LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quell'errore di Michelangelo in San Pietro e le altre lettere: il tesoro dell'archivio Vasari
di Francesca Sironi
02 maggio 2018 l'Espresso


Pubblichiamo in esclusiva alcuni dei documenti ora diventati di proprietà dello Stato e appartenenti all'archivio Vasari. Tra le missive di grandi artisti del Rinascimento, anche uno scambio tra Giorgio Vasari e Michelangelo, che confessa uno sbaglio in un cantiere


I contatti con Michelangelo, che Vasari nellAutobiografia fa risalire agli anni del suo primo soggiorno fiorentino (1524-1527), si evolvono in un rapporto più stretto nel periodo in cui egli inizia a lavorare a Roma per il Cardinale Alessandro Farnese, nipote del Pontefice Paolo III (1542-1543), spiega la soprintendente Toccafondi. Nel medesimo tempo, facendo io gran servitù a Michelangelo Buonarroti, e pigliando da lui parere in tutte le cose mie, egli mi pose, per sua bontà, molta più affezione (), scrive lo stesso.
Nellautorappresentazione che Vasari ci lascia di sé - tanto nelle Vite che nellAutobiografia un posto di tutto rilievo spetta dunque al suo rapporto con Michelangelo, prima maestro riconosciuto e venerato e poi anche carissimo amico e corrispondente affettuoso: né credo - afferma Vasari - che ci sia nessuno che possa mostrare maggior numero di lettere scritte da lui proprio, né con più affetto che egli ha fatto a me.
Per documentare questo legame del tutto speciale con Michelangelo Vasari pubblica nella seconda edizione delle Vite (1568) molte delle lettere che il Buonarroti gli ha inviato, tra le quali quella che compare nella pagina qui presente (Giorgio amico caro, voi direte bene chio sie vecchio e pazzo a voler far sonecti), accompagnata dal sonetto Giunto è già l corso della vita mia..


Fonte: Museo Casa Vasari di Arezzo, Archivio Vasari
Michelangelo scrive a Vasari di un errore che ha notato nella struttura per la cupola della Cappella del Re di Francia in San Pietro, mentre è impegnato proprio nel cantiere vaticano. Disegnando l'errore, mostra: La centina segniata di rosso la prese il capo maestro in sul corpo di tucta la volta, di poi come si cominciò apressare al mezzo tondo che è nel colmo di decta volta sachorse dellerrore che facea decta centina, come si vede qui nel disegnio, che con una centina sola si governava dove anno a essere infinite, come son qui nel disegnio le segniate di nero

Ma la parte più commovente è in fondo, dove spiega lo sbaglio: Questo errore, avendo il modello facto a punto come fo dogni cosa ma è stato per non vi poter andare spesso per la vechieza, e dove io credecti che ora fussi finita decta volta non sarà finita in tucto questo verno, e se si potessi morire di vergognia e dolore io non sarei vivo. Pregovi raccuagliate il duca perché non sono ora a Firenze benchè più altre cose mi tengono che io non le posso scrivere. Vostro Michelagniolo in Roma


Fonte: Museo Casa Vasari di Arezzo, Archivio Vasari
Seconda pagina della lettera in cui Michelangelo mostra il proprio errore, con un disegno, all'amico Giorgio Vasari

Paolo Giovio in Roma a Giorgio Vasari in Firenze, 2 aprile 1547
Excellente messer Giorgio, mio onorandissimo, scrive Giovio: (...) La vostra lettera è tutta da filosofo; come spero che farete in compilare il bel libro delli famosi pictori, qual vi farà certo immortale, perché in fatto, le cose che avete fatto a Monte Oliveto in Napoli a quelli tiranni delle frittate grosse e grasse alla fine saranno chachabaldole colsumate dal salnitro e dalle tarle, ma quello che scriverete non lo consumerà il ladro tempo

Negli anni in cui acquista, costruisce e decora la sua casa aretina (1540-1548) Giorgio Vasari ha contatti con lambiente culturale veneziano e con quello che a Roma gravita intorno al Cardinale Alessandro Farnese e ne è profondamente influenzato, spiega Diana Marta Toccafondi, soprintendente archivistica e bibliografica della Toscana: Secondo la sua stessa testimonianza è proprio nel circolo di intellettuali, per lo più letterati, che si riuniva a casa del Cardinale Farnese che nacque, su suggestione degli Elogia di Paolo Giovio e del suo Museo di Ritratti degli uomini Illustri, il progetto della pubblicazione delle Vite. La stesura dellopera è incoraggiata e seguita dallo stesso Giovio e da Annibal Caro, che nelle loro lettere esprimono ripetutamente la convinzione, divenuta poi centrale anche in Vasari, che solo la scrittura garantisca la trasmissione della memoria dei fatti narrati e la fama imperitura degli autori


