LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Il mistero dellanfiteatro di Palermo
2018-05-05, LA REPUBBLICA




La città possedeva un edificio destinato agli spettacoli ma le tracce delletà romana sono state cancellate: ungiallo archeologico

Di sicuro, anzi di altamente probabile, cė soltanto che si trovava da qualche parte della città antica; ma dove con esattezza non si sa, e neppure quale fosse la tipologia tra i luoghi che i romani dedicavano a giochi e rappresentazioni. Si parla di teatri e anfiteatri, menzionati più o meno direttamente nelle fonti, ricercati dalla storiografia indagando nella topografia attuale la configurazione della Palermo antica, punica e romana e su cui adesso ritorna con un articolo (Per lidentificazione dellanfiteatro di Palermo romana e altre considerazioni sugli edifici per spettacolo) Paolo Storchi, dellUniversità di Bologna, riesaminando lintera questione e avanzando alcune ipotesi.

Questione tuttaltro che semplice, perché a differenza di altre città dove limpianto romano è ancora leggibile o almeno identificabile, a Palermo le vicende urbanistiche a partire dalla dominazione islamica hanno in parte alterato lassetto precedente, occultando o cancellando le tracce degli edifici più rappresentativi delletà romana, non solo teatri, anfiteatri e circhi ma anche il luogo deputato della vita pubblica, il Foro.

Nel suo articolo Storchi procede con ordine: ripercorre la storia del tracciato della città fenicia, ricorda come una città elevata al rango di colonia quale Palermo difficilmente poteva rinunciare a un anfiteatro, cita liscrizione commemorativa rinvenuta a San Cataldo a proposito di un certo Aurelianus che aveva offerto ai suoi concittadini - in due diversi edifici - giochi gladiatori e venatori, e si tratta della testimonianza più preziosa sulla esistenza di un anfiteatro (segno architettonico tra i più diffusi della romanizzazione politica e territoriale) a Panormo.

Poi però gli indizi diventano labili, mancano toponimi antichi che possano fungere da guida, le tracce si confondono sino a svanire: qualcuno ipotizza addirittura che già in età fenicia potesse sorgere un teatro secondo il modello greco, con la cavea cioè adagiata su un pendio naturale, altri propendono invece per un edificio costruito con le tecniche romane, con la gradinata quindi sostenuta da archi e volte. In entrambi i casi la domanda più suggestiva, dove fosse ubicato, rimane aperta, e non può essere altrimenti.

Storchi mette in campo tutte le ipotesi.

La prima concerne la favoleggiata Aula Verde del Palazzo normanno di Ruggero, da alcuni storici come Nino Basile e Michele Amari già individuata come teatro o come circo, luogo adibito anche a rappresentazioni, di cui il domenicano Tommaso Fazello racconta (nel 1558) la rovina definitiva avvenuta ai suoi tempi quando, spogliata dai marmi e usata come cava, venne infine spianata. A favore, giocano la possibile vicinanza col Foro tra le attuali piazze Vittoria e del Parlamento e la continuità duso, importante nelle vicende urbane; contro, la probabile pianta quadrangolare di quello spazio porticato, analoga semmai a quello delle basiliche. La seconda e meno convincente, formulata attraverso una incisione francese ottocentesca che riproduce un lavatoio dalla struttura semicircolare simile a quella di un teatro senza però alcuna individuazione topografica (potrebbe invece trattarsi della zona dei Danisinni, caratterizzata proprio da un lavatoio) condurrebbe al rione della Panneria, nellarea del Transpapireto. Lipotesi più intrigante, che Storchi analizza lungamente, è però la terza.

Siamo sempre in un campo puramente indiziario. Larea questa volta è quella compresa tra le attuali vie Monteleone, Roma, San Basilio e piazza San Domenico, che lautore legge attraverso una moderna ortofotocarta realizzata nel 2000 e una mappa catastale del periodo borbonico, prima cioè che il taglio della via Roma sconvolgesse un impianto urbano già alterato, tra gli altri fattori, dallampliamento del piano di San Domenico. Qui, il disegno ad arco di alcune coperture e il tracciato a raggiera delle strade potrebbe ricalcare i cunei di un anfiteatro, che sarebbe così stato edificato (a partire da tale linea Storchi proietta il disegno complessivo delledificio, con orientamento pressoché ortogonale a quello di piazza San Domenico) aldilà del confine del Papireto e della cinta muraria, prossimo allantico porto e al presunto asse di una arteria consolare quale la via Valeria così da favorire afflusso e deflusso degli spettatori.

Non è molto, daccordo, ma larcheologia talvolta riserva sorprese. In fondo, solo di recente è stato rintracciato il teatro di una città nellattività ben più importante di Palermo quale Agrigento.



news

15-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news