LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Dove fare il museo della città
Maurizio Carta
2018-05-04, la repubblica




Al Museo della Città di Palermo Rosario La Duca ha dedicato tutta la sua vita, anzi si è fatto esso stesso museo della città, suo narratore, scopritore, guida e custode, come abbiamo ricordato celebrando il suo lascito in una intensa ed emozionante giornata di studi organizzata da Paolo Morello. Sono convinto che sia venuto il momento di dare sostanza al museo della città, approfondendo ed aggiornando la proposta di La Duca ai nuovi tempi.

Oggi Rosario La Duca ci spronerebbe a creare un museo della città concepito come un arcipelago di luoghi e itinerari, di storie e oggetti ma anche che abbia in un edificio dallelevato valore simbolico la sua porta di accesso. Non un contenitore ma un motore di ricerca, un portale da cui partire per andare ad esplorare il palinsesto della città, per ripercorrerne le storie, per leggerne le memorie, e per scrutarne il futuro. Un museo che si connetta agli altri musei e luoghi, policentrico e vivo, che si prenda cura della città, nutrendone la memoria, che custodisca il fuoco delle identità e non si limiti ad adorare le ceneri del passato. Questo, per me e per molti che vogliono impegnarsi per realizzarlo, è oggi un museo della città: un centro di ricerca, un dispositivo semiotico, un luogo pedagogico e comunicativo, un catalizzatore di bellezza e un attivatore di futuro. Contemporaneamente analogico e digitale, razionale ed emotivo, visuale ed esperienziale, estetico e politico, come era Rosario La Duca, che un programma di museo della città non solo lo ha concepito, ma lo ha instillato nella nostra quotidianità attraverso i suoi libri e la sua attività di studioso, come ha scritto Sergio Troisi nelle pagine di questo giornale. Un modo per proteggere il futuro della città a partire dalle sue storie, perché La Duca avvertiva con vigore la necessità che lo sfregio del sacco di Palermo fosse risarcito da unarmata di curatori dellidentità, educati al bello e a loro volta educatori alla cura e rispetto dei luoghi ancora non asfaltati e cementificati da una errata interpretazione della modernità. E lo strumento di questa legione di combattenti per il bello avrebbe dovuto essere proprio il Museo della Città, un luogo che, attingendo in maniera creativa alle testimonianze conservate negli altri musei cittadini, avrebbe costituito un racconto vibrante, sempre diverso, emozionale e non solo scientifico. Oggi, con gli avanzamenti della museologia urbana e della tecnologia digitale, quella lungimirante visione potrebbe trovare luogo, forme e linguaggi per essere realizzata.

Io non lo penso solo come un museo della città, ma lo immagino come un museo-città: un racconto urbanistico, un itinerario architettonico, culturale e sociale, che ci spinga a percorrerla, ad averne cura, a proteggerla, a considerarla la base concreta per reimmaginarla. Un organismo multicellulare che racconti, spieghi, diffonda la complessità di Palermo, senza ridurla, ma amplificandone la potenza di città cosmopolita di contrappunti e accordi, di luci e ombre, di scomparse e ritrovamenti. Rosario La Duca ci ha insegnato che il palinsesto urbano va attraversato tutto, nelle sue scritture nobili e popolari, in quelle concepite e in quelle vissute, è fatto di storia e di storie. Alcune sezioni del museo saranno le strade, altre i cortili, altre ancora le piazze. E come raccontare il sottosuolo se non visitandolo, quello geologico e quello archeologico, per leggere le fondamenta del palinsesto urbano. E poi palazzi, chiese, mercati, teatri, parchi e giardini, che non possono essere racchiusi, ma possono essere disvelati attraverso le arti visive e decorative, la letteratura, il folklore e la musica, e le nuove tecnologie potranno fargli raccontare le loro storie insieme a quelle delle persone. Un museo della città che inviti a vivere la città, a percorrerla come in un teatro della memoria, dove ogni architettura, ogni statua, ogni decorazione e ogni pianta ci racconti Palermo, quella tutto porto, prima, quella tutto orto, dopo, quella tutta arte, sempre. Un museo che non sia mai uguale, che attinga alla linfa vitale della città, che ne ospiti alcune parti come anteprima delle emozioni che vivremo sui luoghi reali. Il museo-città esiste, adesso dobbiamo realizzare la sua porta di accesso, la sua intelligenza centrale: un museo vero, nuovo, bello e con cui identificarci. Un edificio di architettura contemporanea, uno strumento per formare i cittadini e non solo per informarli, un interprete delle identità della città per i visitatori e non unattrazione per turisti. E forse, oggi, proprio larea su cui sorgeva Villa Deliella è luogo ideale, anche per risarcire questa città degli oltraggi del suo passato. E cosa meglio di memoria e futuro, di storia e progetto, possono ripagare la nostra comunità ferita nel cuore della sua città?




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news