LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Nuovi scavi per la metro? Vedremo...
Maria Egizia Fiaschetti
Corriere della Sera - Roma 6/5/2018

Il soprintendente Francesco Prosperetti è convinto che la metro C non abbia senso se non si riconnetterà alla linea A dopo San Pietro: dunque, sì alla prosecuzione del tracciato. Prima di valutare la fattibilità di una stazione nellansa barocca aspetta le indagini archeologiche, ma crede si possa cambiare approccio: dagli scavi a cielo aperto ai pozzi circolari di minore impatto.

Ai maligni non è sfuggita lassenza del Mibact alla conferenza stampa di venerdì nella quale il Comune, oltre ad annunciare lapertura della stazione San Giovanni (sabato la festa) ha espresso lintenzione di proseguire i lavori della metro C fino a Clodio-Mazzini, con possibile estensione alla Farnesina. Se non fosse che dal Collegio Romano non trapela alcun cenno di irritazione. Semmai, nella consapevolezza che in questa fase a prendersi la scena è il futuro del trasporto pubblico, ci si riserva di trarre le proprie valutazioni al momento opportuno. Ognuno fa il suo lavoro ribadisce il soprintendente Francesco Prosperetti . Noi arriviamo dopo, ma non vuol dire che abbiamo un ruolo secondario.

Soprintendente Prosperetti, lamministrazione vuole portare la tratta fino a piazzale Clodio con una stazione intermedia nellansa barocca: cosa ne pensa?

Ne discutiamo da un anno con Roma Metropolitane, la nostra posizione non cambia: la linea C ha un futuro solo se si riconnette alla A dopo San Pietro. Ha un senso se diventa un ramo ulteriore della rete metropolitana di Roma, carente rispetto ad altre capitali europee.

Per la stazione intermedia si parla di unarea tra Campo de Fiori e piazza Navona: la ritiene unipotesi praticabile?

Ad oggi è impossibile immaginare quello che non conosciamo, ci vorrebbe Nembo Kid. Saranno i sondaggi a stabilire la fattibilità, che dipende non solo dai ritrovamenti ma anche dalle nuove tecnologie.

Intende dire che, a priori, non si può escludere nulla?

Gli scavi a piazza Venezia hanno portato alla luce gli Auditoria di Adriano. Una stazione dovrà sorgere anche da quelle parti, ma tramite una serie di uscite le persistenze archeologiche non verrebbero compromesse, trovando una sistemazione definitiva di grande rilievo.

Come si potrebbe procedere nellarea che, nellantichità, corrispondeva al Campo Marzio?

Già un anno fa si è iniziato a immaginare un approccio diverso agli scavi: non più a cielo aperto come in via dellAmba Aradam, ma con pozzi circolari di 20-30 metri di diametro che, se da un lato non consentono lo stesso livello di fruibilità, dallaltro sono meno impattanti.

Dunque, nessun veto preventivo alla prosecuzione dei lavori.

Tuttaltro. Gli scavi della metropolitana sono per larcheologia una straordinaria occasione di conoscenza e godimento dei resti antichi. Permettono di spingersi a una profondità sconosciuta, le indagini stratigrafiche allAmba Aradam sono senza precedenti considerato che di quella caserma non cè traccia neppure nelle fonti.

Il metodo seguito finora potrebbe dettare la linea anche per il futuro?

Nellultima audizione allAnac Cantone (Raffaele, presidente dellAnticorruzione, ndr) ci ha dato pienamente ragione sulle metodiche applicate nei lavori in corso allAmba Aradam. Abbiamo dimostrato di poter ricollocare i reperti doverano e comerano. Sono particolarmente tranquillo.




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news