Annibal Caro in Roma a Giorgio Vasari in Rimini, 15 dicembre 1547
Messer Giorgio amatissimo, scrive Annibal Caro: mavete data la vita a farmi vedere parte del Commentario che avete scritto de gli artefici del disegno che certo lho letto volentieri e più par degno desser letto da ognuno per la memoria che vi si fa di molti uomini da bene e per la cognizione che se ne cava di molte cose e di varii tempi (). Solo vi disidero che se ne levino certi trasportamenti di parole e certi versi posti in fine () In unopera simile vorrei la scrittura apunto come il parlare () Del resto mi rallegro con voi che ne la professione altrui abbiate fatta sì bella e sì utile fatica e vi annunzio che sarà perpetua

Nel 1527, spiega la soprintendente Toccafondi, lanno terribile del sacco di Roma da parte dei lanzichenecchi di Carlo V e della peste, diffusa nella penisola dal passaggio delle armate imperiali, Vasari è costretto a lasciare precipitosamente Firenze - dove al Cardinale Passerini, suo protettore e reggente per conto dei Medici, è subentrato un governo repubblicano e rientrare ad Arezzo. Qui lepidemia che dilaga lo priva del padre Antonio ed egli, a soli sedici anni, si trova ad essere responsabile del sostentamento di una numerosa famiglia composta dalla madre, da tre sorelle e da due fratelli più piccoli di lui. Nonostante quanto Vasari stesso dichiara, è improbabile che, proprio in questo frangente, egli abbia iniziato la stesura delle Ricordanze, che anche studi recenti sono orientati ad attribuire ad unepoca più tarda. È tuttavia significativo che proprio da questo drammatico momento della sua esistenza egli abbia preso le mosse per costruire unimmagine di sé che corrispondeva ad un topos letterario ampiamente diffuso nel Rinascimento italiano: quello dellartista destinato, dopo un difficile esordio, ad incarichi sempre più prestigiosi e al successo anche economico nelle principali Corti della penisola.


Giorgio Vasari in Firenze a Cosimo de Medici a Poggio a Caiano, 26 dicembre 1556
Lettera autografa di Giorgio Vasari da Firenze al Duca Cosimo, che si trovava nella villa di Poggio a Caianao (datata 26 dicembre 1556).
Vasari riferisce di tutti i lavori che ha in corso a Pitti, alle Chiesa e alla Libreria di San Lorenzo, ecc. e chiede indicazioni (lasciando lo spazio per la risposta!). Il Duca rescrive manifestando la sua volontà (il rescritto è di mano del segretario). Per esempio, parlando dei lavori in san Lorenzo chiede se nella cappella mettere nelle finestre di vetro larme di Papa Clemente o anche quella del Duca. Cosimo rescrive larme sole di Papa Clemente

Non è un caso che Vasari entri stabilmente al servizio di Cosimo I solo dopo la battaglia di Marciano della Chiana (1554), in cui le truppe imperiali e ducali sbaragliano quelle franco-senesi, appoggiate dai fuorusciti fiorentini. Da questo momento in poi, spiega la soprintendente toscana Diana Toccafondi, egli svolgerà numerosi ed importanti incarichi, tra cui gli interventi di adeguamento e di trasformazione di Palazzo Vecchio, tenendosi in costante contatto epistolare con il Duca che gli risponderà, per il tramite dei suoi Segretari, con la consueta formula del rescritto, cioè della decisione ducale riscritta direttamente sulla lettera ricevuta.


Pietro Aretino in Venezia a Gualtieri Bacci in Arezzo, 20 giugno 1539
Nonostante Vasari dicesse che le lettere ricevute da Pietro Aretino gli erano care come i zuccherini delle monache a frati, nel suo carteggio non cè traccia delle dieci missive che il Flagello dei Principi gli indirizzò dal 1536 al 1550, e che oggi conosciamo solo attraverso ledizione che lAretino stesso curò nelle sue Epistole volgari, spiega la soprintendente Toccafondi.
Proprio per poterle dare alle stampe, lAretino era solito richiedere indietro gli originali delle sue lettere ai loro destinatari: è per questo motivo che di esse si sono perse le tracce. Le due lettere di Pietro Aretino costituiscono pertanto una piccola rarità. Indirizzate al comune amico Gualtieri Bacci, che forse le mostrò a Vasari, furono da questultimo trattenute tra le sue carte personali. Esse, pur risalendo a due periodi molto diversi dellavventurosa vita dellAretino, testimoniano dei forti legami che egli costantemente mantenne con la famiglia aretina dei Bacci e con il suo entourage.
Anche Vasari, amico di Gualtieri e teneramente preso di Maddalena Bacci, frequentava la famiglia Bacci già prima del suo matrimonio con Niccolosa di Francesco Bacci, avvenuto nel 1550.

Questa immagine riguarda una lettera risalente al periodo veneziano, quando lAretino, ormai famoso, ha già cominciato a pubblicare le sue epistole con leditore Marcolini. Oberato dal lavoro e con pochissimo tempo a disposizione, egli si scusa con il Bacci per non aver risposto alle sue lettere, ma gli assicura tutta la sua riconoscenza.



news

15-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news