodotti dalla Real Fabbrica di Napoli.

Senza contare che nel corso dell'Ottocento Ferdinando IV arricchì la collezione con alcuni pregiati manufatti cinquecenteschi, recuperati durante il suo esilio a Palermo. Molte delle armi esposte, tuttavia, sono più di rappresentanza che di uso militare vero e proprio. In tal modo le case regnati e le grandi famiglie si rappresentavano, indossando armature e armi riccamente cesellati nel corso di cerimonie e tornei. Più si era ricchi e potenti, e più si esibivano armature raffinate, vere e proprie opere d'arte. "Per gli uomini le armi erano come i gioielli per le donne" spiega Bellenger.

L'Armeria Farnese conta 600 pezzi, custoditi una volta nella "armeria secreta" del palazzo Farnese a Parma. I Farnese, soldati e militari, papi e cardinali: alla mano di Pompeo della Cesa nel 1590 fu affidata, ad esempio, la "piccola guarnitura a scambiare per Alessandro Farnese detta Volat", uno dei pezzi più pregiati di Capodimonte. Nel 1758 Carlo III istituì la real Fabbrica d'Armi a Torre Annunziata, mentre nel 1782 nacque la Real Fabbrica degli acciai nella Palazzina dei Principi a Capodimonte. Ispirandosi a modelli spagnoli, da questi opifici uscirono le armi per l'esercito borbonico, molte esposte al museo.

E proprio per celebrare i fasti di cavalieri e dame, domani e domenica nel Bosco di Capodimonte, nella zona delle praterie davanti al Cellaio, torna la manifestazione "Alla Corte del Re", una rievocazione storica in costume: dalle 10 alle 18,30 in programma il Gran Gala Equestre e la Giostra in armatura farnesiana, con i cavalieri della Real Cavallerizza di Napoli insieme ai Cavalieri Città Regia e ai figuranti della Compagnia dell'Aquila bianca in abiti d'epoca. Sul parto anche un gruppo di figuranti dell'Aquila
bianca che farà rivivere per due giorni il reggimento borbonico della Guardia del re.

Si comincia domani mattina alle 10 con movimentazione libera dei cavalli e la danza storica. Alle 15,45 giochi d'arme, alle 17 via il Gran Gala. Domenica, alle 11 la Giostra, alle 14,30 danza, alle 16 giochi d'arme. Tutte le manifestazioni nel Bosco sono a ingresso libero, mentre per visitare l'Armeria Farnese occorre acquistare il biglietto d'ingresso al museo.

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2018/04/19/news/capodimonte_ritrova_l_armeria_e_tra_le_piu_importanti_d_europa-194342655/?ref=search


news

21-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news