LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per riorganizzare la lirica prima si deve studiare
Diego Longhin
2018-05-03, la Repubblica




Per giorni ha preferito osservare, leggere e meditare. Poi lex assessore alla Cultura dellera Chiamparino, Fiorenzo Alfieri, ha preso carta e penna per scrivere una lettera-commento indirizzata allOrchestra del Teatro Regio. Lo ha fatto dopo aver letto su Repubblica quello che il Movimento 5 Stelle, per bocca del consigliere comunale Massimo Giovara, ha in mente per il futuro dellente lirico torinese. Indicano il modello anglosassone per il Regio, ma quello che ho letto non ha nulla a che vedere con il modello anglosassone, sottolinea Alfieri dopo aver inviato la missiva.

Sulla programmazione basata sul repertorio lex assessore ha molti dubbi: Prima si va a scuola, dopo la scuola bisogna stare in formazione continua, ma peerché i musei o il teatro sia unoccasione di crescita bisogna che i soldi pubblici siano investiti in qualche cosa che tiri su il pubblico, non che lo tenga allo stesso livello. Il teatro lirico deve essere unoccasione di crescita. Non mancano gli esempi: Non credo che la Traviata o La Bohème farebbero sempre il tutto esaurito a Torino.

Alfieri non cita Giovara, ma è chiaro il riferimento. Come per tutte le cose, anche per il Regio chi governa dovrebbe avere una rappresentazione mentale dellargomento di cui si tratta, fondata non su battute che si colgono qua e là, per cui una vale laltra, ma sulla conoscenza di che cosa significa oggi nel mondo lopera lirica. Non farebbe male a chi governa anche una personale empatia con la medesima e una qualche frequentazione dei luoghi dove la si mette in scena. Se ci fossero queste condizioni di base sarebbe impossibile fare affermazioni come quelle che i giornali hanno attribuito a un consigliere emergente della commissione cultura del Comune, che non ho il piacere di conoscere, scrive Alfieri. E aggiunge: Avere a disposizione una macchina potente come il Regio che ha un bilancio di molto superiore a quello dellintero assessorato alla Cultura, solo per ammannire il repertorio più consolidato con allestimenti modesti allo scopo di riempire tutti i posti che la sala contiene (basandosi evidentemente sul principio che il popolo è bue), ti porta a dire che sarebbe infinatemente più vantaggioso, dal punto di vista economico, allestire una di quelle macchine da pubblico, diffuse nel mondo, che per anni interi propongono lo stesso musical pieno di effetti speciali a platee di consumatori, senza offesa, piuttosto modesti dal punto di vista intellettuale.

Alfieri dice che un vero grande teatro dopera è una componente fondamentale di una comunità urbana perché eleva il livello culturale dei cittadini a partire dai bambini, promuove la ricerca e linnovazione di nuovi modi di fare teatro, permette lo scambio tra i migliori allestimenti prodotti nel mondo, fa sì che la sua o le sue orchestre siano delle vere e proprie fabbriche di formazione di nuovi musicisti e di progetti musicali di livello internazionale, è centro di elaborazione dei migliori prodotti audio-video. Gli stessi edifici che ospitano i teatri sono dei complessi produttivi impressionanti che garantiscono la copertura degli eventuali deficit tipici dei luoghi dove si fa cultura con proventi derivanti da servizi e da attività commerciali. Se si fossero visitati i teatri dopera che ci sono nel mondo, e non solo i più celebri ma anche quelli distribuiti, per esempio, in tutte le città di media taglia della Germania, si riuscirebbe a mettersi allaltezza dellargomento e non si pretenderebbe di dettare linee di pensiero e di lavoro fondate su luoghi comuni e sulla non-conoscenza. Per Alfieri vale la regola che tutto è migliorabile e tutto ciò non significa che non ci sia ancora tanto da fare per trasformare il Regio in uno dei teatri che ho cercato di descrivere, ma prima di parlare e di agire bisogna studiare. Questo elementare principio mi pare sia passato di moda in alcuni degli ambienti dove si dice di voler fare politica culturale a Torino.






news

15-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news